Covid, 4 regioni a rischio moderato ma c’è ottimismo

Covid Italia, i numeri del contagio da coronavirus: i ricoveri, le terapie intensive, i vaccini e le nuove regole imposte dal governo per limitare la diffusione dell'epidemia.

3' di lettura

La situazione del contagio da Covid in Italia continua a migliorare, nonostante ci siano ancora quattro regioni a rischio moderato (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

I dati dell’ISS infatti registrano una lieve riduzione, a livello nazionale, di ricoveri nei reparti ordinari e di posti letto nelle terapie intensive.

Abruzzo, Molise e province autonome di Bolzano e Trento sono però osservate speciali. C’è qualche segnale che, se non colto in tempo, potrebbe portarle di nuovo in Zona Gialla.

Il resto d’Italia invece, anche grazie alla campagna vaccinale pienamente operativa, è in Zona Bianca.

Covid Italia, i numeri

Le persone ricoverate nei reparti di terapia intensiva sono 554 (6,1%), mentre quelle degenti in reparti ordinari sono 4.307 (7,2%). Entrambi i dati in lieve riduzione rispetto alla settimana del 7 settembre.

Tra il 25 agosto e il 7 settembre, inoltre, è sceso anche l’indice Rt da 0,92 a 0,85.

L’incidenza della malattia su centomila abitanti, indicatore chiave della diffusione epidemica, è scesa da 64 a 65.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Covid, obbligo di Green Pass a lavoro

Una delle misure più discusse per arginare la diffusione del Covid è quella di imporre il possesso della Certificazione Verde sui luoghi di lavoro, sia pubblici che privati.

In entrambi i casi a verificare i dipendenti all’ingresso dovranno essere dei collaboratori esterni o qualcuno all’interno dell’azienda stessa, ma sempre sotto direttiva dei dirigenti.

Chi si rifiuta di procedere in questo modo sarà considerato assente ingiustificato e, oltre alla sanzione prevista, gli verrà sospeso lo stipendio.

Le ritorsioni scattano dal quinto giorno di assenza ingiustificata, in caso di posti pubblici, dal primo giorno invece nel privato.

Covid, 4 regioni a rischio moderato ma c'è ottimismo
Covid, 4 regioni a rischio moderato ma c’è ottimismo

Covid, vaccini: terza dose in arrivo

Sono cominciate le somministrazioni delle terze dosi di vaccino per i pazienti fragili. La decisione è stata presa per garantire una protezione più solida in vista della stagione fredda.

L’accelerazione è dovuta principalmente al timore di una sindemia, ossia la coesistenza massiva di due malattie infettive nella stessa popolazione. Stiamo parlando del Covid-19 e dell’influenza stagionale, che l’anno scorso siamo riusciti a tenere a bada (grazie alle mascherine).

Per adesso la terza dose è prevista soltanto per i pazienti fragili, dato che la copertura vaccinale per tutti gli altri è garantita per 9-12 mesi, al termine dei quali si valuterà se è il caso di procedere con un’ulteriore somministrazione.

Potrebbero interessarti anche:

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie