Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Ex Bonus Renzi per pensionati 2023: quando spetta e come

Ex Bonus Renzi per pensionati 2023: quando spetta e come

Ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023. Scopri nell'approfondimento se è previsto l'ex Bonus Renzi per chi percepisce trattamenti pensionistici e come funziona.

di Imma Duni

Febbraio 2023

Ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023. Scopri se è previsto l’ex Bonus Renzi per chi percepisce trattamenti pensionistici e come funziona (scopri le ultime notizie sul bonus 150 euro e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023: è previsto?

È previsto l’ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023? La risposta è affermativa: l’ex Bonus Renzi è previsto anche per i pensionati.

I beneficiari di pensioni INPS, che non ricevono altri trattamenti risarcitori o assistenziali come il Reddito di cittadinanza o rendite Inail, possono ottenere il trattamento integrativo, conosciuto come ex Bonus Renzi.

Il Bonus sarà erogato automaticamente in busta paga o nel cedolino pensionistico.

La legge di bilancio ha confermato per il 2023 l’ex Bonus Renzi, ovvero il trattamento integrativo in busta paga che ha sostituito gli 80 euro erogati in precedenza.

Dal 1° luglio 2020, infatti, questo Bonus Irpef, previsto solo per i lavoratori subordinati, può arrivare ad un massimo di 120 euro mensili, in totale 1.200 euro annui.

La somma cambia in base al reddito del beneficiario. Il Bonus è stato esteso anche ai percettori di NASPI e ai lavoratori atipici.

Chi può ricevere l’ex Bonus Renzi?

Chi ricevono l’ex Bonus Renzi nel 2023 sono:

L’ex Bonus Renzi si riceve in automatico in busta paga o con il cedolino pensione e non c’è bisogno di presentare alcuna domanda.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023: come funziona?

Secondo la legge di bilancio, coloro che possono ricevere l’ex Bonus Renzi sono:

Questa agevolazione è godibile nella sua totalità solo dalle famiglie che hanno un reddito annuo inferiore o pari ai 15 mila euro annui.

Se il reddito familiare è compreso tra 15.000 e 28.000 euro, non potrai più ottenere l’ex Bonus Renzi, salvo alcune eccezioni.

Per i redditi compresi tra i 15.000 e i 28.000 euro, l’ex Bonus Renzi potrebbe essere riconosciuto, sempre per un massimo di 1.200 euro annui, ma con un ulteriore calcolo: il totale delle detrazioni spettanti al lavoratore, che dovrà essere superiore all’imposta lorda. 

In questo modo la tua famiglia potrà pagare meno tasse e godere di questa agevolazione.

Se la tua famiglia percepisce un reddito tra i 15.000 e 28.000 euro, non potrai essere certo al 100% di ricevere l’ex Bonus Renzi in busta paga.

Il consiglio che ti diamo è chiedere al tuo commercialista o al tuo patronato di fiducia, perché nel caso in cui dovessi ricevere indebitamente l’ex bonus Renzi in busta paga, successivamente potresti essere costretto a restituirlo in un’unica soluzione.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Ex Bonus Renzi per pensionati 2023
Ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023: in foto una coppia di pensionati sorridenti.

Ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023: come fare domanda?

Come abbiamo anticipato, per ottenere l’ex Bonus Renzi in busta paga o con la pensione, non serve presentare alcuna domanda.

Se si rientra nei requisiti, il beneficio arriverà in automatico.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Quali sono le altre agevolazioni, oltre all’ex Bonus Renzi?

Oltre all’ex Bonus Renzi, sono previste altre agevolazioni per i lavoratori.

I Bonus benzina, del valore di 200 euro. Questi buoni vengono concessi dal datore di lavoro ai dipendenti, senza tassazione e senza concorrere al reddito del dipendente.

Le aziende, a loro volta, potranno detrarre il totale dei vari Bonus concessi, al momento della dichiarazione dei redditi.

La scelta di chi potrà ottenere i Bonus spetta solo al datore di lavoro. Non ci sono requisiti da rispettare, né domande da presentare. L’azienda potrebbe decidere anche di concedere il Bonus benzina a tutti i dipendenti.

Il limite massimo del Buono benzina è di 258,23 euro.

Alcuni lavoratori, invece, sono ancora in attesa del Bonus 150 euro.

Il contributo economico verrà pagato a febbraio per alcune categorie di cittadini, come i titolari di prestazioni NASpI, DIS-COLL, mobilità in deroga e trattamenti di importo pari alla mobilità nel mese di novembre 2022, per i beneficiari di disoccupazione agricola 2021, per che ha percepito le indennità COVID-19 e per i lavoratori autonomi occasionali e incaricati alle vendite a domicilio.

Ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023: chi sono gli esclusi?

Sono esclusi tutti i lavoratori dipendenti che percepiscono un reddito annuo tra 15.001 euro e 28.000 euro.

Questi ultimi avranno diritto all’ex Bonus Renzi solo se il totale delle detrazioni di seguito indicate, sia superiore al totale dell’imposta lorda:

Abbiamo visto l’ex Bonus Renzi per pensionati nel 2023. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp