Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Reddito di cittadinanza / Rdc fino a dicembre, cos’è il Patto per l’inclusione sociale

Rdc fino a dicembre, cos’è il Patto per l’inclusione sociale

Scopriamo che cos'è il Patto per l'inclusione sociale e chi deve sottoscriverlo.

di Alda Moleti

Maggio 2023

Nell’articolo di oggi vedremo cos’è il Patto per l’inclusione sociale e perché chi lo sottoscrive ha diritto al Reddito di cittadinanza fino a dicembre 2023 (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Cos’è il Patto per l’inclusione sociale e cosa cambia per i percettori di Rdc?

Più volte quest’anno il Governo è intervenuto sulla scadenza del Reddito di cittadinanza. Prima di tutto la legge di bilancio 2023 stabilisce che il Rdc può essere erogato per un massimo di 7 mensilità.

La stessa legge stabilisce anche un’eccezione e cioè per i nuclei dove almeno un componente sia disabile, minorenne o abbia già compiuto 60 anni. In questo caso infatti il beneficio può essere erogato per 12 mesi.

In ultimo sul Rdc è intervenuto il Decreto Lavoro (48/2023) che ha confermato le tempistiche dettate dalla legge di bilancio aggiungendo però un’altra eccezione.

Adesso infatti possono godere del beneficio per 12 mesi anche i nuclei che hanno sottoscritto il Patto per l’inclusione sociale con il proprio Comune. Il Patto deve essere sottoscritto prima della settima mensilità del Rdc, quindi entro luglio 2023.

Riepilogando hanno diritto al Rdc per 12 mesi, fino a dicembre 2023:

Per tutti gli altri il Rdc dura 7 mesi e non può essere rinnovato. Chi è in questa condizione però dal 1° settemebre 2024 potrà richiedere una misura alternativa, cioè il Supporto per la formazione ed il lavoro.

Nel 2024 comunque il Rdc sparirà per tutti e quella di dicembre 2023 sarà l’ultima mensilità erogata. Per i nuclei inoccupabili però ci sarà una misura diversa, in vigore dall’anno prossimo, ed è l’Assegno di inclusione. Entrambe le misure sono descritte nell’ultimo paragrafo.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Cos’è il Patto per l’inclusione sociale?

Il Patto per l’inclusione sociale permette di ricevere il Reddito di cittadinanza per 12 mesi, poiché questo identifica chi lo sottoscrive come non immediatamente attivabile al lavoro.

A firmare il Patto sono infatti quei i nuclei familiari che diventano percettori di Rdc, ma non sono in possesso dei requisiti per la convocazione da parte dei Centri per l’Impiego. La sottoscrizione al Patto comporta la presa in carico da parte dei servizi sociali e riguarda tutto il nucleo.

Come recita il sito del Rdc “l’obiettivo è quello di accompagnare il sostegno economico, con un progetto concretamente orientato alla rimozione delle condizioni che sono alla radice della situazione di povertà”.

Cosè-il-Patto-per-linclusione-sociale-sito-Rdc
Il sito del Reddito di cittadinanza che spiega che cos’è il Patto per l’inclusione.

Ovvero tutta la famiglia sarà tenuta a seguire un percorso predisposto dai servizi sociali del Comune, al fine di eliminare le vulnerabilità e garantire un inserimento nel mondo al lavoro e una maggiore inclusione sociale.

In pratica i componenti del nucleo familiare devono sostenere uno o più colloqui con l’operatore sociale e partecipare ad alcune attività. Le attività del percorso di inclusione sono scelte dai servizi competenti in relazione alla propria disponibilità ed ai bisogni del nucleo.

La mancata partecipazione ai progetti da parte dei beneficiari del Rdc comporta la decadenza dal beneficio, con obbligo di segnalazione sulla Piattaforma digitale GEPI del Reddito di cittadinanza.

Trovate maggiori informazioni nell’opuscolo dedicato al Patto d’inclusione e realizzato dal Ministero del Lavoro.

Cos’è il Patto per l’inclusione sociale: chi è escluso dagli obblighi?

Come abbiamo visto, il Patto per l’inclusione sociale prevede che chi lo sottoscriva partecipi a delle attività. Sono esonerati ed esclusi dagli obblighi previsti dal Rdc solo:

Cos’è il Patto per l’inclusione sociale: cosa cambia dopo la scadenza del Rdc?

Chi ha firmato o firmerà entro luglio il Patto per l’inclusione sociale potrà ricevere il Reddito di cittadinanza fino a dicembre 2023. Poi, nel 2024, ci saranno due misure a sostituire il Rdc e destinate a due diversi gruppi di beneficiari: il Supporto per la formazione e il lavoro e l’Assegno di inclusione.

La tabella qui sotto riassume in breve requisiti, importi e beneficiari delle due misure. Per un approfondimento completo potete consultare i nostri articoli dedicati ai requisiti per il Supporto per la formazione e il lavoro e agli importi dell’Assegno di inclusione.

AgevolazioneData di attivazioneBeneficiabiliRequisito ISEEImporto
Supporto per la formazione e il lavoro1° settembre 2023gli occupabili, ovvero le persone che non hanno diritto all’Assegno di inclusione6.000 euro all’anno350 euro al mese
Assegno di inclusione1° gennaio 2024i nuclei composti da almeno un membro ultrasessantenne, disabile o minorenne9.360 euro all’annoimporto variabile, a partire da a 480 euro al mese (calcolato in base all’ISEE e alla composizione del nucleo familiare, sul modello del Rdc)

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp