Festival internazionale doppiaggio Voci nell’Ombra: trionfa l’avellinese Nunzia Di Somma

Festival internazionale del doppiaggio "Voci nell'ombra": trionfo dell'avellinese Nunzia Di Somma per il miglior adattamento della serie Stranger Things



1' di lettura

“I doppiatori sono le controfigure sonore del cinema, della televisione e non solo”. Così recita la frase scelta per lanciare la ventesima edizione, del festival internazionale del doppiaggioVoci dell’Ombra“, che si è appena concluso. E c’è anche un pezzo di Irpinia fra i premiati del prestigioso concorso. Nunzia di Somma (nome completo Annunziata Di Somma), originaria di Avellino, ha vinto l’anello d’oro per il miglior adattamento della serie Stranger Things. (La foto di copertina è presa dal sito antoniogenna.net)

La serata d’onore si è svolta al teatro Chiabrera di Savona. “Voci dell’ombra” è la più longeva e importante manifestazione dedicata al doppiaggio e alla trasposizione multimediale. Questa ventesima edizione è stata presentata alla Mostra del Cinema di Venezia.

L’avellinese Nunzia Di Somma trionfa al festival internazionale del doppiaggio

Fra i personaggi doppiati in carriera, da Nunzia Di Somma, protagonisti di film: Sarita Choudhury (Sunny) in “Un marito di troppo“, Michelle Sinclair (Clancy Charlock) in “Vizio di Forma“, Susanne Wuest (Madre) in “Goodnight Mommy“. E di telefilm, come proprio “Stranger Things”, in cui la Di Somma ha doppiato Cara Buono (Karen Wheeler). L’avellinese ha “prestato la voce” anche a Amber Bartlett (Jill) in “Dallas” e Kristina Anapau (Megan Marston) in “Grimm”.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!