Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Bonus trasporti: tutte le risposte del governo da conoscere

Bonus trasporti: tutte le risposte del governo da conoscere

Bonus trasporti al via dal 1° settembre, ecco tutto quello che devi assolutamente sapere prima di richiederlo online.

di Sara Fannino

Settembre 2022

Bonus trasporti al via dal 1° settembre. Volete sapere qualcosa in più sul nuovo sostegno per i cittadini italiani? Andiamo a scoprire insieme tutte le risposte del Governo riguardo l’utilizzo di questo utilissimo incentivo alla mobilità sostenibile, oltre che sostegno contro il caro vita (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

In questo approfondimento, risponderemo a tutte le domande più frequenti relative al bonus trasporti 2022. In questo modo, se ti viene qualche dubbio e non hai tempo per consultare la normativa, non dovrai fare altro che cercare la risposta che ti serve qui sotto. Buona lettura!

INDICE:

Bonus trasporti: tutte le informazioni essenziali sul sostegno

Bonus Trasporti, che sostegno è? Quando parliamo del bonus trasporti intendiamo quel sostegno economico introdotto con il decreto-legge n. 50/2022 e rifinanziato con il decreto-legge n. 115 dello scorso 9 agosto 2022 (rispettivamente il primo Decreto Aiuti e il Decreto Aiuti bis).

In particolare, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha stanziato fondi pari a 180 milioni di euro e il bonus trasporti potrà essere richiesto fino ad “esaurimento scorte”.

Il bonus è un sussidio economico rivolto a chi ha redditi non superiori a 35 mila euro e che si muove con i mezzi di trasporto pubblico. Può essere richiesto da studenti, lavoratori, pensionati e normali cittadini per abbonamenti mensili e annuali.

Quali sono le persone che possono richiedere il bonus trasporti? Come detto in precedenza, il bonus trasporti può essere percepito dalle persone fisiche (cittadini) che lo scorso anno – 2021 – hanno conseguito redditi entro i 35 mila euro.

Il bonus potrà essere richiesto per sé o per un beneficiario a carico con meno di 18 anni. Il soggetto richiedente potrà accedere con un’identità digitale quale SPID o CIE e indicare il codice fiscale del soggetto beneficiario (per esempio genitore per figlio Under 18 o genitore per sé).

Qual è la procedura da seguire per presentare richiesta del sostegno per i mezzi pubblici? La domanda può essere presentata sulla piattaforma del sostegno www.bonustrasporti.lavoro.gov.it. Per effettuare l’accesso è indispensabile essere in possesso di un’identità digitale, quale:

Il buono erogato sarà nominativo e potrà essere utilizzato per acquistare un solo abbonamento annuale o mensile nel mese in cui verrà presentata la domanda.

Si può richiedere il bonus trasporti senza avere né CIE né SPID? No. L’unico modo per ottenere il bonus trasporti è attraverso CIE o SPID.

Il bonus sociale acqua è in pagamento! Ecco per chi e come averlo.

Quanto vale il bonus trasporti? Per il bonus trasporti non è stato dato un valore minimo per ottenerlo, ma la soglia massima che potrà essere raggiunta è di 60 euro. Il valore del sostegno sarà determinato dall’importo dell’abbonamento mensile o annuale che il soggetto intenderà acquistare.

Si ricorda nuovamente che il sussidio è valido per il solo acquisto di abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, oppure per servizi di trasporto ferroviario nazionale. Si tratta di un sostegno nominativo che non è cedibile a terzi e che non concorre al calcolo ISEE.

Fino a quando si può richiedere il bonus? Le richieste possono essere avanzate dal 1° settembre fino al 31 dicembre 2022, ma comunque fino ad esaurimento fondi disponibili.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus trasporti: altre informazioni

Quando si presenta la domanda online è obbligatorio specificare il proprio reddito? Quando si inoltra la richiesta per il bonus trasporti non è necessario l’ISEE, ma durante la compilazione del Form verrà richiesta l’autocertificazione del reddito non superiore a 35 mila euro (dovrà essere selezionata un’apposita casella).

Nel momento in cui si inoltra la richiesta è obbligatorio specificare il servizio per cui si acquisterà l’abbonamento? Sì. Il soggetto interessato al bonus trasporti dovrà specificare il Gestore del servizio di trasporto pubblico presso cui provvederà ad acquistare l’abbonamento mensile o annuale. È bene sottolineare che questa scelta sarà vincolante.

Ecco tutti gli incentivi esistenti per chi assume persone disabili.

Quali sono le tempistiche di accesso al portale governativo? Potrete accedere al portale per richiedere il bonus trasporti attraverso un sistema di coda automatico, che vi dirà quand’è il vostro turno. Una volta inoltrata la richiesta, il sostegno sarà corrisposto secondo l’ordine cronologico della presentazione delle domande.

bonus trasporti
Bonus trasporti: cos’è e a chi è riservato il sussidio?

Come viene erogato il sussidio? Una volta che avrete terminato la compilazione del form otterrete un codice o un QR Code che potrete presentare fisicamente in biglietteria al momento dell’acquisto, oppure online, se il sito del vostro Gestore lo consente.

Ecco come si può aumentare il bonus trasporti da 60 a 100 euro.

Cosa bisogna fare dopo aver ricevuto il bonus trasporti? Il cittadino richiedente dovrà scaricare dal portale il proprio codice, anche sottoforma di QR Code, mostrarlo fisicamente allo sportello al momento dell’acquisto dell’abbonamento, oppure utilizzarlo per un acquisto online, se consentito dal Gestore.

Il Gestore può rifiutarsi di accettare il bonus trasporti? No.

Le ultime informazioni sul bonus trasporti

Entro quanto tempo può essere speso il bonus trasporti? Il bonus è valido per un solo mese solare dall’emissione e dovrà essere speso in questo periodo di tempo, anche qualora si dovesse acquistare un abbonamento mensile o annuale valido dal mese successivo.

Cosa accade se non impiego pienamente la cifra del sussidio? L’importo erogato, che ricordiamo, ha un valore massimo di 60 euro, potrà essere utilizzato per un solo acquisto. In sostanza, eventuali importi residui andranno persi.

C’è la possibilità di annullare un buono che è già stato emesso? Sì. Nel caso in cui il cittadino richiedente proceda con l’annullamento del buono non ancora utilizzato potrà richiedere un’altra emissione nello stesso mese solare.

Ecco tutti i bonus attivi nel mese di settembre.

Doppia richiesta, una per sé e una per il proprio figlio/ i propri figli attraverso un solo accesso alla piattaforma, è possibile? No. Con un solo accesso alla piattaforma potrà essere richiesto un solo buono: per sé o per un figlio minore a carico. Tutte le richieste aggiuntive devono essere effettuate con un secondo accesso.

Come può essere richiesto il bonus trasporti per i figli? Un genitore può richiedere un bonus trasporti per i figli a carico a condizione che questi siano minorenni. Richiesta potrà essere avanzata entrando nella piattaforma del sostegno mediante un’identità digitale fra SPID e CIE. I figli con 18 o più anni, invece, dovranno provvedere autonomamente alla presentazione della domanda. Il requisito da rispettare in ogni caso è il limite del reddito, non superiore a 35 mila euro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp