Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Disoccupazione » Lavoro / Naspi giugno 2023, nuova data: ora sono 2. Bonus 150 euro?

Naspi giugno 2023, nuova data: ora sono 2. Bonus 150 euro?

Scopri le prossime date di pagamento della Naspi e del Bonus 150 euro sull'indennità di disoccupazione a giugno 2023.

di The Wam

Giugno 2023

Il prossimo pagamento della Naspi è in arrivo a giugno 2023. In questo approfondimento faremo il punto sulle date della prestazione economica destinata alle famiglie italiane o singoli lavoratori che hanno perso il lavoro involontariamente. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unicoLeggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quando arriva il pagamento della Naspi a giugno 2023

Il pagamento della Naspi verrà erogato il 7 o il 9 giugno 2023 per chi vede una di queste date sul fascicolo previdenziale del cittadino.

L’INPS elaborerà nuovi pagamenti fino alla fine del mese. L’accredito della disoccupazione si riferisce al mese precedente, quindi maggio 2023.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando arriva il Bonus 150 euro sulla Naspi di giugno 2023?

Il pagamento del Bonus 150 euro sulla Naspi è previsto a chi percepiva l’indennità di disoccupazione a novembre 2022 e deve ancora ricevere l’integrazione.

Gli accrediti dei 150 euro sulla disoccupazione agricola sono previsti dal 5 giugno 2023 per chi vede questa data sul sito dell’INPS.

L’ente di previdenza sociale, presto, dovrebbe elaborare nuovi pagamenti.

Come controllare il pagamento della Naspi di giugno 2023

La data di pagamento della disoccupazione di giugno 2023 si controlla sul fascicolo previdenziale del cittadino, dal sito web dell’INPS.

Il fascicolo previdenziale è un’area del portale che permette di ricevere informazioni sulle prestazioni previdenziali e assistenziali a cui si ha diritto.

Per accedere al proprio fascicolo previdenziale, ci si può registrare sul sito web dell’INPS.

Una volta effettuato l’accesso, si deve cliccare sulla voce “Prestazioni” e selezionare “Indennità di disoccupazione NASPI”. Qui sarà possibile controllare la data di pagamento e il dettaglio degli importi.

Cos’è la Naspi e come funziona?

La Naspi è l’indennità di disoccupazione che sostituisce la vecchia misura economica chiamata Aspi. La prestazione economica è destinata ai lavoratori che perdono il lavoro involontariamente e che non hanno un’occupazione a tempo determinato.

La durata dell’indennità cambia a seconda del periodo di contribuzione del lavoratore.

L’INPS è l’ente che eroga il pagamento della prestazione. Chi fa domanda, deve compilare un modulo e allegare la documentazione richiesta. Una volta accertato il diritto all’indennità, l’INPS provvede al pagamento mensile dell’importo.

date-pagamenti-naspi-7-9-giugno-2023-bonus-150-euro
Date di pagamento della Naspi a giugno 2023 – Nella foto un calendario con le date segnate.

Beneficiari della Naspi: a chi spetta

Il contributo economico, come anticipato, è rivolto a quei lavoratori che hanno perso il lavoro involontariamente e che non hanno un’occupazione a tempo determinato. Per avere diritto all’indennità, bisogna aver lavorato almeno 13 settimane (anche non consecutive) nei 4 mesi precedenti la disoccupazione.

Inoltre, si deve essere iscritti al collocamento presso un Centro per l’Impiego e non avere raggiunto l’età pensionabile.

Non possono richiedere la prestazione economica quei lavoratori che hanno perso il lavoro per giusta causa o per ragioni imputabili a loro stessi. Inoltre, non spetta l’indennità di disoccupazione a quei lavoratori che hanno raggiunto l’età pensionabile.

Come calcolare l’importo della Naspi?

La somma della disoccupazione varia ogni anno in base al costo della vita, calcolato con gli indici ISTAT, un meccanismo chiamato “rivalutazione”.

L’INPS comunica annualmente la cifra in una circolare. L’indennità di disoccupazione corrisponde al 75% della retribuzione media mensile imponibile (tassabile) ai fini previdenziali (per la pensione) negli ultimi quattro anno.

L’importo di riferimento per il 2023 è di 1352,19 euro lordi.

Formule per il calcolo della Naspi

La somma si riduce del 3% ogni mese e la riduzione viene applicata seguendo questo schema:

Per ottenere l’importo della disoccupazione, va divisa la retribuzione media degli ultimi quattro anni di lavoro per il numero di settimane di contributi versati e moltiplicare il risultato per un coefficiente fisso (4,33).

Se la somma è più bassa di 1352,19 euro (nel 2023), l’indennità corrisponde al 75% (i 3 quarti) della retribuzione media mensile degli ultimi quattro anni.

Se la somma è superiore, va sommato al 75% il 25% della differenza tra la retribuzione mensile e 1250,87 euro.

FAQ

Quando arriva il pagamento della Naspi di giugno 2023?

Il pagamento della Naspi verrà erogato 7 giugno 2023 o il 9 giugno 2023 per chi vede una di queste date sul fascicolo previdenziale del cittadino.

Quando arriva il Bonus 150 euro sulla Naspi di giugno 2023?

Il pagamento del Bonus 150 euro sulla disoccupazione di giugno arriverà nel corso di questo mese per chi era in disoccupazione a novembre 2023 e deve ancora percepire l’integrazione.

Nel caso della disoccupazione agricola, per esempio, una data di pagamento dei 150 euro è quella del 5 giugno 2023.

Come controllare il pagamento della Naspi?

La data di pagamento della disoccupazione di giugno 2023 si controlla sul fascicolo previdenziale del cittadino, accessibile dal sito web dell’INPS. Qui sarà possibile controllare la data di pagamento e il dettaglio degli importi.

A chi spetta la Naspi?

La disoccupazione è destinata a quei lavoratori che hanno perso il lavoro involontariamente e che non hanno un’occupazione a tempo determinato. Si deve aver lavorato almeno 13 settimane (anche non consecutive) nei 4 mesi precedenti la disoccupazione e non avere raggiunto l’età pensionabile.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp