Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Bonus trasporti 2023, ci siamo: come si potrà richiedere

Bonus trasporti 2023, ci siamo: come si potrà richiedere

Come richiedere il Bonus trasporti 2023? Decreto firmato, ma bisogna attendere per prenotarsi sul portale. Ecco requisiti, importi e come utilizzarlo.

di Carmine Roca

Marzo 2023

Come richiedere il Bonus trasporti 2023? Ecco procedura e domanda (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Come richiedere il Bonus trasporti 2023: c’è da attendere!

Il Bonus trasporti 2023 è diventato ufficiale dopo le firme sul decreto da parte dei ministri Giorgetti, Calderone e Salvini.

Sarà possibile presentare domanda per ottenere il sussidio da 60 euro, ma non subito: il sito dove inoltrare domanda non è ancora operativo.

Lo diventerà soltanto dopo il via libera della Corte dei Conti, che dovrà esaminare il decreto, entro 30 giorni.

Di conseguenza, il Bonus trasporti 2023 potrebbe essere operativo soltanto tra un mese, con l’aggiornamento del portale (bonustrasporti.lavoro.gov.it) alle nuove modalità stabilite dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, dal Ministero del Lavoro e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Come richiedere il Bonus trasporti 2023: cambia il limite di reddito

Come richiedere il Bonus trasporti 2023? Può presentare domanda, entro il 31 dicembre 2023, chi, nel 2022, ha dichiarato un reddito non superiore a 20.000 euro (fino al 31 dicembre 2022 il limite era di 35.000 euro).

Nella domanda è necessario indicare l’importo del Bonus richiesto a copertura della spesa da sostenere.

È fondamentale indicare l’azienda di trasporto tra quelle aderenti, altrimenti non sarà possibile completare la richiesta del sussidio (l’elenco delle aziende convenzionate è indicato sul sito ufficiale).

Come richiedere il Bonus trasporti 2023: serve l’ISEE?

Non servirà presentare l’ISEE, a differenza della precedente versione del Bonus. Per effettuare la richiesta, in attesa delle nuove modalità, la vecchia procedura richiedeva il collegamento all’apposito sito muniti di codice fiscale e di ISEE.

Quindi, il sistema rilasciava all’utente un codice identificativo da utilizzare nelle biglietterie dell’azienda indicata, per l’acquisto di abbonamenti mensili (sarà così, con molta probabilità, anche per il 2023).

Alcuni gestori, come Trenord (Lombardia) ha attivato un canale telematico per fruire del Bonus. L’ATM (Milano), invece, permette l’acquisto dei voucher anche sul proprio sito, da app, tramite bancomat o home banking.

Come richiedere il Bonus trasporti 2023
Come richiedere il Bonus trasporti 2023: in foto alcuni autobus parcheggiati.

Come richiedere il Bonus trasporti 2023: cosa c’è da sapere?

Ricordiamo che, il Bonus può essere speso solo presso un gestore, entro la fine del mese in cui è stato emesso.

Il Bonus trasporti 2023 offrirà al beneficiario un contributo per l’acquisto di un abbonamento ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale. Oppure ai servizi di trasporto ferroviario nazionale.

Il voucher ha un valore di 60 euro (è possibile frazionare l’importo, ad esempio acquistando due abbonamenti da 30 euro l’uno) e può essere utilizzato dall’avente diritto per una sola volta.

Possono richiedere il Bonus trasporti 2023 anche i minori fiscalmente a carico, ma la richiesta deve essere inviata da un genitore. In questo caso il reddito indicato deve essere quello del minore e non di chi presenta la domanda.

Il sussidio è nominativo, non può essere ceduto a terze persone, non costituisce reddito imponibile e non si rileva ai fini ISEE.

Va utilizzato esclusivamente nel mese in cui è stato ottenuto e può essere richiesto ogni mese, entro il 31 dicembre 2023 o fino all’esaurimento delle risorse.

Non può essere utilizzato per i servizi di prima classe, business, executive, club executive, premium, working-area, salotto e business salottino.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp