Ragazzo col covid: un incubo, mi hanno trattato come un untore

Il lungo sfogo del giovane di Agropoli contagiato dal coronavirus. E' in ospedale da quindici giorni. I pettegolezzi, le cattiverie, le falsità. E il dolore vero dei tanti che soffrono, che non riescono a respirare. “La paura deve rendere più solidali, non più cattivi”.

Lo sfogo sui social del ragazzo di Agropoli contagiato dal Covid: è un incubo ho sentito solo cattiverie e falsità.
Lo sfogo sui social del ragazzo di Agropoli contagiato dal Covid: è un incubo ho sentito solo cattiverie e falsità.


4' di lettura

Un lungo sfogo, affidato alla sua pagina social. Per raccontare il covid da dentro, per fare chiarezza su tutto quello che è accaduto ad Agropoli, sulle voci incontrollate che sono circolate, sulle cattiverie, i pettegolezzi, sugli aspri, ingiustificati e ingiusti giudizi su una generazione.

Le parole del giovane di Agropoli contagiato dal Covid, e ricoverato in ospedale, sono una testimonianza precisa, lucida e intima su quello che significa contrarre il coronavirus. Su quello che comporta per la salute, certo, ma anche su un linciaggio sociale che rischia di essere peggiore del male.

Per ovvi motivi di riservatezza – anche se il ragazzo ha deciso di esporsi pubblicamente – evitiamo di pubblicare il suo nome. Ma restano le sue parole, la sua storia e forse un insegnamento, per tutti. In particolare per chi ha più anni di lui.

Ecco il testo del suo post.

“Un incubo. Sono giorni difficili, tristi. Per colpa del destino, dei giornali, della gente spesso cattiva e ignorante, del pettegolezzo e anche della comprensibile preoccupazione di molti. Voglio fare un po’ di chiarezza, e per farlo non ho timore di espormi personalmente”.

I nomi dei ragazzi resi noti subito

“Anche perché – continua il giovane – non cambierà nulla rispetto a una situazione in cui i nomi dei soggetti di questa vicenda sono stati resi noti fin da subito, in maniera quasi automatica, senza alcun rispetto per la loro riservatezza e serenità. Se l’assenza di privacy può servire alla causa della salute, si accetta anche questa. Ma a ben vedere i provvedimenti delle autorità basterebbero da soli a regolare la situazione, e sì risparmierebbe l’inutile stuolo di polemiche e linciaggi ingiustificati. Ma tant’é”.

Non ho mai detto di aver contratto il virus ad Agropoli

“Non ho mai detto di aver contratto il virus ad Agropoli, ho semplicemente fatto presente che quando non si ha la certezza, la prova di qualcosa, è preferibile non parlarne, non riportare come certe notizie solo probabili. Non si ha la certezza che io sia stato contagiato a Capri anche perché non ho avuto nessun contatto con i ragazzi di Roma presenti sull’isola. Potrebbe essere come potrebbe non essere. Ma in fondo questo che importanza ha rispetto al giudizio sulla persona?”

Qui in ospedale ho visto tanti che soffrono

“Dalla fine del lockdwon ho svolto la vita dei miei coetanei provando a riconquistare una parvenza di normalità, come del resto i nuovi regolamenti consentivano. Potremmo avere sottovalutato i rischi, è vero, ma essere contagiati non si sceglie. Ora l’importante è che guariscano presto gli altri quattro ragazzi positivi, che la catena dei contagi ai arresti e che al più presto io possa uscire da quest’ospedale. Perché, credetemi, stare 15 giorni in una stanza chiusa su di un letto d’ospedale non è facile. Sto vedendo tante scene non piacevoli, arriva gente che fatica a respirare, gente che passa dal reparto dove mi trovo a quello di terapia intensiva, persone anziane che soffrono”.

Quante cattiverie sono state dette

“Si dicono tante cose senza conoscerle. Vorrei allegarle qui tutte le cattiverie scritte. Qualche agropolese afferma che io abbia girato per Agropoli consapevole dei sintomi del Covid, altri ne approfittano per lanciare sentenze generali su un’intera generazione e sui suoi valori. Amo la mia famiglia, amo i miei amici, amo la persona che più di tutti mi sta vicino in questo momento, amo tutti voi che mi state mandando un pensiero per farmi stare meglio”.

Non potrei mai far del male a chi voglio bene

“Come avrei mai potuto fare del male a queste persone? Appena ho avuto il minimo sintomo mi sono chiuso in camera (giovedì), venerdì ho avuto la febbre alta e subito ho chiamato il mio medico che a sua volta ha avvisato l’Asl e sono venuti a farmi il tampone. La mattina successiva mi hanno ricoverato. A molti piace trovare il capro espiatorio, il colpevole, l’untore anche in una situazione così delicata”.

La paura deve spingere alla solidarietà

“La legittima paura di una comunità dovrebbe spingere soltanto alla solidarietà e al rispetto delle regole, e non allo sfogo collettivo verso le persone che volta per volta si trovano a combattere con la pandemia. Per questo ringrazio di nuovo coloro che si stanno prendendo sinceramente cura di me, e spero come tutti che quando questo panico sarà solo un ricordo, sapremo comprendere l’importanza, per una comunità, del silenzio e della comprensione”.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie