Esenzione bollo auto: ecco chi non deve pagare

Esenzione bollo auto. La tassa di possesso è obbligatoria, tuttavia alcune categorie di soggetti e di autovetture sono esentate dal pagamento. Ecco quali.

4' di lettura

Esenzione bollo auto. La tassa sul possesso dell’automobile, comunemente chiamata “bollo auto”, è una spesa annuale obbligatoria per chi possiede un’autovettura, anche se poco utilizzata o parcheggiata da anni in garage (Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube).

Tuttavia esistono delle categorie di persone (o di autovetture) esentate dal versamento della tassa di possesso.

In questo articolo vedremo insieme chi è esonerato dal pagare il bollo dell’auto e per quali veicoli non è obbligatorio versare la tassa di possesso.

Esenzione bollo auto: Legge 104

In alcuni casi è possibile usufruire dell’esenzione bollo auto. Ma a quale tipologia di soggetti o di vetture è rivolto questo beneficio?

Possono usufruire dell’esenzione del bollo auto i disabili che si avvalgono della Legge 104:

  • sordi o non vedenti (come da certificazioni rilasciate da Commissioni Mediche pubbliche di accertamento);
  • i disabili psichici o mentali che usufruiscono dell’accompagnamento;
  • i disabili pluriamputati, affetti da handicap gravi o con gravi limitazioni della capacità di deambulare.

Questi possono usufruire dell’esenzione bollo auto grazie alla Legge 104, se sui verbali di disabilità viene riportata la dicitura: “l’interessato possiede i requisiti tra quelli dell’art. 4 DL 9 febbraio 2012 n. 5”.

Per usufruire dell’esenzione, il disabile deve sottoporsi a visita medica per verificare la sua percentuale di invalidità, poi segnalata su apposito verbale. Quindi va compilato e consegnato il modulo (che puoi scaricare nel link in basso) presso l’Ufficio Tributi della regione di appartenenza, entro 90 giorni dalla data in cui bisogna pagare il bollo auto.

Al modulo vanno allegati: la copia del libretto di circolazione dell’autovettura, la copia del documento di riconoscimento dei soggetti trasportati e una copia della patente speciale.  

Vuoi ricevere ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale? Allora entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Esenzione bollo auto: Regioni

Con la sentenza della Corte Costituzionale del 20 maggio 2019, le Regioni possono adottare esenzioni anche se non previste dalla Legge, sempre nei limiti del massimale imposto dalle norme statali.

Le esenzioni possono riguardare chi acquista veicoli a basse emissioni inquinanti. In Lombardia, per esempio, sono esentate dal pagamento della tassa di possesso le autovetture elettriche, alimentate a GPL o a idrogeno, mentre altre regioni (Campania ed Emilia Romagna) prevedono una riduzione dell’importo del bollo auto del 25%.

In Puglia, invece, le automobili a GPL immatricolate dal 1° gennaio 2013 non pagano il bollo auto per i primi cinque anni, poi è prevista una riduzione del 75%.

Esenzione bollo: auto storiche

Anche le auto storiche sono inserite nell’elenco dei veicoli per cui è prevista l’esenzione del bollo auto. C’è da distinguere tra auto storiche ultratrentennali, che usufruiscono automaticamente dell’esenzione, senza presentare domanda o l’iscrizione del veicolo in un registro storico, e auto storiche ultraventennali.

Sono considerati veicoli storici ultratrentennali quelli non adibiti a uso professionale o utilizzati per attività di impresa, arti o professioni. L’unica tassa da pagare, nel caso in cui il veicolo è fatto circolare su strade e aree pubbliche, è la tassa di circolazione forfettaria di 28,40 euro.

Per quanto riguarda le auto ultraventennali, con anno di immatricolazione compreso tra i 20 e i 29 anni, come da Legge di Bilancio del 2019 hanno diritto a una riduzione del 50% del bollo auto (bisogna essere in possesso di un certificato di rilevanza storica da annotare sul libretto di circolazione).

Per quelli utilizzati per uso professionale con attestazione di storicità ASI o FMI è previsto il 10% di sconto sulla tassa di possesso.

Potrebbe interessarti anche:

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie