Esenzione Tari: come non pagare la bolletta dei rifiuti

Esenzione Tari: quando può scattare l’esonero dal versamento della tassa sui rifiuti? Il regolamento cambia da comune a comune. Ecco come funziona l'esenzione.

3' di lettura

Esenzione Tari: quando può scattare l’esonero dal versamento della tassa sui rifiuti? Il regolamento cambia da comune a comune. Una panoramica sull’argomento (Consulta la nostra pagina speciale sul Fisco e partecipa alla discussione sul nostro gruppo Facebook).

Indice:


(Leggi anche la nostra pagina speciale sui bonus). (Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus) (Nel gruppo whatsapp offerte di lavoro, incentivi e concorsi sempre aggiornati) (Qui la pagina riservata ai concorsi) (Qui il link al nostro canale youtube con le video-guide)

Tari Pagamento: di cosa si tratta?

La Tari è la Tassa sul servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani: deve essere pagata da chiunque abbia la proprietà o comunque detenga locali o terreni ove possano essere prodotti. In teoria, quanto dovuto viene saldato in un’unica rata con scadenza tra aprile e maggio o attraverso due acconti, ad aprile e luglio, e un saldo finale, tra ottobre e dicembre di ogni anno. Tuttavia, sulle tempistiche dell’adempimento pesano i singoli regolamenti comunali: in sostanza, le regole variano da città a città. Ciò vale anche per la possibilità di ottenere una riduzione dell’importo da versare o un’esenzione totale.

Riduzione Tari: si può richiedere?

Dunque, a proposito di esenzione Tari oppure di riduzione del balzello è bene consultare il regolamento del comune ove si possiedono o detengono locali o aree scoperte ove possano essere prodotti rifiuti urbani. Detto ciò, alcuni casi tipici in cui si può richiedere la riduzione dell’importo da versare riguardano un utilizzo dell’immobile molto limitato nel tempo (anche stagionale talvolta), la non ottemperanza del comune per un lungo periodo al servizio di rimozione dei rifiuti o l’inosservanza della normativa sanitaria nel loro smaltimento, l’utilizzo di tecniche di compostaggio.

Esenzione Tari: quando può scattare?

Invece, l’esonero dal versamento può scattare in caso di multiproprietà, stato d’abbandono dell’immobile, immobili abitati da soggetti disabili o minori, residenza continuativa all’estero. D’altro canto, colpevole l’emergenza Covid, sempre più comuni sembrano voler esonerare i cittadini più in difficoltà dal versamento dell’imposta legando il diritto ad una soglia di reddito, alla perdita del lavoro e così via.

Esenzione Tari: quando può scattare? Info utili
Esenzione Tari: quando può scattare l’esonero dal versamento della tassa sui rifiuti? Il regolamento cambia da comune a comune.

Potrebbero interessarti:

  1. Obbligo vaccino. Il lavoratore può essere licenziato?

  2. Isee online: le migliori web app per il calcolo

  3. Bonus mamme single da 500 euro: come funzionerà

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie