Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Assegno unico, domanda ad agosto o si perde: chi rischia

Assegno unico, domanda ad agosto o si perde: chi rischia

Chi rischia di perdere il diritto all’Assegno unico? (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda […]

di Sara Fannino

Agosto 2022

Chi rischia di perdere il diritto all’Assegno unico? (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Vediamo insieme cosa dovranno fare tutti quei cittadini che percepiscono l’ultima mensilità – la diciottesima o la trentaseiesima – di reddito di cittadinanza nel mese corrente.

INDICE:

Assegno unico e reddito di cittadinanza, due misure compatibili

Il reddito di cittadinanza, la prestazione di contrasto alla povertà introdotta per la prima volta nel 2019 per aiutare tutti quei cittadini che si trovano in condizione di disagio economico, è compatibile con l’assegno universale per figli a carico.

Potremmo anche dire che le due misure sono profondamente legate, poiché a chi percepisce mensilmente la prestazione pentastellata, arriva quasi contemporaneamente anche il pagamento dell’assegno per figli a carico.

Scopri subito come avere il reddito di cittadinanza, quanto tempo ci vuole per i primi pagamenti del reddito di cittadinanza dopo la domanda e quante volte si può fare il rinnovo dell’Rdc

La differenza tra i normali percettori della misura per figli e i beneficiari del reddito di cittadinanza sta proprio in questo: ai primi, l’assegno per figli viene corrisposto su domanda, mentre i secondi lo ricevono in automatico, anche se in alcuni casi è richiesta la compilazione del modulo Rdc com AU.

Abbiamo poi altre differenze: ai normali percettori, il sussidio per i figli da zero a 21 anni viene versato dall’Inps su l’IBAN, mentre ai percettori di reddito di cittadinanza arriva sulla carta RdC.

L’ultima differenza sta nella mensilità corrispondente all’assegno unico, che ai normali percettori viene corrisposto nel mese stesso di competenza, mentre ai beneficiari di RdC si riferisce al mese antecedente.

Scopri tutte le novità in arrivo nel 2023 per l’assegno per figli a carico.

Per i percettori del reddito di cittadinanza, però, c’è un grande problema a cui dover far fronte: il mese di sospensione del pagamento.

Ricordiamo brevemente che la misura viene erogata dall’Inps e da Poste Italiane per un totale di 18 mensilità consecutive, al termine delle quali potrà essere richiesto il rinnovo previo un mese di stop.

Quindi, cosa deve fare chi ha iniziato a percepire la prima rata RdCa marzo 2021 e riceverà la diciottesima e ultima ad agosto, per non perdere l’assegno unico?

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Stop all’assegno unico sul reddito di cittadinanza: ecco cosa fare per non perderlo

Purtroppo, chi termina le 18 o le 36 mensilità del reddito di cittadinanza, per ottenere ancora l’assegno unico deve presentare domanda all’Inps.

La domanda per percepire normalmente l’assegno unico terminate le mensilità di percezione del Rdc dovrà essere inoltrata all’Istituto di Previdenza Sociale nello stesso mese in cui si percepisce l’ultimo accredito.

Facciamo un esempio, chi ha ricevuto l’ultima rata di reddito anti-povertà nel mese corrente e dovrà attendere il mese di settembre per richiedere il rinnovo, se non vuole perdere il pagamento dell’assegno unico deve richiedere il sussidio per figli a carico proprio nel mese di agosto.

Per saperne di più, scopri come fare domanda per l’assegno unico, come controllare pagamento e stato della richiesta dell’assegno universale, quali sono i documenti da presentare e come comportarsi quando scade il reddito di cittadinanza.

Inoltrando la richiesta ad agosto, il nucleo beneficiario del reddito di cittadinanza riceverà il pagamento dell’assegno unico a settembre, riferito al mese stesso di competenza (settembre per settembre) e non al mese precedente, come accade solitamente.

Inoltre, come abbiamo visto in precedenza, l’accredito sarà effettuato non più sulla Rdc card, ma sull’IBAN che la famiglia interessata al sostegno inserirà in fase di presentazione della domanda.

Dal mese di ottobre, poi, il nucleo, se rispetta tutti i requisiti per ottenere nuovamente il sostegno, riinizierà a percepire il reddito di cittadinanza e, con esso, l’assegno unico, che tornerà ad essere corrisposto sulla Rdc card.

Insomma, abbiamo visto che il meccanismo per ricevere l’assegno unico per i percettori di Rdc non è così semplice. Andiamo, ora, a vedere come si può presentare domanda per l’assegno unico.

Assegno unico, come fare domanda all’Inps

L’assegno universale per figli a carico potrà essere richiesto secondo tre modalità differenti. La prima è per via telematica, la seconda telefonica e la terza attraverso Caf e patronati.

Da questo momento, il nucleo interessato alla prestazione dovrà digitare nella barra di ricerca “assegno unico e universale” per poi procedere alla compilazione della domanda. Ricordiamo che in presenza di più figli dovranno essere presentate due domande, attraverso l’opzione “aggiungi figlio”.

Leggi le tabelle con tutti gli importi dell’assegno unico, controlla se ti stanno pagando tutte le maggiorazioni dell’assegno universale, vedi come funziona per chi è disoccupato e come cambiano le cifre dell’assegno unico con i figli con disabilità

In ogni caso, qui potrete trovare la procedura guidata per presentare la vostra domanda per l’assegno universale senza commettere errori.

assegno unico
Assegno unico domanda: come evitare di perdere il diritto.

Ricordiamo che, per presentare la domanda è indispensabile l’ISEE, soprattutto per avere il giusto compenso. In assenza dell’indicatore della situazione economica, infatti, Inps corrisponderà l’importo minimo erogabile, che solitamente viene versato a chi possiede redditi superiori a 40 mila euro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp