Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus trasporti 2023: quando potrò richiederlo e come

Bonus trasporti 2023: quando potrò richiederlo e come

Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023: vediamo i termini entro cui poter richiedere il nuovo Bonus trasporti dopo la pubblicazione del decreto e come fare.

di Imma Duni

Febbraio 2023

Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023: vediamo i termini entro cui poter richiedere il nuovo Bonus trasporti dopo la pubblicazione del decreto e come fare (scopri le ultime notizie sul bonus 150 euro e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023: quali sono i termini?

Il nuovo Decreto Carburanti, tra i vari provvedimenti, ha inserito di nuovo il Bonus trasporti per il 2023: 60 euro di contributo economico per utilizzare i mezzi pubblici a livello locale, regionale, interregionale e i treni nazionali.

Un sussidio economico essenziale per i pendolari.

Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023? Non trattandosi di una proroga, ma di una normativa ex novo, bisognerà attendere che le istruzioni vengano inserite in un decreto attuativo che sarà emanato entro il 14 febbraio 2023.

Calcolando 60 giorni dalla pubblicazione del Decreto Carburante in Gazzetta Ufficiale (14 gennaio), si presume che si potrà fare richiesta del nuovo Bonus trasporti prima della metà di marzo.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Per fare domanda si potrà utilizzare la stessa piattaforma dell’anno scorso. Ma cambiano i requisiti per fare richiesta.

Intanto dobbiamo attendere il decreto attuativo da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, adottato di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che chiarirà tutti i dettagli su come fare domanda per il Bonus trasporti.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023: come fare domanda?

Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023? Da quest’anno sono cambiati i requisiti per accedere al Bonus trasporti: il voucher potrà essere ottenuto solo da:

La nuova normativa, dunque, restringe la platea di potenziali beneficiari; fino al 2022, infatti, potevano accedere al Bonus coloro che nel 2021 non superavano i 35mila euro di reddito.

Puntualizziamo questa caratteristica: il Bonus trasporti è legato non all’ISEE, ma al reddito dichiarato.

Le regole da seguire per fare domanda saranno precisate nel decreto attuativo, come abbiamo anticipato nel primo paragrafo, che dovrebbe essere emanato entro il 14 febbraio, ma il condizionale è d’obbligo, perché spesso l’attesa è molto più lunga.

Ma questo è un passaggio burocratico necessario affinché il contributo di 60 euro sia disponibile anche quest’anno, fino al 31 dicembre 2023 o fino ad esaurimento dei fondi (100 milioni di euro).

L’anno scorso la procedura per fare domanda era la seguente:

Anche per quest’anno ci si aspetta più o meno le stesse modalità, ma dobbiamo attendere.

Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023: in cosa consiste quest’agevolazione?

Il Bonus era nato con il Governo Draghi, grazie a un fondo di 180 milioni per finanziare «un buono da utilizzare per l’acquisto di abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale ovvero per i servizi di trasporto ferroviario nazionale».

Questo Fondo è stato successivamente incrementato di 10 milioni dai decreti Aiuti-bis e Aiuti-ter, per essere poi tagliato di 50 milioni con il Decreto Aiuti quater.

Il vecchio Bonus poteva essere ottenuto da tutti coloro con ISEE fino a 35mila euro. Per i bambini e i ragazzi al di sotto dei 18 anni, non si badava al reddito familiare, ma a quello personale. Il Bonus 2022 è scaduto il 31 dicembre 2022.

L’unico requisito richiesto è quello di avere un reddito annuo non superiore a 20 mila euro.

Nessuna modifica è stata apportata all’importo: il bonus è un contributo di massimo 60 euro mensili, che può coprire anche la totalità delle spese e durerà fino a fine 2023.

I servizi inclusi nel Bonus sono:

Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023? Il Bonus trasporti, come l’anno scorso, è:

Bonus trasporti 2023: quando potrò richiederlo e come
Quando si potrà richiedere il Bonus trasporti 2023: in foto una stazione ferroviaria.

Il Bonus trasporti può essere incrementato grazie alla detrazione fiscale

Ricordiamo che il Bonus può essere incrementato con la detrazione fiscale del 19% per i trasporti.

Tale detrazione è disciplinata dall’articolo 15, comma 1, lettera i-decies del TUIR ed è pari al 19% del totale dei costi che un cittadino ha sostenuto durante l’anno per abbonamenti, entro un massimo di 250 euro, vale a dire che l’importo spettante è pari a 47,50 euro.

Questo consentirebbe al cittadino di risparmiare sono a 105 euro.

Anche chi percepisce il Reddito di cittadinanza può fare domanda e godere del Bonus trasporti, perché rispetta automaticamente tutti i limiti, i paletti e i requisiti reddituali imposti dalla normativa del Governo.

Abbiamo visto quando si potrà richiedere il Bonus trasporti nel 2023 e le modalità per fare domanda. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp