E’ ufficiale: dal 22 niente più mascherine nei luoghi aperti. Discoteche ancora chiuse



2' di lettura

Da lunedì 22 la mascherina non sarà più obbligatoria. Resterà l’obbligo solo nei luoghi chiusi o anche nei posti, parchi, ville o strade, dove ci saranno assembramenti. Lo ha annunciato poco fa il governatore De Luca, nel corso del settimanale appuntamento su Facebook.

De Luca annuncia altre aperture.

“Questo fine settimane – ha dichiarato il governatore – decidiamo apertura di sale bingo, sale scommesse, discoteche per ristorazione, intrattenimento e bar, non le attività di ballo. Apriamo le attività di spettacoli all’aperto modificando la normativa nazionale. Consentiremo anche spettacoli con più di 1000 spettatori. Per i locali chiusi ci sarà una gradazione. La norma nazionale dice solo 200 spettatori. E’ irrazionale perché ci sono teatri con dimensioni che variano. L’ordinanza avrà anche un’articolazione di presenze consentite per gli spettacoli”.

“A luglio partono i congressi. Dico agli operatori congressuali che possono prepararsi non dal 14 luglio ma dal 1 luglio in Campania”.

De Luca affronta poi la situazione economica. “Abbiamo seguito – ha dichiarato – la Jabil e la Whirpool, e cerchiamo di affiancarci al Ministero.

Ecco i bonus ed le agevolazioni in pagamento

E un altro tema delicato, i pagamenti previsti con i bonus, i bandi e le agevolazioni regionali.

“Abbiamo completato i pagamento con 53mila professionisti, ci sono alcune pratiche non chiare e domande con errori. Per le piccole imprese abbiamo completato i pagamenti per 110mila imprese. Lunedì ne mancano altri 3mila. Poi ci sono quelle con errori”.

“Per le famiglii con bambini al di sotto dei 15 anni abbiamo erogato fino a oggi 36mila. Dal 5 giugno sono stati pagati 26mila altri bonus. Dall’11 giugno sono in pagamento altri 20mila bonus. Da lunedì prossimo pagheremo il terzo blocco di 25mila bonus”.

Parte il piano per il lavoro

“Parte il piano per il lavoro della Regione Campania. Vanno a lavorare i primi 2500 giovani che hanno vinto il concorso. Entro l’anno faremo altre prove per arrivare a 10mila posti di lavoro. Lunedì parte il bando per un altro blocco di lavoratori stagionali. Sarà dedicato ai lavoratori stagionali del trasporto pubblico locale, dell’aeroporto di Capodichino, dei taxi e delle imprese di trasporto marittimo. Altri 20 milioni di euro sono stati stanziati per aiutare queste categorie”.

“Queste cose sembrano diventare normali – ha concluso -: non c’è niente di normale. Questa è un’iniziativa di valore straordinario, unica in Italia che abbiamo fatto solo noi. Abbiamo immesso tra fondi di bilancio e europei un miliardo di euro”.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!