De Luca: coprifuoco in Campania e nuove chiusure in arrivo

Vincenzo De Luca in diretta facebook annuncia una nuova ordinanza: locali e bar chiusi alle 22 in Campania negli ultimi weekend di ottobre.

Vincenzo De Luca annuncia nuove regole in Campania per gestire l'emergenza Coronavirus
Vincenzo De Luca annuncia nuove regole in Campania per gestire l'emergenza Coronavirus
5' di lettura

“Bisogna prendere scelte drastiche o questi contagi non saranno arginati”. E’ questo il monito lanciato, dal governatore della Campania Vincenzo De Luca, al governo. Una diretta facebook drammatica in cui il presidente della regione ha annunciato nuove restrizioni: coprifuoco alle 22 per bar e locali nei fine settimana di ottobre, misure più stringenti da rispettare per i trasporti, regole stringenti per le scuole e gli eventi.

Dopo che ieri era stata diramata una ordinanza che ha imposto di chiudere le scuole di ogni ordine e grado e le università per quindici giorni. De Luca ha annunciato che, oggi 16 ottobre 2020, sono 1261 i nuovi positivi su oltre 14mila tamponi.

De Luca: scelte drastiche necessarie

De Luca ha ripercorso quanto fatto in Campania, programmazione che ritiene quasi “miracolosa”, e dice: “Abbiamo preso scelte drastiche fino dall’individuazione dei nuovi positivi, lavoro partito ad agosto. Tamponi massicci a chi tornava da fuori regione e dall’estero. Siamo stati – continua – la prima regione d’Italia a rendere obbligatorio l’uso della mascherina anche all’esterno, anticipando il governo e altre regioni. Qui in Campania sono stati eseguiti i test sierologici al 90% per cento del personale scolastico, rispetto alla media nazionale che non arriva al 60%. Nell’ottica della prevenzione vanno anche le misure restrittive per le attività commerciali”.

Nuovo decreto in approvazione. Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca

Coronavirus: come funzionano i tamponi?

Il presidente della regione ha lodato l’attività di tracciamento dei contatti svolto in Campania, in modo diverso rispetto al resto d’Italia.

“Nella nostra regione – ha chiarito De Luca – ci siamo focalizzati sui tamponi somministrati ai contatti diretti di chi è risultato contagiato ed è più a rischio. Non, come si fa altrove, tampone di massa a tutti. Riteniamo il nostro metodo più efficace per prevenire la diffusione del virus. Da aprile – continua – abbiamo acquistato i vaccini anti-influenzali e siamo stati i primi ad avviare la campagna. C’è un numero di terapie intensive, in Campania, che è il più basso in Italia. Anche per colpa di un piano ospedaliero non approvato e del commissariamento della sanità campana, sedicimila dipendenti in meno rispetto ad altre regioni”.

Nuova ordinanza in Campania

De Luca ha ripercorso i motivi che lo hanno spinto a varare la nuova ordinanza restrittiva, che ha creato polemiche anche fra i ristoratori.

“Ieri – ha spiegato – mi sono confrontato con tre ministri (alla Salute, alle Università e dell’Interno) oltre che con i virologi. Abbiamo discusso di tutte le conseguenze per i settori produttivi. Le decisioni che prendiamo sono destinati ad avere effetto ad almeno venti giorni di distanza, ma vanno presi oggi. Vi prego di comprendere che, quando prendiamo delle decisioni come quelle di ieri, lo facciamo dopo aver ascoltato tutti gli esperti e aver valutato tutte le ipotesi”.

Scuole chiuse in Campania

Rispetto agli istituti scolastici, De Luca ha chiarito che: “Era stato valutato anche di sospendere solo certe classi, ma confrontandoci con i sindacati ci è sembrata una soluzione impraticabile. Quando parliamo di scuola, trattiamo un tema delicatissimo. Il problema ha due facce: interna agli edifici ed esterna agli edifici. La questione più complessa è all’esterno dove ci sono assembramenti incontrollati. Sia all’entrata che all’uscita”.

“Questa – continua De Luca – era una delle misure necessarie. Queste due settimane dobbiamo utilizzarle responsabilmente per integrare i servizi dei mezzi di trasporto. Dobbiamo provare ad aumentare di almeno un terzo le corse di qui a quindici giorni. Approfittare di questi 15 giorni per ragionare su orari e ingressi differenziati. Faccio appello per i congedi parentali alternativi per chi ha figli che studiano nelle scuole dell’infanzia”.

Coprifuoco alle 22 in Campania

De Luca annuncia nuove regole in regione: “Abbiamo ragionato molto sul mondo del commercio. Abbiamo preso decisioni, e ne prenderemo altre, su quelle attività commerciali che moltiplicano le occasioni di contagio perché determinano assembramenti. I bar chiuderanno alle 23 e saranno aperte solo quelle attività che sono in grado di offrire posti a sedere in condizioni di sicurezza.

Chi lavora per asporto – continua – sarà chiuso. Una misura inevitabile. Deve essere bloccata la movida, non c’è niente da fare. Non bastano gli appelli al senso di responsabilità. La percentuale di irresponsabili che non capisce le cose più elementari è grande. Se vogliamo evitare di chiudere l’Italia è indispensabile indossare sempre la mascherina. Non è un sacrificio impossibile usarla”.

Vi anticipo – conclude – che nei fine settimana di ottobre chiuderemo tutto alle 22. L’immensa e stupida americanata di Halloween, il monumento alla imbecillità, sarà limitata. Si stanno già preparando a fare le feste. Dalle 22 si chiuderà tutto. Faremo il blocco alla mobilità. E nei prossimi giorni anche dopo mezzanotte. Ci stiamo accordando per imporre controlli severi. Quando si arriva a 1200 contagi non si può scherzare più. Abbiamo anche limitato i matrimoni”.

Matrimoni e altre feste

Ci saranno restrizioni anche per chi lavora nel settore degli eventi. De Luca ha detto: “Abbiamo disposto nuovi obblighi per chi organizza i matrimoni, siamo stati obbligati, non sono state rispettate le regole che avevamo già dettato. Quindi è stato necessario prendere misure di carattere generale.

Sono vietate tutte le cerimonie: matrimoni, funerali, battesimi. Tutto. Più della metà dei contagi è ricondotta a comportamenti incivili e delinquenziali. Purtroppo facciamo i conti con questa realtà. Fra tre settimane, se non interveniamo ora, sarebbero obbligati a fare cose dolorosissime che vorremmo evitare. Cerchiamo di tenere in piedi l’ottanta per cento delle attività economiche. Mascherina sempre, lavaggio delle mani e basta uscite irresponsabili di notte.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie