La Nuova Psicologiasenzacategoria

Curare le vostre fobie con la realtà virtuale: vi spiego come

0
3' di lettura

La realtà virtuale usata per guarire le fobie. Non è fantascienza.

Paura dell’altezza?

Non riesci a parlare in pubblico?

Paura dei ragni?

Difficoltà a guidare ?

Cos’è la VR , Realtà Virtuale?

Lanier: “La VR è una tecnologia usata per sintetizzare una realtà condivisa. Ricrea la nostra relazione con il mondo fisico su un nuovo piano. 

Il termine nasce nel 1988 in un’intervista a Jaron Lanier, informatico, compositore e saggista statunitense, pioniere della virtual reality.

Un Sistema di realtà virtuale è un insieme di dispositivi informatici in grado di consentire un nuovo tipo di interazione uomo-computer.  Nasce come nuovo modo di acquisire le informazioni: simula un’esperienza esistente riproducendo un contesto reale il più accuratamente possibile e genera una nuova esperienza.

La creazione di altre realtà ha avuto da sempre un interesse prevalentemente estetico, poi, con il passare del tempo, sempre più ludico. E’ sufficiente pensare al casco VR utilizzato in alcune console di gioco come la ps4, che insieme ad altri speciali dispositivi è in grado di aumentare la percezione di “presenza” e di immersione del giocatore.

Ma questa nuova tecnologia già consente di superare molti confini delle scienze: la biologia, le neuroscienze e la psicologia, traggono innumerevoli benefici dalle nuove apparecchiature e strumenti che ci permettono di osservare più intensamente la realtà e adesso anche di trasformarla.

Leggi anche  Pizzo ai pakistani a Monteforte: scarcerato un altro indagato

In pratica si indossa il casco e ci si trova all’interno di uno spazio in cui ci si può muovere. Se si fa un movimento lo spazio cambia. Superata una sensazione strana che dura per i primi 10 minuti, si dimentica la realtà conosciuta e ci si trova in un’altra realtà, stavolta sconosciuta, ma assolutamente convincente. Si ha l’impressione inconfondibile di volare, di toccare, di muoversi nello spazio e l’esperienza è reale.

Trattare le Fobie con la VR è possibile?

La maggior parte dei problemi legati alle paure dei soggetti fobici sono quelli associati all’ ansia irrazionale, in questi casi il trattamento con VR può essere veramente molto utile. 

L’ansia è considerata irrazionale quando l’emozione non è coerente con la situazione vissuta e crea difficoltà nella vita quotidiana. Per esempio, un abile ed esperto autista può smettere di guidare a seguito di un incidente in cui è rimasto coinvolto, oppure può continuare a guidare ma con capacità ridotta a causa dell’ansia che disturba il suo livello di attenzione.

Leggi anche  Il Fuoco freddo dell’arte per salvare una gioventù bruciata

Un’ indagine della letteratura psicologica e psichiatrica rivela che per mezzo della VR può essere trattata una vasta gamma di problemi con notevole possibilità di successo. Una parziale lista di fobie che sono state trattate con successo è la seguente: paura dell’altezza, paura di guidare l’auto, paura di una varietà di animali, paura di viaggiare in aereo, paura dell’acqua, paura del rifiuto degli altri, paura delle iniezioni, paura della folla, paura della violenza fisica.

Perché Funziona?

Il paziente che indossa il casco VR:

• Vive una situazione che sembra reale

• è consapevole di non essere nella realtà

• Il suo cervello risponde e si attiva come se fosse reale grazie ai Neuroni Specchio che consentono un nuovo apprendimento

• La persona sperimenta e apprende nuove strategie per gestire l’esperienza fobica

Scenari virtuali creati da psicologi e psichiatri danno oggi un grandissimo contributo al trattamento delle fobie.

L’applicazione della VR alla terapia cognitivo comportamentale, per  migliorare la vita delle persone con l’utilizzo delle nuove tecnologie, permette in questo modo di affrontare e superare le paure irrazionali più invalidanti e profonde.  

Così la depressione ha ucciso la mia gemella: cronache del male nero

Articolo precedente

Ecco come diventare mercenario e guadagnare 2mila euro al giorno

Articolo successivo

Commenti

Rispondi