Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Naspi gennaio 2023: quando arriva? Date previste

Naspi gennaio 2023: quando arriva? Date previste

Il pagamento della disoccupazione si avvicina. In questo articolo vediamo quando arriva la Naspi a gennaio 2023.

di Chiara Del Monaco

Gennaio 2023

Con l’inizio del mese ricominciano i pagamenti delle varie prestazioni per famiglie e non solo, destinate a diverse categorie di cittadini. In questo approfondimento ci concentriamo soprattutto sull’indennità Naspi e in particolare vediamo quando arriva la Naspi a gennaio 2023 e a chi spetta (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Anche se per questo gennaio 2023 sono già state annunciate le prime novità sui bonus e le prestazioni per i cittadini, ci sono anche quelle misure già esistenti e che tra pochi giorni inizieranno a essere pagate.

Ne è un esempio la Naspi, ossia la Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, destinata alle persone che sono state licenziate da un lavoro subordinato. Visto che i tempi di pagamento per questo contributo economico si avvicinano, nei prossimi paragrafi vediamo quando arriva la Naspi a gennaio 2023 e chi sono i beneficiari.

Ricordiamo che le date di accredito cambiano da persona a persona e vanno controllate periodicamente sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS, accessibile tramite le credenziali digitali SPID, CIE o CNS.

Indice

Quando arriva la Naspi a gennaio 2023?

La Naspi è un’indennità di disoccupazione istituita dal dl 22/2015 per coprire gli eventi di disoccupazione involontaria a partire dal 1° marzo 2015. Per accedere a questa prestazione è necessario presentare un’apposita domanda.

I destinari della Naspi ricevono l’importo spettante ogni mese a partire dalla seconda settimana. Quindi, ora che gennaio è iniziato ufficialmente, molti cittadini si stanno chiedendo quando arriva la Naspi a gennaio 2023.

Sulla base dei mesi scorsi, il pagamento dell’indennità di disoccupazione è atteso tra la seconda e la terza settimana di gennaio, quindi tra il 7 e il 16 gennaio 2023. Tuttavia, alcuni beneficiari potrebbero ricevere l’importo anche dopo, e cioè entro l’ultimo giorno utile del mese (31 gennaio 2023).

Il pagamento arriva sul conto corrente bancario o postale indicato in fase di presentazione della domanda, ma può anche essere accreditato su libretto postale o attraverso bonifico domiciliato presso gli uffici di Poste Italiane.

Visto che gli accrediti inizieranno tra pochi giorni, nel prossimo paragrafo ricordiamo la procedura per controllare il pagamento della Naspi.

Leggi il calendario con tutti i prossimi pagamenti INPS di gennaio 2023 e scopri anche quando accrediteranno il reddito di cittadinanza.

Scopri la pagina dedicata alla disoccupazione e al reinserimento lavorativo.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando arriva la Naspi a gennaio 2023: come controllare l’accredito

Nel paragrafo precedente abbiamo ricordato che cos’è l’indennità di disoccupazione Naspi e quando arriva la Naspi a gennaio 2023.

In attesa dei pagamenti, previsti dal 7 al 31 gennaio 2023, è importante ricordare che gli importi spettanti non arrivano a tutti i cittadini nello stesso momento, ma cambiano da persona a persona.

Quindi, se un tuo conoscente riceve l’accredito il 7 gennaio 2023, non è detto che lo riceverai anche tu lo stesso giorno. Per questo motivo, quando si avvicinano le date di accredito bisogna controllare ogni giorno il fascicolo previdenziale del cittadino.

Si tratta di un’area riservata del sito ufficiale INPS, in cui è possibile consultare l’importo in arrivo della Naspi e la data di pagamento. Il fascicolo previdenziale del cittadino è molto utile sia per controllare i dati dell’indennità di disoccupazione, sia per quelli delle altre prestazioni, come l’Assegno Unico o il Bonus 150 euro.

Per verificare la disposizione di accredito della Naspi, bisogna entrare nel fascicolo previdenziale del cittadino attraverso una di queste credenziali digitali:

Una volta dentro l’area riservata, bisogna seguire questi passaggi:

Questa procedura è sicuramente la più veloce, ma se non hai dimestichezza con i mezzi informatici ti ricordiamo che puoi sempre rivolgerti a un CAF (Centro di assistenza fiscale) che la eseguirà al posto tuo. In alternativa, è comunque possibile rivolgersi al Contact Center Multicanale dell’INPS, chiamando il numero 803 164 gratuitamente da rete fissa o 06 164 164 a pagamento da cellulare.

In foto, un calendario di questo mese per controllare quando arriva la Naspi a gennaio 2023

Quando arriva la Naspi a gennaio 2023: a chi spetta

Se ci hai letto fin qui, avrai scoperto che l’indennità Naspi sarà accreditata a partire dal 7 gennaio 2023, ma i pagamenti possono arrivare entro il 31 gennaio. Inoltre, abbiamo fatto un riepilogo della procedure per controllare le date di pagamento e gli importi spettanti del sussidio.

Adesso, invece, potrebbe essere utile ricordare a chi spetta l’indennità di disoccupazione e chi invece non ne ha diritto.

Dunque, la Naspi è rivolta ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che hanno perso involontariamente l’occupazione. In particolare, hanno diritto a questo contributo economico le seguenti categorie di lavoratori:

Inoltre, dal 1° gennaio 2022 la prestazione spetta anche agli operai agricoli con contratto a tempo indeterminato, ma solo ai dipendenti delle cooperative che si occupano di prodotti agricoli e zootecnici di cui alla legge n. 240 del 1984.

Invece, non hanno diritto alla prestazione economica questi cittadini:

Per avere ulteriori informazioni sui destinatari o sul funzionamento della Naspi, invitiamo i nostri lettori a consultare la guida dedicata dell’INPS.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp