Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Due bonus 200 euro a ottobre: quando è possibile averli

Due bonus 200 euro a ottobre: quando è possibile averli

Ecco chi sono le due categorie di percettori che potranno ricevere per due volte il bonus 200 euro contro il caro vita.

di Sara Fannino

Ottobre 2022

Bonus 200 euro, ecco chi riceverà due volte l’indennità una tantum contro il caro vita e il caro energia (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice:

Bonus 200 euro quando arriva

Il bonus 200 euro è stato introdotto dal Decreto Aiuti per una vastissima platea di beneficiari. Si tratta di un’indennità una tantum corrisposta nei mesi di luglio, agosto e settembre dall’INPS e dai datori di lavoro ai seguenti percettori:

Ora, INPS e la società Sport e Salute S.p.A. dovranno corrispondere i sostegni ai cittadini percettori di indennità di disoccupazione, alle ex indennità Covid-19, agli autonomi senza P. Iva e ad autonomi e liberi professionisti con P. Iva, ai collaboratori sportivi, assegnisti di ricerca, dottorandi e neopensionati.

Come detto in precedenza, questo è un sostegno una tantum che verrà erogato una sola volta a ogni singolo beneficiario. Attenzione, però, perché ci sono casi in cui il cittadino può ricevere il bonus 200 euro due volte. Andiamo subito a scoprire insieme quando.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus 200 euro doppio a settembre e ottobre

Il bonus 200 euro è stato approvato per la prima volta con il DL n. 50 ed è stato esteso in un secondo momento dal DL n. 115. Proprio per questo motivo dobbiamo evidenziare che alcuni cittadini avranno la possibilità di ricevere il sostegno doppio.

Il secondo provvedimento, il Decreto Aiuti bis ha esteso la misura per il mese di ottobre a queste categorie di beneficiari:

Molti cittadini non hanno ancora ricevuto il beneficio, ma tra coloro che non hanno incora inviato la domanda all’INPS per ottenere il sostegno c’è chi potrà percepire il bonus 200 euro per due volte, raddoppiato fino a 400 euro.

Ecco quando arriva il bonus 200 euro a chi è senza lavoro.

Percepiranno il sostegno economico due volte:

È stato proprio l’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale a chiarire che il Bonus 200 euro una tantum contro il caro bollette potrà essere riconosciuto a chi percepisce la pensione di reversibilità, se questa spetta a più persone.

In poche parole, la pensione ai superstiti essendo erogata a più persone, potrà avere diversi titolari del sostegno, che non verrà suddiviso tra i beneficiari, ma corrisposto per intero a ciascun richiedente. Quest’ultimo, ovviamente, dovrà rispettare i requisiti reddituali previsti dalla legge: massimo 35 mila euro lordi dichiarati nel 2021.

Anche i lavoratori autonomi e i liberi professionisti potranno godere di un doppio bonus 200 euro, ma solo se sono iscritti a due Casse di previdenza differenti e se saranno titolari di due Partite Iva differenti.

Anche in questo caso, inoltre, occorrerà puntare lo sguardo sul reddito. Questi potranno godere del doppio bonus 200 euro solo se hanno un reddito non superiore a 35 mila euro nel 2021.

Bonus 200 euro doppio, ecco chi non può averlo

Abbiamo visto che il bonus 200 euro può essere corrisposto due volte in alcuni casi, come la pensione di reversibilità o la doppia partita iva, ma ci sono casi in cui la legge vieta espressamente un doppio accredito del sussidio.

Ecco tutti gli aiuti anti-inflazione in arrivo.

Ad esempio, i titolari di un doppio rapporto di lavoro, che hanno due differenti datori di lavoro, non possono percepire due volte il bonus 200 euro.

Nemmeno consegnando due diverse autodichiarazioni o con due impieghi full time l’uno e part-time l’altro. Insomma, ai lavoratori dipendenti, siano essi pubblici o privati, è vietato percepire un doppio bonus 200 euro.

Lo stesso decreto legge n. 50 dello scorso 17 maggio 2022, infatti, ha previsto che il sostegno una tantum possa essere corrisposto ai lavoratori dipendenti solamente previa consegna di un’autodichiarazione ad un solo datore di lavoro.

Ecco chi non avrà il bonus 150 euro sul reddito di cittadinanza.

I lavoratori dipendenti per evitare di dover restituire il bonus 200 euro che viene corrisposto loro direttamente in busta paga, dovranno:

bonus 200 euro
A chi spetta un Bonus 200 euro doppio?

Bonus 150 euro

Attenzione, perché c’è una novità in arrivo. Si tratta del bonus 150 euro che verrà corrisposto alle medesime categorie di beneficiari del bonus 200 euro. La differenza sostanziale tra i due bonus sta nella fascia del reddito.

Leggi tutti i dettagli sul bonus 150 euro: quando arriva il contributo economico e quali sono i requisiti reddituali. Scopri anche quando spetta ai lavoratori, ai pensionati, agli invalidi e disabili e ai percettori di Reddito di cittadinanza.

Il bonus 200 euro, infatti, viene erogato a tutti i cittadini pensionati, disoccupati e lavoratori, con redditi fino a 35 mila euro, mentre il bonus 150 solamente a chi ha redditi entro i 20 mila euro. Si tratta di un secondo aiuto contro il caro vita e l’inflazione, che ha l’obiettivo di aiutare solamente i cittadini meno abbienti.

Ma quando verrà erogato il bonus 150 euro? Probabilmente solo nel mese di novembre. Secondo il ministro dell’Economia, Franco, questo nuovo aiuto potrebbe essere riconfermato anche per dicembre, ma è ancora tutto da decidere.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp