Ma quale crisi di governo… è l’Italia, bellezza

Caos e crisi in Italia sono un corpo unico. Se ci aggiungiamo il malgoverno, poi, la situazione è delineata: non è né grave né seria. Semplicemente ordinaria amministrazione.

2' di lettura

Un popolo in fibrillazione. Perché mai? Si è aperta la crisi di Governo. Oh my god!

E cosa cambia rispetto alla normalità? L’Italia è in crisi da sempre.

Senza scomodare più di tanto Papà Storia, rimanendo confinati al solo Stato Repubblicano, non si conoscono momenti in cui non vi sia stata crisi.

Crisi di Governo, crisi delle Istituzioni, crisi dell’Ordinamento, crisi della Giustizia, crisi della Scuola, crisi della Sanità, crisi della Pubblica Amministrazione, crisi delle Imprese, crisi della pensioni, crisi degli ammortizzatori sociali, in una parola: crisi!

Anzi in due, crisi e caos. Vogliamo aggiungerci la terza? Ma si, andiamo: malgoverno.

Quindi perché preoccuparci? D’altro canto l’eroe della crisi, per alcuni, o la canaglia, per altri, Matteo Renzi, ha assicurato che i voti non mancheranno sui provvedimenti di straordinaria amministrazione: recovery plan, scostamento di bilancio e ristori sono garantiti.

E dunque, ancora una volta, perchè preoccuparci? Di cosa?

L’italiano medio è personaggio da crisi. Vive in crisi. Sguazza nella crisi. Sfrutta la crisi.

Crisi, caos e malgoverno l’hanno fatta da padrone, da sempre.

Ricordate di momenti in cui si è potuto affermare che vi fosse un filo rosso capace di collegare, far marciare e rendere efficienti i vari pezzi dello Stato?

O qualcuno può inanellare una serie di riforme o di strumenti in grado di farci vivere meglio? Di far funzionare qualcosa? Di rendere efficiente ed al servizio del cittadino la pubblica amministrazione? I servizi essenziali? Gli stessi corpi armati?

Rivoluzione e progresso…chi sono costoro?

Efficienza e capacità…esistono per davvero?

Se ci aggiungiamo anche il potere diffuso in capo a chiunque, la deresponsabilizzazione rispetto ad ogni comportamento, il nepotismo e gli amici, il mercimonio, le caste e la corruzione – connotati essenziali della nostra vita pubblica – beh, l’ultima cosa di cui aver paura o timore è proprio la crisi di un qualsivoglia governo.

Perché vedete: un governo sfiduciato, in ordinaria amministrazione, con i provvedimenti eccezionali per fronteggiare la crisi assicurati, è un governo normale, è un governo italiano, è l’ultima cosa di cui angosciarsi, in terra italica.

E un governo di tal fatta, con la fiducia, come quelli che abbiamo dovuto digerire negli ultimi venti anni, cosa potrebbe aggiungere mai?

La peggiore classe dirigente nostrana, per la peggiore crisi mondiale.

Crisi al buio? Crisi al buio. Perchè conosceste di crisi alla luce?

Qualcuno insorge: v’è però la pandemia…

E quindi? Governano tutti, a tutti i livelli, dal centro alla periferia. Continuano a farlo da un anno, insieme, senza grosse distinzioni. All’ultimo sindaco è tollerato di chiudere, mentre il governo ha deciso di aprire, sugli stessi dati e le medesime basi scientifiche inviate proprio dalla base al centro. Quindi?

Nulla si crea, nulla si distrugge. Tutto si trasforma, però.

Si può galleggiare, con un governo, ma anche senza. Non disperate. La sfangheremo comunque. È normale. Siamo così. È l’italia.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie