Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Famiglia » Risparmio e Investimenti / Fine del mercato tutelato, ora che succede

Fine del mercato tutelato, ora che succede

Fine del mercato tutelato, ora che succede a chi non ha comunicato il cambio del fornitore? Cosa bisogna fare e come comportarsi. Vediamo anche cosa cambia per i cosiddetti utenti vulnerabili. Una cosa è certa: nessuno resterà senza energia.

di The Wam

Gennaio 2024

La fine del mercato tutelato del gas è iniziata il 10 gennaio. Per la luce bisognerà attendere luglio. Cosa succede ora per chi non ha scelto un nuovo fornitore? Di certo non si resterà senza energia. Ma bisogna agire con attenzione per evitare brutte sorprese. Vediamo nel dettaglio. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Fine del mercato tutelato: utenti vulnerabili

Per la fine del mercato tutelato bisogna considerare la situazione degli utenti vulnerabili, ovvero coloro che ricevono delle garanzie ulteriori sui prezzi calmierati a causa di determinate condizioni. Vediamo come sono articolate queste tutele per la luce e il gas.

Per l’energia elettrica

Gli utenti vulnerabili che rientrano nell‘estensione delle tutele per la fornitura di energia elettrica includono:

  1. Famiglie in condizioni economiche disagiate.
  2. Persone con disabilità ai sensi della legge 104.
  3. Intestatari di contratti che hanno più di 75 anni.
  4. Residenti in strutture abitative di emergenza dopo calamità naturali.
  5. Abitanti di isole minori interconnesse.

Per il gas

Per il gas, la definizione di utenti vulnerabili è simile:

  1. Persone oltre i 75 anni.
  2. Individui in condizioni economiche disagiate.
  3. Residenti in strutture di emergenza post-calamità.
  4. Persone con disabilità secondo la legge 104.

Diritti e protezioni per gli utenti vulnerabili

Mantenimento delle tariffe calmierate

Anche dopo la fine del mercato tutelato, agli utenti vulnerabili è garantito il mantenimento di prezzi calmierati. Questo significa che, nonostante il generale passaggio al mercato libero, queste categorie di utenti possono continuare a beneficiare delle tariffe stabilite precedentemente nel mercato tutelato.

Procedura per la richiesta di tutela

Non sempre il riconoscimento come utente vulnerabile avviene in automatico. In alcuni casi, può essere necessario inoltrare una domanda per poter rientrare nelle condizioni favorevoli. È importante quindi che gli utenti vulnerabili si informino adeguatamente e compiano i passi necessari per garantirsi queste protezioni.

L’importanza di essere informati

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) gioca un ruolo fondamentale nel definire le condizioni di tutela per gli utenti vulnerabili. È importante che questi utenti si tengano informati sulle condizioni e le novità pubblicate dall’ARERA, per garantirsi i migliori termini possibili per la loro fornitura di energia o gas.

Offerta PLACET per il gas

Per gli utenti vulnerabili del gas, le condizioni previste per il servizio di tutela gas, come definite dall’ARERA, includono anche le condizioni dell’offerta PLACET di gas. Questo aspetto garantisce un’ulteriore protezione e una continuità nella fornitura di gas a condizioni vantaggiose.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Cosa succede per il gas a chi non ha scelto

Nella fase di transizione verso la fine del mercato tutelato, è utile capire cosa accade agli utenti che non hanno ancora scelto un nuovo fornitore di gas.

Continuazione del servizio a condizioni simili

Se un utente non ha ancora sottoscritto le nuove condizioni di fornitura proposte dal suo attuale venditore, né ha stipulato un diverso contratto nel mercato libero, il fornitore continuerà a erogare il servizio. Questo avverrà a condizioni simili a quelle delle offerte PLACET di gas a prezzo variabile.

Libertà di scelta nel mercato libero

Gli utenti hanno sempre la possibilità di scegliere una diversa offerta nel mercato libero in qualsiasi momento. Questa flessibilità permette agli utenti di adattarsi alle nuove condizioni di mercato, cercando l’opzione più vantaggiosa.

Considerazioni per la scelta

Un passaggio fondamentale per gli utenti è il confronto delle diverse offerte disponibili sul portale dell’ARERA. Permette di valutare le varie opzioni in maniera informata, garantendo una scelta più adeguata alle proprie esigenze.

Attenzione ai costi fissi e variabili

È essenziale prestare attenzione ai costi fissi e variabili in bolletta. Nel mercato tutelato, i costi fissi annui si aggirano intorno ai 70 euro a utenza, mentre nel mercato libero questi possono variare significativamente, oscillando tra i 40 e i 180 euro annui. La comprensione di queste differenze è vitale per una scelta oculata.

Voci negoziabili e modificabili

Le voci negoziabili e modificabili dalle società di vendita includono il prezzo della materia prima e i corrispettivi di vendita. Gli utenti devono essere consapevoli di queste variabili per negoziare i termini più vantaggiosi possibili.

Conclusione

Con la fine del mercato tutelato, è indispensabile che gli utenti agiscano con informazione e consapevolezza. La scelta del fornitore di gas non è più automatica e richiede un’attenta valutazione delle opzioni disponibili. Questo passaggio rappresenta un’opportunità per trovare le condizioni più adatte alle proprie esigenze e per navigare in modo consapevole nel mercato dell’energia.

Fine del mercato tutelato, ora che succede
Nell’immagine una coppia si riscalda accanto a un termosifone.

FAQ (domande e risposte)

Che cosa accade con la fine del mercato tutelato del gas?

Con la fine del mercato tutelato del gas, iniziata il 10 gennaio, i consumatori non saranno più soggetti a tariffe regolate dallo stato, ma dovranno scegliere autonomamente il loro fornitore nel mercato libero. Questo cambiamento implica una maggiore responsabilità nella scelta del fornitore, offrendo la possibilità di valutare diverse opzioni di prezzo e servizio.

Chi sono gli utenti vulnerabili nel mercato dell’energia?

Gli utenti vulnerabili nel mercato dell’energia includono famiglie in condizioni economiche disagiate, persone con disabilità secondo la legge 104, o anziani sopra i 75 anni. Questa categoria include anche coloro che vivono in strutture abitative di emergenza a seguito di eventi calamitosi o in isole minori interconnesse, e persone con gravi condizioni di salute che richiedono apparecchiature medico-terapeutiche alimentate elettricamente.

Cosa succede se non si sceglie un nuovo fornitore di gas?

Se un utente non sceglie un nuovo fornitore di gas, il fornitore attuale continuerà a erogare il servizio a condizioni simili a quelle delle offerte PLACET di gas a prezzo variabile. Tuttavia, l’utente mantiene la libertà di selezionare un’altra offerta nel mercato libero in qualsiasi momento.

Come si definiscono gli utenti vulnerabili per il gas?

Per il gas, gli utenti vulnerabili sono definiti come individui con più di 75 anni, persone in condizioni economiche disagiate, coloro che vivono in strutture abitative di emergenza a causa di eventi calamitosi, o individui con disabilità secondo la legge 104. Questi utenti hanno diritto a condizioni speciali di fornitura e protezione.

Quali sono i passi da seguire con la fine del mercato tutelato?

Con la fine del mercato tutelato, i passi fondamentali includono:

  1. Verificare se si rientra nella categoria degli utenti vulnerabili.
  2. Nel caso non si appartenga a questa categoria, esplorare e confrontare le diverse offerte nel mercato libero.
  3. Selezionare il fornitore che meglio si adatta alle proprie esigenze di consumo e budget.
  4. Monitorare regolarmente il mercato per eventuali offerte più vantaggiose.

Come cambiano i costi fissi nel mercato libero rispetto a quello tutelato?

Nel mercato libero, i costi fissi possono variare notevolmente rispetto al mercato tutelato. Mentre nel mercato tutelato si ha un costo fisso annuo di circa 70 euro per utenza, nel mercato libero i costi fissi possono oscillare tra i 40 e i 180 euro annui. Questo richiede un’attenta valutazione delle offerte per scegliere la soluzione più conveniente.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp