Farmaci illegali venduti online: chiusi 132 siti, 13 arresti

Farmaci illegali venduti online: maxi operazione internazionale dei carabinieri che ha portato a 13 arresti, 132 siti oscurato e il sequestro di milioni in medicinali. Sono state 485 le persone denunciate. In vendita oltre ad antibiotici, materiale dopante e contro la disfunzione erettile anche farmaci contro il coronavirus.

Farmaci illegali venduti online: chiusi 132 siti, 13 arresti
Farmaci illegali venduti online: maxi operazione internazionale dei carabinieri che ha portato a 13 arresti, 132 siti oscurato e il sequestro di milioni in medicinali.
4' di lettura

Farmaci illegali e dopanti, anche contro il coronavirus, tutti venduti online con affari d’oro per un business criminale tra i più pericolosi al mondo. Questa mattina maxi operazione dei carabinieri: 13 arresti, 132 siti oscurati, 485 denunce. Nel corso dell’operazione – una delle più importanti contro il pharma crimine – i militari hanno sequestrato migliaia di medicinali, sostanze dopanti, igienizzanti e dispositivi contro la diffusione del coronavirus. Per un valore complessivo di 6 milioni di euro.

Coinvolti 27 Paesi e l’Europol

L’operazione contro i farmaci illegali venduti online è stata denominata Shield e portata a termine dai carabinieri del Nas. L’inchiesta è stata di rilievo internazionale, hanno partecipato 19 Paesi dell’Unione Europea, oltre ad Albania, Bosnia Erzegovina, Colombia, Moldavia, Norvegia, Serbia, Repubblica della Macedonia del Nord, Ucraina e dell’Ufficio europeo Antifrode (Olaf), sotto la direzione e il coordinamento di Europol.

L’operazione Shield contro i farmaci illegali venduti online è nata dall’esperienza maturata con altre precedenti operazioni di livello europeo, Viribus e Maismed. Ed è stata lanciata nei primi mesi di quest’anno, durante il kick-off meeting che si è svolto in Spagna, ad Alicante, nella sede dell’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (Euipo).

Per i carabinieri l’operazione Shield rappresenta «la più grande attività condotta a tutela della salute e contro la criminalità farmaceutica, fenomeno ormai di rilievo transazionale». Criminalità che si esplica nel traffico di farmaci illegali o contraffatti. Farmaci illegali venduti online e a volte introdotti sul mercato tradizionale.

Affari d’oro con i presunti farmaci contro il coronavirus

Le indagini contro i farmaci illegali venduti online si sono sviluppate nell’ambito delle linee guida fissate da Europol con attività di contrasto a livello nazionale ma seguendo un modello organizzativo di coordinamento, cooperazione e scambio informativo tra gli Stati coinvolti, finalizzato a sgominare i traffici illeciti di sostanze dopanti e il loro uso nelle competizioni sportive, nonché la produzione e la distribuzione di farmaci contraffatti o provento di attività illegali. «L’esplosione della pandemia da Covid-19 – hanno anche evidenziato gli investigatori – ha inoltre comportato lo sviluppo di un’altra serie di indagini» per stroncare il mercato illegale che stava sfruttando l’emergenza sanitaria.

In tutto 15 tonnellate di farmaci illegali

Sono state sequestrate oltre 62.000 confezioni e circa 1.500.000 medicinali (compresse, fiale, iniettabili, polveri), molti dei quali riconducibili ad anabolizzanti, antibiotici, antinfiammatori, disfunzione erettile, oltre a farmaci illegali venduti online che vantavano presunti trattamento dell’infezione da coronavirus.

Sono anche stati sequestrati 3 quintali di varie sostanze in polveri e cristalli, tra materiale da taglio e stupefacenti. Tutto materiale, scoperto nell’ottobre scorso, quando i carabinieri i hanno anche trovato una stamperia clandestina di banconote in euro

Ammontano, inoltre, a circa 2 milioni i dispositivi e presidi medici sequestrati in relazione all’emergenza coronavirus. Tutta merce non conforme o illegalmente importata: mascherine, guanti, kit protettivi e DPI, test diagnostici e liquidi igienizzanti, per un quantitativo d 15 tonnellate. Il valore commerciale di tutti i sequestri supera la cifra di 6.500.000 euro.

Vendevano anche idrossiclorochina e ritonavir

I carabinieri hanno anche condotto un controllo sull’offerta di farmaci illegali venduti online. Negli ultimi mesi è cresciuta in modo dirompente la ricerca in rete di medicinali e rimedi contro il coronavirus, Una ricerca e la conseguenze richiesta che ha alimentato ulteriormente il mercato dei farmaci di provenienza illecita e i canali paralleli di approvvigionamento.

Le indagini hanno portato a individuare “oscurare”, su provvedimenti del Ministero della Salute, 132 siti internet tutti con server all’estero e con dati fittizi dei gestori. Di questi siti, 112 erano riferiti a medicinali a base di principi attivi (idrossiclorochina, clorochina, lopinavir/ritonavir, azitromicina) per i quali è stato autorizzato l’utilizzo off label nel solo ambito di ricerche e studi clinici connessi con il COVID-19, mentre 20 proponevano in vendita e pubblicizzavano medicinali a varia indicazione terapeutica, prevalentemente dopanti, contro la disfunzione erettile, antinfiammatori e antibiotici, tutti soggetti a obbligo di prescrizione.

Anche operazioni antidoping

Sono state anche condotte 42 verifiche antidoping “in” (36) e “out” (6) competition da parte dagli Ispettori Investigativi Antidoping del NAS, che hanno consentito di sottoporre a controllo 154 atleti (135 a margine di gare e 21 fuori gara), 13 dei quali sono risultati positivi (tutti “in” competition).

Complessivamente l’Operazione “Shield”, controi farmaci illegali venduti online ha permesso di

smantellare 25 gruppi criminali, sequestrare migliaia di medicinali e prodotti dopanti di vario genere, per un totale di oltre 25 milioni di unita’ e un valore commerciale di quasi 73 milioni di euro, individuare e sequestrare 10 laboratori clandestini, avviare 95 indagini, arrestare 667 persone e denunciarne ulteriori 1.282, nonché di monitorare 4.009 siti web oscurandone 45.

La sola azione mirata sul Covid-19, infine, ha portato al sequestro di oltre 32 milioni tra mascherine, test, kit diagnostici e dispositivi medici, 8 tonnellate tra sostanze chimiche e principi attivi e 70 tonnellate di liquido igienizzante per le mani.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie