Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Festivi, come vengono pagati e quali sono

Festivi, come vengono pagati e quali sono

Come vengono pagati i festivi? Lo vediamo in questo articolo, con il calendario di quali sono e come sono riconosciuti.

di Marco Cagiano

Febbraio 2024

A quanto ammonta lo stipendio durante i giorni festivi? C’è ovviamente differenza in caso di festivi non lavorati, che vengono riconosciuti in un certo modo, e festivi lavorati, in cui viene invece riconosciuta una maggiorazione. Scopriamola in questo articolo (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come vengono pagati i giorni festivi non lavorati?

Quando arriva un giorno festivo, come viene pagato lo stipendio? Innanzitutto dobbiamo definire i giorni festivi come giorni riconosciuti a livello nazionale, in genere in concomitanza con festività religiose o civili, in cui in genere non si lavora.

Che sia poi effettivamente così dipende da molti elementi: dal settore in cui si lavora, dall’inquadramento contrattuale e dal ruolo che si ricopre. In alcuni casi è prevista la giornata di riposo, come accade in genere per i cosiddetti lavoratori d’ufficio, in altri casi è prevista la normale giornata lavorativa secondo una turnazione (si pensi ad esempio all’ambito sanitario) e in altri casi ancora è prevista la giornata lavorativa seguita da un riposo compensativo.

Rispondiamo ora alla domanda: come vengono pagati i giorni festivi non lavorati? Come vengono riconosciuti?

Per chi non si è dovuto recare al lavoro viene riconosciuta in genere la giornata lavorativa secondo la normale retribuzione settimanale: ai lavoratori che sono retribuiti ad ore (come ad esempio operai e impiegati), spetta per la giornata di festività la retribuzione normale giornaliera, compreso ogni elemento accessorio, ragguagliata ad un sesto dell’orario settimanale di lavoro.

Se quindi l’orario settimanale prevede 40 ore, in quella settimana vengono riconosciute 8 ore pagate per il giorno festivo non lavorato, sia esso Natale, Capodanno o la festa del Santo Patrono. In sostanza, il calcolo dello stipendio non impatta minimamente, ci si ritrova la medesima busta paga con il vantaggio di aver avuto uno (o più) giorni lavorativi in meno grazie alle festività.

Se vuoi approfondire bonus e sussidi per famiglie nel 2024, ti suggeriamo questo video:

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=Wds8w-73_cM?si=hrbdovlzvwwRBiO1&w=560&h=315]

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Come vengono pagati i giorni festivi lavorati?

Se invece ci si reca al lavoro, come funziona il pagamento? In questo caso, in genere, si ha diritto ad una maggiorazione in quanto si sta prestando lavoro in una giornata riconosciuta come festivo (in seguito vedremo anche il calendario delle festività).

Nei casi in cui si lavori effettivamente durante le festività, queste vengono compensate con una paga maggiorata. Oltre al salario normale, vengono remunerate anche le ore effettivamente svolte durante tali giorni, con una maggiorazione stabilita dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) relativo alla categoria per il lavoro festivo.

L’articolo pubblicato dai Consulenti del Lavoro il 2 novembre dello scorso anno fornisce un’analisi dettagliata delle diverse situazioni previste in merito.

In sostanza, per i lavoratori con retribuzione fissa, possiamo riassumere come segue: in caso di giorno festivo non lavorato si riceve la medesima retribuzione, in caso di giorno festivo lavorato si riceve una maggiorazione sulla base delle ore effettivamente lavorate nel giorno festivo.

Come vengono pagati i giorni festivi: il calendario

Quali sono i giorni festivi? Lo stabilisce il calendario definito da una legge del 1949, che contiene le seguenti ricorrenze festive previste annualmente:

All’elenco di cui sopra si aggiunge la festività del Santo patrono, diversa dunque per ogni paese (in genere si fa riferimento al paese o città della sede principale della propria azienda, ma è un aspetto che può variare in base alle preferenze dell’azienda stessa).

Cosa sono le festività soppresse?

Alle festività elencate si aggiungono quelle soppresse, ossia giorni che non sono più ritenuti festivi ma che hanno comunque un trattamento differente rispetto ai normali giorni lavorativi.

Le festività soppresse sono il:

In queste date sono riconosciute delle ore di permessi retribuiti sulla base di quanto definito dal proprio Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.

festivi-come-vengono-pagati
Come vengono pagati i festivi? In foto un calendario con scritta Holiday cerchiata.

FAQ: domande frequenti su come vengono pagati i giorni festivi

Come vengono pagati i giorni festivi: si può scegliere di non lavorare?

Tecnicamente sì, perché l’eventuale giornata lavorativa scatta sulla base dell’accordo tra lavoratore e datore di lavoro. Non esiste un obbligo, a meno che non si tratti di lavoratori in ambito medico-sanitario, i quali sono invece tenuti a rispettare le turnazioni e coprire eventuali urgenze ed esigenze.

Anche in questo caso, suggeriamo di approfondire la propria posizione in base a ruolo, settore e inquadramento contrattuale. In caso di lavoratore diversamente abile, sono previsti dalla Legge 104 degli esoneri.

Come vengono pagati i giorni festivi in caso di malattia?

Se una festività nazionale, infrasettimanale o il giorno del Santo Patrono coincidono con un periodo in cui il lavoratore è assente per ferie, permessi, malattia, maternità, eccetera, ha comunque il diritto di godere della festività e quindi delle relative condizioni previste, allo stesso modo degli altri colleghi.

I bonus e le maggiorazioni sono tassati: chi paga le tasse?

Sì, le maggiorazioni sulla retribuzione così come i bonus aziendali sono tassati, ma non devi preoccuparti di pagare le tasse. Come avviene per l’erogazione della normale retribuzione di ogni dipendente, l’azienda funge da sostituto d’imposta ed eroga al singolo lavoratore l’importo già al netto delle tasse.

Tassazione tredicesima: bonus super costoso?

Nonostante alcune dicerie, la tredicesima (cioè la mensilità “bonus” che ottengono molti lavoratori dipendenti) non è tassata diversamente rispetto alla retribuzione ordinaria, salvo norme specifiche che cambiano temporaneamente le aliquote.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp