Covid, pillola Merck: cos’è e chi può curare

Cos'è la pillola Merck, approvata da pochissimo dall'Agenzia del Farmaco Inglese. Il farmaco cura il Covid in pazienti con sintomi lievi.

2' di lettura

L’Agenzia per il Farmaco inglese (MHRA) ha autorizzato la produzione e la commercializzazione della pillola Merck anti-Covid. La fiducia nel progetto è talmente tanta che lo stesso Governo ha già preordinato circa 480.000 dosi (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

La pillola Merck si è rivelata efficace per ridurre, di circa il 50%, la possibilità di ricovero per chi si è ammalato e dimostra sintomi lievi.

L’antivirale in pillole è stato studiato, ideato e prodotto dalle industrie farmaceutiche statunitensi Merck Sharp & Dohme. Il principio attivo sfruttato si chiama molnupiravir.

L’utilizzo, al momento, è ristretto per i pazienti a rischio. Con questa denominazione si intendono quelle persone che abbiano almeno uno tra i fattori di rischio per lo sviluppo di un’infezione grave: diabetici, malati di cuore, ultrasessantenni, obesi

La raccomandazione è che la pillola Merck venga utilizzata entro cinque giorni dall’insorgenza dei primi sintomi. L’importante è che vengano assunte due dosi al giorno nelle fasi precoci dell’infezione.

La pillola Merck sarà disponibile già da fine anno. Non sarà l’unica sul mercato, anche Pfizer sta facendo studi ed esperimenti per poterne commercializzare una.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pillola Merck in Italia

Anche l’AIFA ha cominciato una «rolling review» per consentire l’utilizzo del farmaco in Italia.

Vista la recentissima approvazione dei colleghi inglesi, probabilmente, ci sarà un’accelerazione delle analisi e un coordinamento più serrato con l’Agenzia Europea del Farmaco (EMA).

L’Italia si sta muovendo infatti su più fronti per fronteggiare la prossima ondata di contagi, prevista con il picco dell’epidemia influenzale, quindi tra gennaio e febbraio 2021.

Lo strumento fondamentale per la lotta al Covid-19 restano comunque i vaccini. La quasi totalità dei nuovi contagiati infatti, soprattutto quelli gravi, riguarda i non vaccinati, anche tra i più giovani.

Notizia di questi giorni è quella di un ragazzo di Cosenza di 16 anni, non vaccinato, in terapia intensiva.

Covid, pillola Merck: cos'è e chi può curare
Covid, pillola Merck: cos’è e chi può curare

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie