De Luca: Campania prima regione d’Europa fuori dall’epidemia

Nessuna riapertura totale delle scuole e un piano ambizioso: la Campania sarà la prima regione d'Europa a uscire dalla pandemia. Questi i due punti fondamentali della diretta di De Luca, che invita i dipendenti della regione a lavorare ossessivamente per raggiungere l'obbiettivo.

6' di lettura

Vincenzo de Luca, presidente della regione Campania, ha le idee chiare e le ha comunicate nella diretta facebook di oggi: la regione Campania, numero di dosi consegnate permettendo, sarà la prima regione d’Europa a uscire dalla pandemia di coronavirus.

Come sempre, il presidente De Luca non si è risparmiato: in quasi un’ora di diretta ha esposto i dati del contagio in Campania soffermandosi su due punti fondamentali: apertura delle scuole e obbiettivi ambiziosi sul numero delle vaccinazioni.

De Luca, diretta Facebook: abbiate responsabilità

Di seguito la trascrizione delle parti salienti della diretta di De Luca trasmessa sulla sua pagina Facebook:

Non mi aspettavo di farvi questo discorso con in corso una crisi di governo… A prescindere da questo, anche se saremo zona gialla, questo non significa un «rompete le righe». Abbiate reponsabilità.

Se nelle prossime due o tre settimane la situazione peggiorerà, la Campania sarà chiusa. Tutta. Non esaltiamoci che la Campania sia in zona gialla. Dobbiamo essere ancora più preoccupati.

In questo modo si potrebbe perdere tutto quello che abbiamo realizzato in termini di tutela del territorio e della comunità. La linea del governo è quella delle zone e dei provvedimenti parziali, noi riteniamo che sia sbagliata.

Serviva un provvedimento unico per tutta Italia, salvo quelle regioni da mettere in zona rossa. Tuttavia, continuano sulla loro strada. Addirittura pensano di introdurre zone bianche: del tutto irresponsabile.

Oggi siamo impegnati in una campagna di vaccinazione che sta registrando risultati straordinari. Siamo da parecchi giorni la prima regione per percentuale di uso dei vaccini. Abbiamo ricevuto meno vaccini di altre regioni in proporzione agli abitanti.

La motivazione formale è che hanno calibrato il numero dei vaccini sul numero di addetti nel settore sanitario. Frottole.

In Italia più sei imbecille e più vai avanti

Abbiamo dato prova di efficienza e questo ha messo in crisi qualcuno nel settore dell’informazione. Ieri alla Mostra di Oltremare un giornalista Rai si era inserito abusivamente tra chi faceva la fila per le vacicnazioni, presentandosi come medico…

Già abbiamo avuto centinaia di imbucati non autorizzati, poi dobbiamo anche avere a che fare con questi. L’ultimo di una serie di episodi sconcertanti. Episodi di scarsa correttezza quando hanno parlato della Campania.

In Italia vige un sistema di selezione, in tutti i campi, soprattutto quello politico: più sei imbecille e più vai avanti. Metteteci agli ultimi posti, in tutte le graduatorie, così avremo rispetto. Se ne sono accorti i tedeschi dell’efficienza campana. Die Welt ha rivelato che l’Italia ha fatto meglio della Germania e ha sottolineato che si è rotta la consuetudine secondo cui l’efficienza è al nord e non al sud.

I dati dei vaccini

La Campania ha ricevuto 109mila vaccini. Abbiamo un tasso di somministrazione dell’85,5%. In termini numerici significa che avremo entro gennaio complessivamente 340mila vaccini. Giusto quello che ci serve per due somministrazioni per circa 170mila cittadini campani. Per personale medico sanitario e anziani delle RSA. Significa che per febbraio abbiamo messo in sicurezza gli ospedali.

Voglio chiarire che quando nelle schermate che vedete la Campania risulta oltre il 100% significa che ci mandano vaccini per fare 5 dosi, ma poi ci hanno detto che se ne possono fare 6 per fiala.

Questi numeri li dico perché noi vogliamo fare prima e seconda vaccinazione a 4,2 milioni di persone. Dal punto di vista della popolazione significa che siamo a livelli molto limitati.

L’obbiettivo nostro e mio in prima persona è quello di fare della Campania la prima regione d’Italia e d’Europa che uscirà dall’epidemia. Noi dobbiamo impegnarci in una sfida folle: la prima regione che esce dall’epidemia. Faremo un’operazione di una straordinaria complessità e capacità organizzativa a limite della pazzia. Saremo in grado di farlo entro dicembre del 2021. Ne sono convinto.

Se facciamo 20mila vaccinazioni al giorno nell’arco di 1 mese facciamo 600mila vaccinazioni; 600mila va moltiplicato per due (richiamo), ci mettiamo due mesi per fare la vaccinazione completa per 600mnila concittadini. Per farne 4,2 milioni ci servono 8,4 milioni di iniezioni. Sempre se i vaccini disponbili sono questi.

Ci auguriamo di avere anche AstraZeneca se le agenzie lo consentiranno. Il problema vero infatti è la quantità di vaccini disponibili. A marzo in Italia avremo 4 milioni di vaccini Pfizer. La Campania ne dovrebbe avere il 10% (400mila), significa 200mila persone vaccinate.

Dobbiamo avere non meno di 5000 persone che per un anno intero si dedichino esclusivamente alla campagna di vaccinazioni.

Se avremo la disponibilità di 8,4 milioni ci proporremo come l’obbiettivo di essere la prima regione d’Euoropa a uscire dalla pandemia. Se ci seguirete e ci aiuterete vedrete che quello che può apparire oggi un obbiettivo folle, potrà diventare un obbiettivo reale. Naturalmente, vaccini permettendo.

Concentrazione ossessiva: nessuna distrazione

Avremo una concentrazione ossessiva sul lavoro. Nessuna distrazione. Nel 2020 abbiamo perduto un anno di vita, ne perderemo un altro nel 2021. Abbiamo perso due anni di vita. Questa è la verità. Vivere così significa cambiare tutto: relazioni umane, abitudini, vedere gli affetti intaccati. Significa non poter abbracciare parenti, madre, padri, figli, nipoti. Significa non vivere da umano. Dobbiamo riconquistare la vita e una dimensione umana.

Questa è una sfida immane. Se avremo i vaccini a disposizione io non ho dubbi, saremo capaci di fare questo miracolo. Vi chiedo il massimo di collaborazione per questo. L’obbiettivo è riconquistare la nostra vita.

Ci serviranno decine di centri di vaccinazione su tutta la regione. Utilizzeremo spazi pubblici, non solo strutture sanitarie: chiese, teatri, luoghi comunali… Se avremo numeri di vaccini necessari, faremo un lavoro gigantesco.

Oggi si riunisce l’Unità di Crisi per scegliere sull’apertura delle scuole. Non credo che ci sarà un’apertura generalizzata. Vorremmo impegnare i medici per fare tamponi anti-genici al personale scolastico. Vorremmo almeno avviare questo screening sul personale scolastico. Ci pare un atto di responsabilità e di tutela. Non credo ci sia margine per un apertura neanche al 50%.

In questo momento tra tamponi, vaccinazioni, attività ordinaria che dobbiamo fare negli ospedali, c’è confusione. Bisogna procedere in modo ordinato. Se per l’estate riuscissimo a vaccinare il reparto turistico, si potrebbe fare una campagna all’estero.

Card ai cittadini vaccinati

Questa è la card che daremo ai cittadini vaccinati. Chiariamo: sarà rispettata la privacy, nessun privilegio. È un servizio in più che diamo a chi lo vuole. Con questo chip si possono fare prenotazioni sui treni ad alta velocità o andare in ospedale senza tampone. Mille altre cose. Basterà avvicinare il retro della card per avere conferma della vaccinazione. La tessera è collegata alla piattaforma regionale. È anonima e certifica solo l’avvenuta vaccinazione. Non parlatene molto o aprte la campagna di sciacallaggio. Trattateci male, vi prego. Così stiamo tranquilli.

Abbiamo quasi il 98% di medici che sono disponibili a vaccinarsi. Al nord ci sono posti dove la metà del personale non ha dato la disponibilità. È gravissimo. Da noi, grazie a dio, c’è una grande disponibilità. Io farò il richiamo la settimana prossima. Anche se c’è qualche problemino: facciamoci il vaccino.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie