Festa: E’ arrivato il momento di cedere. Per l’Avellino novità presto. Su Scandone e San Tommaso…

Le parole del sindaco di Avellino, Gianluca Festa, sull'Avellino calcio, Scandone e San Tommaso

Il sindaco Gianluca Festa (da Facebook)
2' di lettura

La notizia del giorno è una eventuale offerta da parte di una società di Roma per acquisire l’Avellino, un’offerta di 1.1 milione di euro come quella di AP Green, ma a quanto pare senza rate o molto meno. Notizia che va ovviamente ancora confermata ma arrivano pareri positivi in tal senso.

Uno di questi è quello del sindaco di Avellino, Gianluca Festa. Il primo cittadino di Avellino, ai microfoni di Radio Punto Nuovo, ha parlato della situazione in casa Avellino, delle eventuali offerte arrivate e anche di San Tommaso e Scandone.

Queste le parole del sindaco Festa: “E’ arrivata una nuova offerta da Roma per l’Avellino. Ci sono due questioni in campo, quella sportiva, dove la squadra sta facendo una stagione complicata ma che di fatto sta provando a tenere alto il nome di Avellino e con l’arrivo di Capuano ha ottenuto ottimi risultati e se l’è giocata contro squadre attrezzate per vincere il torneo. Poi c’è la vicenda della cessione societaria. Credo che sia evidente la cosa che sia il custode Baldassarre che l’ad Sidigas, Scalella, vogliano vendere, anche per prevenire eventuali problemi successivi. Una cessione potrebbe salvaguardare sia la stagione che casse societarie Sidigas. Aspettiamo notizie più precise che credo arriveranno presto, entro il 6 novembre qualcosa va fatto. Da sindaco sono attento a qualsiasi situazione. Ringrazio Baldassarre e Scalella, che dimostrano di avere a cuore le sorti dei club, inserendo nel calderone anche la Scandone. Siamo in costante contatto e hanno capito il valore dello sport in questa città e in questa provincia. Non dimentichiamo anche quanto fatto da De Cesare fino all’estate, ma è arrivato a questo punto il momento di passare la mano”.

Scandone? “C’hanno dato per morti 3 volte e siamo risorti 3 volte. La campagna acquisti è stata chiusa a 10 minuti dal termine dalla chiusura della campagna trasferimenti. Nel caso che la Sidigas dovesse risolvere i suoi problemi, anche la Scandone potrebbe risalire, in caso contrario proveremo anche con la Scandone a trovare qualche acquirente, chiaro che bisogna privare la società da ogni debito”.

San Tommaso? “Penso sia nota la nostra volontà di far disputare al club un campionato presso una struttura adeguata e nel caso il Partenio. Anche l’Avellino è d’accordo con la cogestione dell’impianto, dividendo queste spese. In questi giorni, credo giovedì, ci sarà un incontro con l’assessore Giacobbe e la società del San Tommaso per una riapertura del Partenio verso di loro, pur ringraziando il comune di Montemiletto che sta ospitando la squadra in questo momento”.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!