Denis Bergamini: ex fidanzata indagata, perché fu ucciso?

Chiusa l’indagine sul presunto omicidio del calciatore del Cosenza, Denis Bergamini, morto nel 1989. La Procura di Castrovillari ha notificato l’avviso di conclusione indagini all’ex fidanzata Isabella Internò. Secondo gli inquirenti, il calciatore potrebbe essere stato narcotizzato e asfissiato. Il corpo esanime del calciatore fu poi abbandonato su una strada e investito da un camion.

3' di lettura

A 32 anni dalla morte di Denis Bergamini, dopo 6 anni di inchiesta, si è chiusa l’indagine sul presunto omicidio del calciatore del Cosenza, all’anagrafe Donato Bergamini, deceduto nel 1989, all’età di 27 anni, sulla strada Statale 106 all’altezza di Roseto Capo Spulico, sulla costa jonica calabrese.

Un reportage sulla morte di Denis Bergamini

Soffocato e abbandonato in strada

La Procura della Repubblica di Castrovillari ha notificato l’avviso di conclusione indagini all’ex fidanzata Isabella Internò, oggi cinquantunenne che, adesso, ha venti giorni di tempo per produrre una memoria difensiva o chiedere di essere interrogata dal pm Luca Primicerio. Secondo gli inquirenti, Denis Bergamini potrebbe essere stato prima narcotizzato e poi asfissiato meccanicamente attraverso uno strumento “soft”.

Stando a una perizia del 2017, presentata nel corso di un incidente probatorio, infatti, la causa della morte di Denis Bergamini potrebbe essere un “soffocamento lento”. Forse è stata utilizzata una busta. Infine il suo corpo, esamine o quasi, sarebbe stato posto sull’asfalto perché fosse investito: fu trascinato sul manto stradale per una sessantina di metri. L’indagine iniziale venne archiviata, ma nonostante si parlasse di suicidio, gli indizi sul corpo di Denis Bergamini non risultarono compatibili con questa versione. Quella notte in cui morì, pioveva. Eppure non furono trovate macchie di sporco e di fango sul cadavere, oltre a segni compatibili con tale tesi.

Denis Bergamini: ucciso per vendetta amorosa

Denis Bergamini venne travolto da un tir in transito guidato da Raffaele Pisano, di Rosarno, che al termine dell’inchiesta non risulta indagato dalla Procura di Castrovillari. Inizialmente sospettato di concorso nel delitto, la posizione di Pisano è stata archiviata così come quella di Luciano Conte, il poliziotto e marito di Isabella Internò che era stato indagato per favoreggiamento. Secondo l’ipotesi del pm, il piano criminale sarebbe stato realizzato da Isabella Internò assieme a persone rimaste ignote. Probabilmente è stata una di queste, e non l’ex fidanzata, a soffocare Denis Bergamini. Il movente dell’omicidio comunque sarebbe quello della vendetta per la decisione presa dal calciatore di troncare il rapporto amoroso con l’indagata. A quest’ultima, la Procura contesta anche aggravanti come la premeditazione e motivi abietti e futili.

Denis Bergamini, la carriera del calciatore

Dal punto di vista sportivo, Denis Bergamini non ha mai raggiunto vette eccezionali, avendo militato per due stagioni in Interregionale con l’Imola e poi per altre due nella stessa categoria con il Russi. Avanzò in Serie C1 quando il Cosenza lo acquistò nell’estate del 1985. Lì Bergamini resterà fino alla morte, per 5 anni. Al quarto di questi fece il suo esordio in B, segnando il suo primo ed unico gol tra i cadetti nel 2-0 al Licata. Ebbe pure la possibilità di avvicinarsi a casa, con il Parma interessato al suo ingaggio, ma il Cosenza scelse di tenerlo.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie