Fatturazione elettronica anche per medici e piccole P. Iva?

Fatturazione elettronica: tre anni dopo l'introduzione l'innovazione fiscale può essere definita un successo, lo dicono i numeri; ne sono state fatte 2 miliardi. Si pensa ora ad allargare la platea di chi utilizza la fatturazione elettronica: anche i medici (se si superano i problemi di privacy) e le piccole partite Iva.

4' di lettura

La fatturazione elettronica può essere definita in Italia una innovazione di successo. Lo dicono i numeri. Tre anni dopo l’introduzione dell’obbligo le applicazioni sono state utilizzate da 4 milioni di contribuenti, per un totale di 2 miliardi di fatture elettroniche.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Numeri così rilevanti che hanno consentito all’amministrazione finanziaria dello Stato di migliorare in modo considerevole le possibilità di controlli su soggetti che sono stati definiti negli anni ad a elevata pericolosità fiscale.

Con i controlli incrociati su tutte le operazioni Iva non è semplice eludere le verifiche e il monitoraggio dell’Agenzia delle Entrate.

Fatturazione elettronica: allargare l’obbligo

Tre anni può essere definita una fase ancora sperimentale. Ci sono state delle difficoltà, altre cose hanno funzionato. Per l’immediato futuro si pensa ad allargare il numero dei contribuenti che dovranno utilizzare on modo obbligatorio la fatturazione elettronica.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Fatturazione elettronica: gli esclusi

Gli esclusi dalla fatturazione elettronica sono 2,2 milioni di utenti (stima dell’Agenzia delle Entrate).

E sono soprattutto in questi settori:

  • sanità;
  • imprese o lavoratori autonomi che rientrano nel regime di vantaggio;
  • imprese o lavoratori autonomi che rientrano nel regime forfettario;
  • piccoli produttori agricoli;
  • società sportive dilettantistiche;
  • soggetti non residenti in Italia che effettuano o ricevono operazioni.

Fatturazione elettronica: la sanità

Per chi opera nel settore sanitario lo stop all’uso della fatturazione elettronica è stato imposto dal Garante della privacy. Sono stati messi in evidenza delle criticità per il trattamento dei dati sensibili che vengono invece riportati del documento elettronico (e quindi: codice fiscale del paziente e descrizione della prestazione ricevuta).

Si sta immaginando una soluzione che tuteli la privacy ma garantisca anche l’uso della fatturazione elettronica.

Fatturazione elettronica: il limite per le partite Iva

Per quasi tutti gli altri soggetti che sono stati esclusi la ragione è legata al limite dimensionale (65mila euro di ricavi e compensi), che viene riservata ai piccoli operatori.

Non mancano però quelli che hanno comunque volontariamente adottato la fatturazione elettronica.

Estendere però la fatturazione elettronica anche a tutte le piccole realtà non può essere una decisione da prendere dottare alla leggera. Questo adempimento ha infatti costi più onerosi.

Fatturazione elettronica: dopo lo stop del 2020

Nel 2020 la fatturazione elettronica aveva subito una battuta d’arresto. Ma del tutto motivata dalle restrizioni imposte per la pandemia da covid. I negozi chiusi e la diminuzione degli scambi commerciali ha ridotto il numero delle fatture.

Si sono registrati sia nel 2020, sia nel 2021, meno errori di fatturazione. Evidentemente professionisti e aziende stanno imparando a emettere e inviare le proprie fatture elettroniche.

Come saprete ogni tre mesi l’Agenzia delle Entrate determina se sulle fatture trasmesse è indicata in modo corretto anche l’imposta di bollo. Dopo questa elaborazione vengono distinte due categorie poi organizzate in altrettanti elenchi:

  • elenco non modificabile: le fatture corrette (rispetto all’imposta di bollo)
  • elenco modificabile: dove si cono gli estremi delle fatture che hanno i requisiti per l’assoggettamento all’imposta di bollo, ma sono prive di indicazione.

Fatturazione elettronica: verso la totale digitalizzazione

Comunque sia l’introduzione della fatturazione elettronica ha dato il via a una totale digitalizzazione degli ordini e dei pagamenti.

La fatturazione elettronica deve essere in grado di assicurare l’autenticità e l’integrità. Per farlo deve rispettare almeno una di queste 4 modalità:

  • firma digitale dell’emittente: che garantisce l’integrità a livello di un singolo documento;
  • sistemi Edi di trasmissione dei dati: le stesse garanzie vengono assicurate a livello della trasmissione dei dati;
  • sistemi di controllo e gestione: per un collegamento affidabile tra la fattura e la cessione dei beni se vengono assicurate tutte le garanzie;
  • altre tecnologie che possono essere usate per assicurare l’integrità dei dati, come per esempio l’utilizzo del sigillo digitale.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie