La prossima estate? Mascherine e niente discoteche

La prossima estate sarà ancora necessario indossare mascherine ed è difficile immaginare la riapertura delle discoteche, ma si potrà viaggiare. Un'estate ancora all'insegna della prudenza, ma la campagna di immunizzazione e il passaporto vaccinale potrebbero garantire un quasi ritorno alla normalità. Sono già tante le prenotazioni. E i prezzi, in molte località, sono alle stelle.

La prossima estate? Mascherine e niente discoteche
La prossima estate sarà ancora necessario indossare mascherine ed è difficile immaginare la riapertura delle discoteche, ma si potrà viaggiare.
5' di lettura

Come sarà la prossima estate? Molto probabilmente ancora con la mascherina e se i contagi calano una delle prime restrizioni a sparire potrebbe essere il coprifuoco. Al momento è molto difficile immaginare un ritorno alla normalità nei prossimi mesi, a una estate in stile 2019. Forse non sarà neppure simile a quella del 2020, quella del coviddi non c’è più, perché sembra assai improbabile la riapertura delle discoteche.

Estate, corsa alle prenotazioni

La macchina del turismo si è comunque rimessa in moto. Con qualche difficoltà, ma si vuole ripartire. Nonostante il coronavirus. È uno dei settori disastrati dalla crisi sanitaria.

In rete c’è già una discreta corsa alle prenotazioni. E molte località offrono case con prezzi in molti casi più alti del passato, ma c’è la possibilità di disdire 24 ore prima della partenza. Si punta sulla voglia di evasione degli italiani (dalla pandemia e dalle zone rosse), ma si offre una via d’uscita se la curva del contagio dovesse imprevedibilmente restare alta.

Case estate, prezzi alle stelle

Certo, i prezzi alti fanno a pugni con la crisi economica che ha divorato il Paese in questi 12 mesi. Ma se è già iniziata la corsa alle prenotazioni c’è ancora chi può spendere. Anche più di prima. È quello che ritengono le agenzie turistiche. Forse perché mai come questa estate è forte la voglia di partire, di lasciarsi alle spalle quest’anno difficile. Anche a costo di qualche sacrificio.

Qui puoi trovare notizie su covid, vaccinazioni e ordinanze

Ma sarà una evasione parziale: difficile immaginare folle senza mascherina. I numeri attuali del contagio non lasciano prevedere un liberi tutti che potrebbe avere, se la situazione non muta in modo drastico, le stesse conseguenze già vissute lo scorso anno.

La corsa delle vaccinazioni

Molto dipenderà dalla campagna di vaccinazione. Il Commissario straordinario ha dichiarato che entro questa settimana saranno somministrate 300mila dosi al giorno. Sarebbe un buon segnale. Renderebbe più credibile l’obiettivo del mezzo milione di vaccini ogni 24 ore che si dovrebbe raggiungere in aprile, quando sarà disponibile anche il vaccino monodose della Johnson&Johnson.

Estate, obiettivo 60%

Oggi solo il 10% degli italiani ha ricevuto la prima dose del vaccino. Se tutto procede come prevede il piano vaccinale entro luglio, e quindi nel cuore dell’estate e delle vacanze, si dovrebbe toccare la soglia del 60%. Non proprio l’immunità di gregge, ma quasi (è fissata tra il 70 e l’80%).

In estate giovani ancora non vaccinati

Ma se si raggiunge quella cifra – obiettivamente ragguardevole – perché l’estate dovrà essere ancora all’insegna della mascherina e del distanziamento? È semplice, potrebbero mettersi in movimento milioni di persone, soprattutto giovani, proprio la categoria che in quel periodo non avrà ancora ricevuto l’immunizzazione. Senza dimenticare un altro dato, non secondario, e che forse tutti dovremmo ricordare: chi si vaccina non si ammala, ma potrebbe ancora infettarsi e contagiare altre persone.

In estate importanti riaperture

Si potrebbe comunque andare verso significative riaperture. Soprattutto, come si pensa e si spera, se la situazione epidemiologica sarà migliorata.

La grande differenza rispetto alla scorsa estate sono i vaccini. Ovvero c’è una chiara, evidente e ormai concreta via d’uscita al coronavirus. E la situazione della Gran Bretagna dovrebbe confortarci: lì con le prime dosi di AstraZeneca somministrate al 45% della popolazione, il contagio, i ricoveri e i morti hanno già subito una diminuzione radicale.

Difficile la riapertura delle discoteche

Al momento il timore dell’estate, oltre agli assembramenti selvaggi – che sarebbe opportuno evitare – restano proprio le discoteche. Lo scorso anno il contagio è ripartito proprio dalle località balneari dove si è vissuta un’estate «come niente fosse». Dalla Grecia, alla Spagna, alla Sardegna.

Al momento la logica dice che dovremmo rinunciare a qualcosa, ma non a tutto: ovvero partire, se si vuole e se si può, ma senza gli eccessi che hanno caratterizzato l’estate 2020.

Se tutto procede come dovrebbe, riapriranno le attività commerciali, a partire da bar e ristoranti.

Passaporto vaccinale e sistema tampone

Ma per questa estate non bisogna dimenticare un altro aspetto che sarà determinante: il passaporto vaccinale. Sarà adottato da tutti i Paesi dell’Unione Europea entro giugno. Sarà il lasciapassare per varcare i confini e muoversi con una certa libertà in Europa. Ma prevede, tra l’altro, la vaccinazione completa dal coronavirus.

C’è anche il sistema tampone: ovvero test prima di partire o all’arrivo nella meta turistica. Potrebbe essere l’alternativa valida soprattutto per i più giovani che per questa estate potrebbero non aver ancora ricevuto le dosi necessarie per immunizzarsi (e sarebbero quindi senza passaporto vaccinale).

C’è una grande voglia d’estate e di libertà. Un desiderio che appartiene a tutti. Potremmo tornare a respirare questa estate, con meno angoscia rispetto all’anno scorso, e con una prospettiva molto più ottimistica. Serve un altro po’ di prudenza. Ma la ripresa, economica, sociale e psicologica, è dietro l’angolo. Con o senza mascgerina. Soprattutto – e lo ripetiamo – se la campagna vaccinale procederà così come ha annunciato il commissario straordinario.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie