Emergenza rifiuti – De Feo: gli impianti servono, basta perdere tempo

3' di lettura

L’emergenza rifiuti in Irpinia è dietro l’angolo. Sulla questione abbiamo ascoltato il professore universitario Giovanni De Feo. Il padre del metodo Greenopoli ha dichiarato a The Wam: “La provincia di Avellino, produce circa 50mila tonnellate di umido l’anno.

Con l’ampliamento dell’impianto di compostaggio di Teora, l’Irpinia comunque necessiterà di nuove strutture. Il progetto del bio-digestore di Chianche, grazie alle nuove norme europee, deve avere una documentazione Ippc (prevenzione integrata contro l’inquinamento) e userà le cosidette Bat che sono le migliori tecniche disponibili al mondo per il trattamento dei rifiuti. Il problema di impatto ambientale non esiste. Anche l’agricoltura di pregio come l’uva, produce inquinamento. Quindi l’impatto ambientale già c’è.

In Irpinia sembra che tutti siano esperti di ambiente. Non ci rendiamo conto che ogni bruciamo 15mila euro per il trasporto fuori provincia dell’umido, senza contare l‘impatto ambientale. Com’è possibile che in vent’anni, dall’ultima legge sulla raccolta differenziata, la provincia di Avellino non si sia ancora dotata degli impianti necessari. Eppure la Regione Campania ci ha provato più volte, redigendo progetti e preparando fondi. Nel 2008 a Serino era quasi tutto pronto per far partire i lavori di un nuovo impianto quando i comitati ambientali fecero rinviare tutto. La stessa cosa è avvenuta in altre zone della provincia. Ho fatto i calcoli. Dal 2000 abbiamo sprecato circa 50 milioni di euro. Per non progredire costruendo nuovi impianti adesso ci siamo ridotti a questa situazione gravissima. Potrei tranquillamente unirmi al coro di protesta accusando regione e provincia di non aver fatto le giuste cose negli anni passati. Abbiamo però bisogno di soluzioni. Chi non ritiene sia una scelta giusta, quella del biodigestore, sta facendo perdere ancora più tempo all’Irpinia.

Cestello traforato

Una delle soluzioni per ridurre il peso dell’umido è il cestello traforato. Si tratta di una pattumiera per la raccolta dell’umido, forata ai lati che consente ai liquidi di evaporare senza così formare puzza. Il peso dell’umido, grazie a questo metodo, si ridurrebbe del 15, 20 per cento. Ho proposto a molti comuni irpini e salernitani l’adozione di questo cestello. I loro amministratori mi hanno fatto il solito sorriso di cortesia. O non hanno capito la cosa, e quindi sono incompetenti, o c’è qualcosa che mi puzza. In molte stanze dà fastidio che il peso dei rifiuti diminuisca.

Il compostaggio di comunità

“È un progetto ambizioso – continua De Feo -. La Regione Campania sta dotando la provincia di Avellino di circa ventitré compostiere di comunità. Ognuna di loro può contenere circa 100 tonnellate di umido. Non bastano. Senza dimenticare che compostaggio di comunità funziona così: il cittadino deve recarsi alla compostiera a gettare il proprio umido e tornare a ritirare il compost. Un nuovo impegno quotidiano per gli utenti. Non so quanti saranno disposti ad accettare. Questo progetto si può fare nei piccoli comuni. Non in città come Avellino”.

Compost domestico

Il professore De Feo analizza anche la possibilità del compost domestico: “Il compost domestico lo può fare chiunque, senza problemi. Non c’è bisogno di alcuna autorizzazione. Il risultato però non è certificato. Ci sono studi che dimostrano la presenza di agenti inquinanti nel compost domestico. Se non fatto bene, infatti, può non essere buono per la terra – conclude De Feo.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie