Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico / Domanda per l’assegno unico a luglio: quando lo pagano?

Domanda per l’assegno unico a luglio: quando lo pagano?

Quando pagheranno l'assegno unico per chi ne fa domanda a luglio 2022? Scoprilo subito in questo approfondimento.

di The Wam

Luglio 2022

Domanda per l’assegno unico a luglio 2022: vediamo quando sarà pagato il contributo economico per le famiglie che non percepiscono il reddito di cittadinanza (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno per i figli a carico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

L’assegno universale per i figli fiscalmente a carico deve essere richiesto con un’apposita domanda all’INPS. L’unica eccezione è rappresentata da quelle famiglie che ricevono il reddito di cittadinanza e hanno diritto in automatico al riconoscimento dell’assegno universale sull’Rdc.

È possibile inoltrare la domanda per l’assegno a luglio 2022, ma non si avrà diritto a ricevere gli arretrati calcolati da marzo 2022. Chi seguirà queste tempistiche (proprio domanda presentata a luglio), dovrebbe ricevere il pagamento ad agosto 2022.

Chi ha compilato o compilerà il modulo Rdc Com Au a luglio 2022, per sbloccare i pagamenti dell’assegno universale, riceverà l’accredito dopo il 16 agosto 2022. In caso di compilazione del modulo e se già percettori Rdc da mesi si avrà diritto anche agli arretrati dell’Assegno unico.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Indice

Come fare domanda per l’assegno unico figli?

La domanda per l’assegno universale va presentata telematicamente (online) da questa pagina del sito INPS, utilizzando l’identità digitale (SPID, CNS o CIE), per fornire le informazioni richieste: i dati sui figli per i quali si richiede il sussidio e la dichiarazione di responsabilità rispetto agli elementi forniti.

La domanda può essere inoltrata anche affidandosi a Caf o patronati oppure telefonando call center INPS, al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) o al numero 06 164 164 (a pagamento da cellulare).

Chi percepisce il reddito di cittadinanza, invece, ha diritto a una integrazione automatica sulla Carta Rdc e non deve inoltrare alcuna richiesta. In questo approfondimento abbiamo condiviso una guida illustrata che descrive, passo passo, come presentare la domanda per ottenere l’assegno universale.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno per i figli a carico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Stato domanda per l’assegno unico universale

Attraverso le credenziali personali: SPID, CIE o CNS, è possibile entrare sul fascicolo INPS online e controllare lo stato della domanda per l’assegno universale. Ecco le principali voci visibili sul portale dell’INPS rispetto alla lavorazione della pratica:

1. Accolta. Se la domanda risulta accolta, vuol dire che l’INPS ha dato esito positivo e presto dovrebbe essere fornita una data di pagamento.

2. In istruttoria. In questo caso, la richiesta è ancora oggetto di verifiche da parte dell’INPS e bisogna attendere che i controlli vengano terminati.

3. Respinta. Nel caso in cui la domanda dovesse risultare respinta, saranno indicate anche le motivazioni per le quali questo è accaduto. Proprio partendo da quei motivi, il cittadino può capire cosa è andato storto e se vale la pena inviare un’altra richiesta.

La domanda per l’assegno unico può anche risultare in “lavorazione”, di solito prima che venga comunicato l’esito, “in evidenza al cittadino” quando bisognerà fornire altri documenti oppure “in evidenza in sede” quando sarà necessario andare presso la sede locale INPS per capire come sbloccare la procedura.

Come controllare il pagamento dell’assegno unico

La date di pagamento dell’assegno unico universale vanno controllate sul «Fascicolo previdenziale del cittadino», area riservata del sito INPS accessibile con le credenziali personali utili ad accedere ai servizi della pubblica amministrazione: SPID, CNS o CIE.

Dal fascicolo previdenziale si deve cliccare su “prestazioni” e poi su “pagamenti” per visualizzare le date previste per l’accredito, l’importo e il numero dei figli per i quali viene erogata la prestazione economica.

Agenzia INPSImporto
Pagato
PrestazioneData
disponibilità
Ufficio
Pagatore
Note
XXXXXX525,00ASSEGNO UNICO18/03/2022Banca xxxxxxASSEGNO UNICO PER 3 FIGLI/O PER IL PERIODO DA 01-03-2022 A 31-03-2022 – NUMERO PRATICA
xxxxxxxx
Esempio di schermata dove sono visibili le informazioni relative all’assegno universale

Scopri la pagina dedicata all’assegno per i figli e leggi guide e news su diritti e agevolazioni.

Calendario pagamenti assegno unico luglio 2022

Le date di pagamento dell’assegno unico cambiano ogni mese da beneficiario a beneficiario. Da oggi, 13 luglio e fino a fine mese ci sarà una lunga serie di pagamenti dell’Assegno unico per chi ha fatto domanda.

Dal 16 luglio 2022 è previsto l’accredito per chi ha compilato il modulo Rdc Com Au a giugno 2022, mentre fra il 28 e il 31 luglio sono attesi i pagamenti dell’assegno unico sul reddito di cittadinanza riferiti a giugno 2022.

Assegno unico figli: requisiti e a chi spetta?

L’assegno unico universale è un sussidio destinato alle famiglie, introdotto a marzo 2022, che richiede di soddisfare requisiti specifici per essere erogato:

Ecco quali sono i bonus per famiglie sostituiti dall’assegno universale:


Domanda per l'assegno unico a luglio: quando lo pagano?
Domanda per l’assegno unico a luglio: quando lo pagano?

Importo assegno unico su Rdc: tabelle ISEE e maggiorazioni

L’importo dell’assegno unico cambia rispetto all’indice ISEE della famiglia, al numero dei figli fiscalmente a carico e alle maggiorazioni riconosciute. Chi percepisce il reddito di cittadinanza deve sottrarre la quota minori Rdc all’importo di base dell’assegno.

Chi non presenta un ISEE aggiornato al momento della domanda, ha diritto all’importo minimo di 50 euro, cifra che spetta anche a chi ha un ISEE pari o superiore a 40mila euro.

Tabella importi e maggiorazioni assegno universale

ISEEImporto figlio minorenneImporto figlio maggiorenne fino ai 21 anni
Fino a 15mila euro175 euro85 euro
20mila euro150 euro73 euro
25mila euro125 euro61 euro
30mila euro100 euro49 euro
35mila euro75 euro37 euro
da 40mila euro50 euro25 euro

Ecco tutte le maggiorazioni riconosciute sull’assegno unico:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp