Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Disoccupazione / DIS-COLL 2023: requisiti, domanda e calcolo (+ esempi)

DIS-COLL 2023: requisiti, domanda e calcolo (+ esempi)

DIS-COLL 2023: a chi spetta, come farne domanda e alcuni esempi di importo; scopri tutti i dettagli su questa indennità, nell'articolo.

di Imma Duni

Febbraio 2023

DIS-COLL 2023: scopri a chi spetta, come presentare domanda e vediamo insieme alcuni esempi di importo (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

DIS-COLL 2023: a chi spetta

La DIS-COLL è stata introdotta dal decreto legislativo 22 del 2015 e prorogata dal 1° Luglio 2017 per i lavoratori parasubordinati (co.co.co, contratti a progetto) iscritti in via esclusiva presso la gestione separata INPS.

Questa indennità di disoccupazione è rivolta ai seguenti lavoratori che perdono l’occupazione:

I lavoratori esclusi dalla DIS-COLL, invece, sono:

I requisiti per richiedere e ottenere la DIS-COLL nel 2023 sono i seguenti:

Scopri la pagina dedicata alla disoccupazione e al reinserimento lavorativo.

Dopo l’accettazione della domanda, i richiedenti dovranno presentarsi al Centro per l’Impiego competente, consegnare la ricevuta della DIS-COLL e sottoscrivere la DID, Dichiarazione d’immediata disponibilità al lavoro; la stessa che devono presentare i beneficiari del Reddito di cittadinanza.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

DIS-COLL 2023: come fare domanda

La domanda di richiesta DIS-COLL deve essere inviata, esclusivamente in via telematica all’INPS, entro e non oltre 68 giorni dalla fine della collaborazione.

Il disoccupato potrà farsi assistere anche da un CAF o da un Patronato; ma se si vuole procedere con l’invio telematico in autonomia, si deve agire in questo modo:

Una volta completata la domanda, dovrai allegare i seguenti documenti prima di inviarla:

Bisognerà attendere tra i 30 e i 45 giorni dopo l’invio per ottenere il pagamento.

Se ci sono delle variazioni che hanno un effetto sul pagamento dell’indennità (come l’inizio di un nuovo lavoro) va necessariamente comunicato all’INPS entro 30 giorni, attraverso il modello DIS-COLL com.

Per sbloccare l’ultimo pagamento degli ultimi 30 giorni dalla DIS-Coll, bisogna inviare il modulo dichiarando la permanenza della propria disoccupazione.

DIS-COLL 2023: requisiti, domanda e calcolo (+ esempi)
DIS-COLL 2023: in foto una ragazza sorridente.

DIS-COLL 2023: esempi di importi

L’importo massimo della prestazione viene rivalutato ogni anno, in base all’indice ISTAT. Come riportato dalla circolare INPS 14 del 3 febbraio 2023 è pari a 1.470,99 euro.

La nuova legge di bilancio ha stabilito per la DIS-COLL 2023 i seguenti requisiti:

La DIS-COLL 2023 decorre dall’ottavo giorno successivo alla cessazione del rapporto di collaborazione.

Se la domanda viene inviata dopo l’ottavo giorno, la DIS-COLL decorrerà dal giorno successivo alla presentazione dell’istanza.

Il calcolo dell’importo DIS-COLL 2023 viene effettuato in questo modo:

L’indennità sarà pari al 75% del reddito medio così calcolato se esso è inferiore, come riportato dalla circolare INPS 14 del 3 febbraio 2023, a 1.352,19 euro.

Oppure al 75% di 1.352,19 euro, maggiorato del 25% della differenza tra il reddito medio mensile e 1.352,19 euro, se il reddito mensile del richiedente è superiore a questo importo.

In base alle novità normative introdotte dalla legge di bilancio 2022, l’importo del beneficio subisce un decalage dopo un certo periodo:

L’importo della DIS-COLL si riduce, inoltre, se il beneficiario svolge attività lavorativa in forma autonoma da cui derivi un reddito che corrisponda a 4.800 euro per lavoro autonomo e 8.000 euro per lavoro parasubordinato.

Stessa cosa accade se il disoccupato dovesse iniziare un lavoro accessorio dalla quale derivi un compenso superiore a 3.000 euro netti per anno civile.

Se il percettore, invece, inizia un lavoro subordinato di un periodo pari o inferiore a 5 giorni, la DIS-COLL viene sospesa.

La DIS-COLL viene erogata agli aventi diritto, nei seguenti modi:

Esempio di calcolo

Se ho lavorato per 6 mesi come collaboratore co.co.co e ho guadagnato 1.000 euro al mese (consideriamoli netti per comodità), il calcolo della DIS-COLL sarà il seguente:

Il 75% del reddito imponibile viene moltiplicato per 1,5 per ottenere il reddito di riferimento.
Il reddito di riferimento viene diviso per 13 (i mesi dell’anno) per ottenere l’importo mensile del DIS-COLL.
Il risultato viene quindi moltiplicato per i mesi di lavoro.

Quindi, in questo caso, il lavoratore co.co.co riceverà un’indennità mensile di circa 413 euro al mese per sei mesi.

Abbiamo visto tutto quello che c’è da sapere sulla DIS-COLL 2023. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp