Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Ricorso fermo amministrativo: i termini per impugnarlo

Ricorso fermo amministrativo: i termini per impugnarlo

Fermo amministrativo e termini per impugnarlo: quali sono? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Marzo 2024

In questo articolo parleremo di fermo amministrativo e termini per impugnarlo e vedremo come opporsi a questo provvedimento (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Quando scatta il fermo amministrativo di un veicolo?

Il fermo amministrativo è una procedura legale impiegata dalle autorità per limitare l’uso di un veicolo quando il proprietario non ha adempiuto ai propri obblighi finanziari verso gli enti pubblici.

Questa azione è volta al recupero di crediti non saldati, derivanti da tributi, tasse o multe inerenti a violazioni del Codice della Strada, inclusi casi come il mancato pagamento del Bollo auto.

In seguito al mancato pagamento di una tassa o di una multa, il proprietario del veicolo riceverà una cartella esattoriale dall’Agenzia delle Entrate. Se il debito indicato nella cartella non viene saldato, si possono innescare diverse conseguenze, inclusa l’applicazione del fermo amministrativo del veicolo.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Qual è l’importo del debito per l’iscrizione del fermo amministrativo?

Va sottolineato, comunque, che l’Agenzia delle Entrate è autorizzata a procedere con il fermo amministrativo di un veicolo solo se il debito accumulato supera gli 800 euro. Per debiti inferiori non è autorizzata a imporre il fermo.

In aggiunta, se il debitore possiede più veicoli, l’Agenzia delle Entrate è abilitata ad applicare il fermo amministrativo su un secondo veicolo solo nel caso in cui l’importo del debito ecceda i 2.000 euro.

Tabella dei debiti minimi per l’iscrizione del fermo amministrativo

Ecco una tabella che mostra in quali circostanze l’Agenzia delle Entrate è autorizzata ad applicare un fermo amministrativo su un veicolo, a seconda dell’importo del debito accumulato dal proprietario.

DebitoFermo amministrativo
Sotto gli 800 euroNessun fermo
Da 800 euro a 2.000 euroSu massimo 1 veicolo
Da 2.000 euro a 10.000 euroFino a 10 veicoli
Oltre 10.000 euroSu tutti i veicoli di proprietà del moroso
Limiti economici del fermo amministrativo

Fermo amministrativo e termini per impugnarlo: quali sono?

Il processo per l’applicazione del fermo su un veicolo inizia con l’invio di una comunicazione preliminare al debitore, conosciuta come preavviso di fermo.

La comunicazione avvisa il debitore che, in assenza del pagamento del debito entro 30 giorni, il fermo sarà applicato automaticamente senza ulteriori notifiche. Tuttavia, in questi 30 giorni, il debitore può fare ricorso, ad esempio dimostrando che la cartella esattoriale relativa al debito non gli è mai stata notificata.

Se, passati i 30 giorni dalla notifica del preavviso, il debitore non ha estinto il debito, richiesto una dilazione del pagamento o fatto opposizione, l’Agente della Riscossione procederà con l’iscrizione ufficiale del fermo nei Pubblici registri.

Come opporsi al fermo amministrativo

Se si ritiene che il fermo amministrativo sia stato applicato in modo illegittimo, è possibile presentare un ricorso. Un fermo si considera illegittimo in situazioni quali la non ricezione della cartella esattoriale da parte del contribuente o nel caso in cui la multa non pagata o il bollo non corrisposto siano ormai prescritti, rendendo non valida la richiesta di pagamento.

Il ricorso può essere presentato davanti a diverse autorità giudiziarie, a seconda della natura del debito che ha portato al fermo:

Come controllare se l’auto è sottoposta a fermo amministrativo

Per verificare se su un veicolo è stato registrato un fermo amministrativo, è possibile utilizzare il servizio gratuito offerto dall’Automobile Club d’Italia (ACI). Questo servizio permette ai cittadini di controllare online e senza costi se su un determinato veicolo penda un fermo amministrativo o se vi siano altri tipi di vincoli, come ipoteche o pignoramenti.

Controllare il fermo amministrativo dell’auto sul sito dell’ACI

Per verificare un eventuale fermo amministrativo di un veicolo, basta collegarsi sito web dell’ACI e qui autenticarsi utilizzando le credenziali SPID o CIE (Carta d’Identità Elettronica).

fermo-amministrativo-e-termini-per-impugnarlo-aci
Il portale ACI per il controllo del fermo amministrativo.

In seguito, è necessario inserire il numero di targa del veicolo interessato, selezionare dal menu a tendina il tipo di veicolo (ad esempio, auto o moto) e fornire il codice fiscale del proprietario.

Nella fase successiva, se il veicolo risulta avere un fermo amministrativo, il portale mostrerà tutte le informazioni rilevanti riguardanti il vincolo. In caso contrario, se non vengono rilevate informazioni su un fermo amministrativo, ciò indica che il veicolo è libero da restrizioni e che eventuali fermi precedentemente applicati sono stati revocati o non sono mai stati registrati.

FAQ: Domande frequenti sul fermo amministrativo?

Il fermo amministrativo può andare in prescrizione?

No, il fermo amministrativo su un veicolo non va mai in prescrizione. È infatti una nota che viene registrata nel Pubblico Registro Automobilistico (PRA) fino a quando il debito non viene completamente estinto.

Posso vendere un veicolo con fermo amministrativo?

Il fermo amministrativo si applica al veicolo e non al conducente, quindi è possibile vendere una moto o un motorino con fermo amministrativo, informandone il nuovo proprietario. In questo caso, il fermo al veicolo resta attivo e il nuovo proprietario dovrà aspettarne la scadenza prima di poter circolare.

Una moto con fermo amministrativo può circolare?

No, i veicoli sottoposti a fermo amministrativo non possono circolare in nessun caso. Il conducente rischia altre sanzioni, che trovate descritte nel paragrafo dedicato.

Cosa succede se continuo a circolare con un fermo amministrativo?

Circolare con un fermo amministrativo può comportare sanzioni e ulteriori conseguenze legali.

Cosa accade se il debito non viene pagato durante il fermo amministrativo?

Se il debito non viene pagato durante il fermo amministrativo, le autorità possono procedere con ulteriori azioni legali per recuperare il debito, incluso il pignoramento del veicolo.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp