False separazioni per non pagare le tasse: funziona?

False separazioni per non pagare le tasse: in Italia sono 7.000 le coppie che ogni anno si separano fittiziamente per ridurre la pressione fiscale. Il risparmio economico generato da questo trucco è notevole. Vediamo quanto si può sottrarre al Fisco, ma anche i rischi che si corrono se il raggiro viene scoperto.

5' di lettura

False separazione per non pagare le tasse, un trucco molto diffuso in Italia. Si stima, ma i numeri potrebbero essere più alti, che ogni anno nel nostro Paese 7.000 coppie si separano in modo fittizio. Non perché non vadano d’accordo e si preparano al divorzio, ma solo per non pagare le tasse. O pagarne molto di meno.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

False separazioni per non pagare le tasse: il risparmio è notevole

Del resto, conti alla mano, le false separazioni per non pagare le tasse possono comportare benefici notevoli per le vostre tasche. Una coppia con un reddito medio alto può risparmiare fino a 7.000 euro l’anno di Irpef con l’assegno di mantenimento alla moglie “separata”.

I benefici possono essere diversi. Eccone alcuni (i vantaggi del single):

  • il reddito familiare si riduce (suddiviso tra i due coniugi), l’aliquota per il pagamento delle tasse sarà quindi più bassa di quella precedente (con i due redditi insieme);
  • abbassare l’Isee può consentire l’accesso a una serie di agevolazioni;
  • si riduce anche la tassa per la raccolta dei rifiuti;
  • le salatissime tasse sulle seconde case svaniscono: diventano prima casa di uno dei due coniugi separati;
  • si riducono anche le tariffe scolastiche che si pagano per i figli.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

False separazioni per non pagare le tasse: i rischi

I vantaggi, come vedete sono evidenti. Ma ci sono anche dei rischi: le false separazioni per non pagare le tasse possono essere scoperte dagli “investigatori” del fisco. Bisogna fare mota attenzione, oggi più di ieri l’Agenzia delle Entrate ha armi potenti per “entrare” nelle vostre vite.

False separazioni per non pagare le tasse: non è un fenomeno nuovo

Diciamolo subito: le false separazioni per non pagare le tasse non sono un fenomeno nuovo. Così come non è nuova la pressione fiscale così alta nel nostro Paese.

Il trucco delle separazioni fittizie è diffuso soprattutto nelle famiglie che hanno un reddito medio alto (e che spesso hanno due case di proprietà).

La separazione consente di dimezzare (o comunque ridurre se uno dei due guadagna di più) i ricavi.

Il coniuge più debole avrà un Isee più basso (e le agevolazioni previste), in alcuni casi anche l’assegno sociale.

Il coniuge più forte potrà dedurre dal reddito l’assegno mensile da versare (per finta) al coniuge separato.

Senza contare il risparmio sull’eventuale seconda casa (dove uno dei due sposterà la residenza). La separazione può anche essere uno strumento per difendere i beni dall’aggressione dei creditori.

False separazioni per non pagare le tasse: quanto costa

Oltretutto una separazione consensuale costa poco. Tra 30 e 700 euro, dipende se la procedura si compie con o senza assistenza legale. I due coniugi, infatti, potrebbero presentarsi entrambi in tribunale per partecipare all’udienza di separazione senza gli avvocati (del resto sono sicuramente d’accordo).

Se non ci sono figli minori o questioni immobiliari e patrimoniali da risolvere la separazione può essere stabilita anche in Comune. In questo caso può costare anche 20 euro.

False separazioni per non pagare le tasse: vantaggi effettivi

Falsa separazione per non pagare le tasse, ok, ma quali sono i vantaggi effettivi di una operazione che sembra comunque “estrema”, seppure come abbiamo visto piuttosto comune.

Vediamoli:

  • Il reddito che i coniugi avevano in comune viene suddiviso. E questo consente di avere un maggiore accesso alle detrazioni, bonus. Oltre naturalmente all’abbassamento delle aliquote (il che può tradursi subito in un vantaggio netto);
  • con l’assegno di mantenimento il coniuge con un reddito più alto avrà la possibilità di effettuare una corposa deduzione dalle tasse e ridurre quindi il carico fiscale;
  • le detrazioni aumenteranno per la ragione inversa (reddito basso), anche per il coniuge che è economicamente più debole;
  • come abbiamo visto c’è il risparmio dell’Imu sulla seconda casa se uno dei coniugi si sposta nell’altra abitazione;
  • il coniuge più debole potrebbe anche avere diritto all’assegno sociale;
  • la separazione può essere uno strumento valido anche in caso di aggressioni da parte dei creditori e di eventuali pignoramenti.

False separazioni per non pagare le tasse: si commette questo reato

Come abbiamo visto i vantaggi sono notevoli. Separarsi è meglio che sposarsi, si potrebbe dire. Ma così come i vantaggi sono elevati, anche i rischi possono essere notevoli. Con conseguenze spiacevoli.

È pur vero che non è semplice scoprire false separazioni per non pagare le tasse.

Chi è stato beccato e ha tentato in alcuni casi di rimediare simulando una riconciliazione improvvisa e solo per questo non ancora formalizzata.

In genere è un espediente che non funziona.

Nel caso comunque – piuttosto raro – si venisse scoperti il reato che si configura è la indebita percezione o la truffa ai danni dello Stato. Un reato mica da niente, prevede pene che vanno dai 6 mesi ai 3 anni.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie