Don Vitaliano alla Caritas: “Mi occuperò dei senzatetto”

3' di lettura

Per anni è stato definito dalla stampa (anche mea culpa), prete barricadero. Una definizione in parte vera, ma parziale. Don Vitaliano Della Sala non ha fatto altro, nella sua vita da religioso, che incarnare la Chiesa di strada, quella vicina agli ultimi, a chi soffre, a chi non ha niente (come don Andrea Gallo, il prete partigiano…). Una Chiesa che ha ritrovato forza, energia e nuova vitalità con papa Francesco. Anche per questo, la nomina di don Vitaliano a vice direttore della Caritas di Avellino, non sorprende. Anzi, è decisamente in linea con la nuova stagione inaugurata dal pontefice argentino. E il parroco di Mercogliano – che ha comunque ha continuato la sua opera silenziosa in questi anni -, porterà nuova linfa a una associazione che sta rivestendo un ruolo di inestimabile valore in questi anni difficili nell’aiutare quanti stanno vivendo momenti di grave difficoltà.

Don Vitaliano Della Sala
don Vitaliano Della Sala

La Chiesa ha tante anime, sopporta anche me

“La Chiesa – dichiara don Vitaliano -, ha dimostrato ancora una volta di avere dentro tante anime. Tutte diverse tra loro. Questa è anche una sua bellezza. Riesce (lo dice sorridendo), a sopportare anche me”.

Pensi sia cambiato qualcosa?

“Sono la prova vivente del cambiamento. Ma del resto il nostro mestiere è occuparci degli altri. E in particolare di chi ha più bisogno”.

Come vice direttore della Caritas hai la possibilità di fare proprio questo…

“Si, chiaro. In questo periodo mi sto occupando molto dei senzatetto. Li ho incontrati al cenone di Natale. Dopo mi sono offerto di accompagnarli nelle loro sistemazioni di fortuna. All’inizio non volevano. Avevano timore che potessi poi riferire qualcosa alla polizia ed essere sgomberati. Ad Avellino non sono tanti, ma devono essere aiutati. Alla Caritas di Avellino sono comunque attivi da tempo i centri di ascolto con molti volontari al lavoro…” (A proposito dei così detti “ultimi”, leggi anche l’intervista a Ottavio Giordano, vero giornalista di strada)

Don Vitaliano: avvieremo una collaborazione con la Caritas di Benevento

La Caritas di Benevento è molto attiva, sia sul fronte povertà, sia su quelli migranti, ma anche per fornire, con la banca etica, sostegno economico a quanti vogliono avviare una attività ma non hanno i requisiti necessari per chiedere un prestito alle banche…

“Sì, la Caritas sannita è molto presente e ha fatto partire tante iniziative importanti. Mi sono sentito nei giorni scorsi con don Nicola De Blasio (presidente della Caritas di Benevento). Ci incontreremo nei prossimi giorni. Puntiamo a fare delle cose insieme”.

La stampa in questi giorni si sta occupando di nuovo di te…

“Sì, la cosa mi ha sorpreso. Non sono state scritte cose inesatte sulla questione della revoca della mia sospensione. Ma sono state presentate come se fosse accaduto tutto nei giorni scorsi. Cioè sono state messe insieme decisioni che mi riguardano prese in un arco di tempo molto lungo. Comunque mi ha fatto piacere: non vi siete dimenticati di me”.

Siamo certi che sentiremo invece parlare di nuovo e spesso di don Vitaliano nei prossimi mesi. E non dovrà essere costretto a iniziative mediaticamente forti per essere ascoltato. Non serve più. Gli basterà continuare a fare quello che ha sempre fatto. Questa volta da una posizione “privilegiata”, che è quella della Caritas.

Bentornato don Vitaliano.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie