Covid, elezioni regionali: come votare in sicurezza

Votare in sicurezza evitando il contagio da Covid-19 è possibile. Basta seguire delle semplici regole di igiene personale e mantenere il distanziamento sociale. I seggi elettorali saranno inoltre allestiti in modo tale da evitare gli assembramenti e favorire il ricircolo d'aria.

Covid, elezioni regionali: come votare in sicurezza
Come votare in sicurezza alle prossime elezioni.
3' di lettura

Dopodomani si tornerà al voto in sette regioni e oltre mille comuni; ci sarà inoltre anche il referendum costituzionale per il taglio al numero dei parlamentari. Con il contagio da Covid ancora in corso bisogna stare attenti a comportarsi responsabilmente per evitare di contrarre il virus o di infettarlo agli altri.

Il governo nei giorni scorsi ha pubblicato delle linee guida che le sedi elettorali dovranno seguire per essere a norma. Ma oltre a quello che devono fare gli altri, è anche importante capire come possiamo comportarci. Ecco una serie di buone norme da seguire per evitare la diffusione del contagio.

Covid e elezioni: come votare in sicurezza

Nulla è meno rischioso di rimanere chiusi nelle proprie abitazioni e questo è un dato di fatto. Uscire di casa e visitare luoghi frequentati da altre persone aumenta statisticamente il rischio di contrarre il coronavirus. Detto questo, il seggio elettorale dovrebbe però essere molto più sicuro di tanti altri luoghi che frequentiamo.

Le linee guida del governo

Innanzitutto, secondo i decreti e le circolari ministeriali, in ogni seggio si dovrà stare in fila ad almeno un metro di distanza. La distanza dovrà essere rispettata non solo tra i votanti, ma anche tra gli scrutatori e tra gli scrutatori e i votanti.

Ogni interazione sarà limitata infatti al minimo. La procedura solita, secondo la quale il votante una volta aver piegato la scheda deve consegnarla allo scrutatore, non sarà seguita. Bisognerà inserire personalmente la scheda all’interno dell’urna.

Non ci dovrebbero essere neanche problemi per i flussi di entrata e di uscita delle persone, che seguiranno dei percorsi appositi identificati con una segnalitica apposta per l’occasione.

Gli ingressi saranno contingentati. Non ci saranno quindi assembramenti e, all’esterno degli edifici, saranno adibite apposite aree di attesa.

L’unico momento in cui sarà consentito rimuovere la mascherina all’interno dell’edificio sarà durante l’identificazione, ossia il momento in cui si mostra la carta d’identità e si deve dimostrare di essere davvero la persona dichiarata.

Dovrà essere favorita l’areazione naturale, quindi i locali di voto avranno finestre che permetteranno un continuo ricircolo d’aria.

Le pulizie saranno fatte sia prima del voto che tra le giornate di voto. Ma anche durante il voto: dovranno essere periodicamente disinfettati gli spazi e le superfici, comprese le cabine di voto e i bagni.

In ogni seggio poi ci saranno dispenser di gel per la disinfezione delle mani. Si dovranno igienizzare le mani prima all’ingresso e poi prima di entrare nella cabina elettorale. È consigliata un’ulteriore disinfezione anche all’uscita della cabina. Questo quindi dovrebbe allontanare tutti i timori per l’utilizzo della stessa matita per tutti. L’uso dei guanti è solo consigliato per gli scrutatori durante le operazioni di spoglio.

Secondo il Comitato Tecnico Scientifico non c’è bisogno di misurare la temperatura all’ingresso. Questo quindi sarà a discrezione delle direttive comunali o regionali. Ciò che invece è richiesto è quello che d’altronde dovrebbe già dettare il buonsenso, non recarsi al seggio se:

  • Si ha temperatura corporea che supera i 37,5 gradi;

  • Se negli ultimi 14 giorni si è stati in quarantena o in isolamento;

  • Se negli ultimi 14 giorni si è stati a contatto con persone positive.

Precauzioni per chi è particolarmente a rischio

Ci sono categorie di persone che, per l’età avanzata oppure per varie patologie, sarebbero in grave difficoltà se contraessero il virus. Per questo l’ideale sarebbe che queste persone avessero qualche accortezza in più quando andranno a votare.

Ad esempio, bisognerebbe limitarsi a votare e poi andare via. Evitare di intrattenersi a chiacchierare con gli altri diminuisce il rischio di contagio.

Proprio per scansare possibili assembramenti, bisognerebbe anche votare il prima possibile. Magari la mattina presto. In alternativa in orari in cui solitamente c’è meno affluenza, come durante il pranzo o poco prima della chiusura dei seggi.

I rischi dell’ansia

Un altro fattore da considerare è quello dell’ansia. Bisogna valutare se in un luogo affollato, con il rischio di contrarre il virus o trasmetterlo, si sarebbe in ansia e in tensione. In questi casi il consiglio è di nuovo quello di andare ai seggi negli orari dove c’è un’affluenza minore.

In caso si avvertisse che l’ansia sta aumentando con l’avvicinarsi della data del voto, sarebbe il caso di valutare, con un supporto psicologico, se è il caso o meno di recarsi al seggio elettorale.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie