Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto » Fisco e tasse / Fermo amministrativo IMU: quando scatta

Fermo amministrativo IMU: quando scatta

Fermo amministrativo e IMU: quando scatta? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Gennaio 2024

In questo articolo parleremo di fermo amministrativo e IMU e vedremo quando scatta questo provvedimento (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Fermo amministrativo e IMU: quando scatta?

Il fermo amministrativo è una procedura legale eseguita dalle autorità per impedire l’utilizzo di un veicolo quando il proprietario ha debiti non onorati con gli enti pubblici.

Questa azione è finalizzata al recupero di crediti non pagati, che possono originare da tributi, tasse o multe derivanti da violazioni del Codice della Strada. In particolare, il fermo amministrativo può essere attivato anche per il mancato pagamento dell’IMU.

Quando una tassa come l’IMU non viene pagata, il proprietario del veicolo riceve una cartella esattoriale dall’Agenzia delle Entrate. La mancata liquidazione dell’importo indicato nella cartella può portare a diverse conseguenze, inclusa l’applicazione del fermo amministrativo sui veicoli di proprietà. Questa misura costringe il proprietario a regolare la sua posizione debitoria prima di poter utilizzare nuovamente il veicolo in questione.

Tuttavia, l’Agenzia delle Entrate può iscrivere il fermo amministrativo su un veicolo solo quando il debito eccede gli 800 euro. Per debiti di importo inferiore a questa soglia, l’ente fiscale non ha l’autorizzazione a procedere con il fermo.

Inoltre, nel caso in cui un debitore possegga più veicoli, l’Agenzia delle Entrate ha la facoltà di applicare il fermo amministrativo su un secondo veicolo solo se l’ammontare del debito supera i 2.000 euro. Questo requisito è pensato per bilanciare le esigenze di riscossione del credito con la necessità di evitare eccessivi disagi al debitore.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Tabella dei limiti del fermo amministrativo

Ecco una tabella che illustra quando l’Agenzia delle Entrate può imporre su un veicolo un fermo. I limiti del fermo amministrativo variano infatti in base all’importo del debito.

DebitoFermo amministrativo
Sotto gli 800 euroNessun fermo
Da 800 euro a 2.000 euroSu massimo 1 veicolo
Da 2.000 euro a 10.000 euroFino a 10 veicoli
Oltre 10.000 euroSu tutti i veicoli di proprietà del moroso
Limiti economici del fermo amministrativo

Quali sono le conseguenze del fermo amministrativo?

Una volta che su un veicolo è stato iscritto un fermo amministrativo, la notifica di questa misura viene inserita nei registri pubblici.

Di conseguenza, il proprietario del veicolo perde il diritto di utilizzarlo fino a quando non salda completamente il debito con l’ente creditore. Nello specifico, quando un veicolo è soggetto a fermo amministrativo:

Come si toglie il fermo amministrativo sull’auto

La revoca del fermo amministrativo avviene in seguito al completo pagamento del debito verso l’ente di riscossione.

Tuttavia, è importante tenere presente che, nonostante il pagamento del debito, è necessario un periodo di attesa, generalmente tra 3 e 15 giorni, prima che la revoca del fermo sia completamente processata. Solo dopo questo intervallo il veicolo può essere legalmente autorizzato a circolare di nuovo. Questo periodo di attesa consente alle autorità competenti di aggiornare i registri e assicurarsi che tutte le procedure siano state adeguatamente completate.

Come controllare se l’auto è sottoposta a fermo amministrativo

Per verificare la presenza di un fermo amministrativo su un veicolo, è possibile accedere al servizio gratuito offerto dall’Automobile Club d’Italia (ACI). Questo strumento permette di controllare rapidamente e senza costi se su un veicolo è stato imposto un fermo amministrativo.

fermo-amministrativo-e-IMU-ACI
Il portale ACI per il controllo del fermo amministrativo.

Controllare il fermo amministrativo dell’auto sul sito dell’ACI

Per facilitare la procedura di verifica l’Automobile Club d’Italia (ACI) ha sviluppato un comodo portale online dedicato agli automobilisti. Questo strumento permette di eseguire rapidamente controlli per verificare se su un veicolo pesa un fermo amministrativo o se vi sono altri tipi di vincoli, come ipoteche o pignoramenti.

Il servizio è totalmente gratuito e non richiede una registrazione sul sito web dell’ACI. È sufficiente autenticarsi utilizzando le credenziali SPID o CIE (Carta d’Identità Elettronica).

Il processo all’interno del portale è molto facile. Si comincia inserendo il numero di targa del veicolo. Successivamente, si sceglie dal menu a tendina il tipo di veicolo (ad esempio, auto o moto) e si digita il codice fiscale del proprietario.

Nella schermata successiva, se il veicolo risulta soggetto a fermo amministrativo, verranno visualizzate tutte le informazioni rilevanti legate a tale vincolo. In caso contrario, se non compaiono informazioni relative a un fermo amministrativo, ciò indica che il veicolo è libero da restrizioni e che eventuali vincoli sono stati rimossi.

Controllare il fermo amministrativo sull’app ACI Space

È possibile eseguire controlli su eventuali vincoli, come il fermo amministrativo, utilizzando l’app ACI Space, disponibile per dispositivi Apple e Android.

Dopo aver scaricato e installato l’app sul proprio smartphone, l’utente deve autenticarsi tramite SPID o CIE. Quindi, si accede alla sezione I miei veicoli dell’app. In questo spazio, è necessario selezionare Documenti e poi indicare il veicolo specifico per cui si intende effettuare la verifica.

Successivamente, verrà mostrato un facsimile del libretto del veicolo, che include tutte le informazioni rilevanti e aggiornate, compresa la presenza di eventuali vincoli come il fermo amministrativo.

FAQ: Domande frequenti sul fermo amministrativo?

Il fermo amministrativo può andare in prescrizione?

No, il fermo amministrativo su un veicolo non va mai in prescrizione. È infatti una nota che viene registrata nel Pubblico Registro Automobilistico (PRA) fino a quando il debito non viene completamente estinto.

Posso vendere un veicolo con fermo amministrativo?

Il fermo amministrativo si applica al veicolo e non al conducente, quindi è possibile vendere una moto o un motorino con fermo amministrativo, informandone il nuovo proprietario. In questo caso, il fermo al veicolo resta attivo e il nuovo proprietario dovrà aspettarne la scadenza prima di poter circolare.

Una moto con fermo amministrativo può circolare?

No, i veicoli sottoposti a fermo amministrativo non possono circolare in nessun caso. Il conducente rischia altre sanzioni, che trovate descritte nel paragrafo dedicato.

Cosa succede se continuo a circolare con un fermo amministrativo?

Circolare con un fermo amministrativo può comportare sanzioni e ulteriori conseguenze legali.

Cosa accade se il debito non viene pagato durante il fermo amministrativo?

Se il debito non viene pagato durante il fermo amministrativo, le autorità possono procedere con ulteriori azioni legali per recuperare il debito, incluso il pignoramento del veicolo.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp