Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro / Festività in busta paga: quali sono e quanto valgono (2023)

Festività in busta paga: quali sono e quanto valgono (2023)

Festività in busta paga: quali sono e come vengono calcolate?

di Carmine Roca

Gennaio 2023

Festività in busta paga: quali sono e quanto valgono nel 2023? Ne parliamo in questo approfondimento (leggi su Telegram tutte le news sul lavoro domestico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Festività in busta paga: quali sono?

Le festività in busta paga, per i lavoratori dipendenti, vengono calcolate diversamente rispetto ai giorni feriali.

Sono riconosciuti come giorni festivi:

A questi si aggiunge la festività per il Santo Patrono del Comune in cui si lavora. Parliamo di una festività legata alla contrattazione collettiva di settore, che ha la facoltà di implementare il numero di giorni festivi.

Ad esempio, la domenica di Pasqua è prevista e considerata festività da retribuire soltanto da alcuni Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro.

Scopri la pagina dedicata alle offerte di lavoro e ai diritti dei lavoratori.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul lavoro domestico ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Festività in busta paga: come vengono pagate?

Come vengono pagate le festività in busta paga? Nei giorni festivi il lavoratore percepisce regolarmente la retribuzione, anche se non lavora.

Il valore della festività in busta paga dipende da quando questa ricade durante la settimana.

Se la festività ricade dal lunedì al sabato, questa viene riconosciuta nello stipendio del lavoratore, se retribuiti in misura fissa, mentre ai lavoratori retribuiti a ore spetta la retribuzione oraria moltiplicata per il numero di ore che avrebbero dovuto lavorare quel giorno.

Se cade di domenica, quindi giorno festivo, la festività viene riconosciuta come non goduta e retribuita in questo modo:

Se il lavoratore presta servizio durante un giorno festivo, ha diritto alla retribuzione relativa alla giornata di festività, a cui va sommata la maggiorazione prevista dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro di riferimento.

Festività in busta paga
Festività in busta paga: nella foto alcune banconote e monete di euro.

Festività in busta paga: quelle soppresse

Alcune festività in busta paga sono state soppresse negli anni e non vengono più riconosciute come tali.

Parliamo di:

Mentre la festività del 4 novembre è stata anticipata alla prima domenica di novembre e viene retribuita in aggiunta alla retribuzione ordinaria, al posto delle altre quattro festività in busta paga soppresse sono state riconosciute ore di permessi aggiuntivi regolate dal Contratto di riferimento.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul lavoro domestico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp