Avellino calcio – Focus Vibonese, un 4-3-3 di gioventù ed esperienza

2' di lettura

L’Avellino Calcio affronterà la sua prima trasferta in Serie C domenica alle 17.30 sul campo della Vibonese. Bisognerà tenere la testa sgombra dai problemi societari e concentrarsi sulla gara, contro un avversario pericolosissimo. La squadra calabrese è reduce anch’essa da un ko all’esordio a Monopoli, ma ha giocato un calcio molto interessante e voltato all’attacco. Non è una novità infatti, visto che sulla panchina calabrese c’è Giacomo Modica, ex vice allenatore di Zeman per tanti anni, anche sulla panchina dei lupi nella stagione di Serie B 2003-04.

Il tecnico siciliano, dopo aver lasciato la Cavese, ha iniziato a luglio il lavoro con la Vibonese. Una squadra composta da tanti giovani interessanti e giocatori di esperienza di categoria.

Il gioco della Vibonese rispecchia proprio i crismi zemaniani, una squadra voltata all’attacco, che magari si scopre anche molto, ma che in fase offensiva sa essere incisiva. A Monopoli effettivamente, alla prima giornata, la Vibonese non doveva perdere. Ha fallito tantissime occasioni da gol, ma la mole di occasioni è stata enorme.

La Vibonese nelle due stagioni di Lega Pro, ha inoltre costruito le sue fortune allo stadio “Luigi Razza”. Uno stadio che può contenere fino a 6000 persone e molto a ridosso del campo, quindi il tifo dei tifosi dei “leoni” di Calabria sarà molto acceso e si sentirà.

Vibonese, l’attacco il punto di forza: ma non solo

Come dicevamo, essendo un discepolo di Zeman, Giacomo Modica ha costruito la sua Vibonese sul 4-3-3. Ovviamente l’attacco è il punto di forza della squadra. Un attacco che può contare su giovani interessanti e gente esperta. Elementi esperti. Bubas, è dal 2017 alla Vibonese e nelle due stagioni in Serie C ha trascinato i calabresi alla salvezza con 10 reti. Tumbariello è stato voluto fortemente dal tecnico Modica dalla Cavese.

Altro ottimo elemento è Leonardo Taurino, classe 1995 e giocatore di categoria superiore sul quale ci sono gli occhi di tante big. Un giocatore da tenere senza dubbio sotto osservazione. Inoltre, il reparto avanzato è stato completato dall’ottimo colpo di Gabriele Bernardotto, alla prima esperienza in Serie C e che l’Avellino conosce benissimo.

La Vibonese pratica anche un ottimo pressing come arma soprattutto in casa. In mediana c’è l’esperienza di De Col al quale si sono aggiunti i nuovi arrivati Prezioso, in prestito dal Napoli e Petterman. In difesa comanda il “professore” Errico Altobello, con l’ottimo classe 1992, Vincenzo Camilleri. Insomma, una squadra equilibrata, con giovani interessanti e di qualità.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!