Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Risparmio e Investimenti / Forme pensionistiche complementari: tutte le alternative

Forme pensionistiche complementari: tutte le alternative

Le forme pensionistiche complementari convengono oppure no? L'argomento è ampio e dibattuto. Scopri tutte le notizie utili e le novità in merito.

di Guglielmo Sano

Settembre 2021

Forme pensionistiche complementari. Cos’è la previdenza complementare? (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook)

In questo articolo analizzeremo gli strumenti messi a disposizione e come si possono sfruttare al meglio.

Diamo uno sguardo a ciò che c’è da sapere sull’argomento. Se sei interessato, continua a leggere.

Forme pensionistiche complementari: cosa sono?

Forme pensionistiche complementari. Attraverso la previdenza complementare è possibile dotarsi di un assegno “parallelo” a quello che si riceverà in base alla propria attività lavorativa e agli anni di contributi versati, fino al pensionamento.

Negli ultimi anni, la previdenza complementare è diventata un’opzione quasi fondamentale considerate le carriere lavorative sempre più discontinue e il sistema di calcolo della pensione che a poco a poco si sbilancia sul sistema di calcolo contributivo (in generale più penalizzante per il lavoratore).

La previdenza complementare è argomento ampio e dibattuto. Le potenzialità insite nella sottoscrizione di un fondo pensionistico sono semplici e chiare per tutti.

Si tratta di versare delle somme con cadenza regolare: al momento del pensionamento queste verranno restituite dalla società di gestione, anche sotto forma di rendita.

Stato pagamenti Inps 25-30 settembre: ecco gli ultimi aggiornamenti

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pensione integrativa: come funziona?

Forme pensionistiche complementari. La sottoscrizione di un fondo di previdenza complementare è un’operazione abbastanza semplice.

È bene scegliere con cura il fondo a cui aderire, considerato che si tratta sempre e comunque di un investimento. Bisogna fare bene i conti su quando si potrà andare effettivamente in pensione e quando si potrà ricevere indietro il capitale.

Le società di gestione si occupano di sviluppare un rendimento in modo tale che, oltre a quanto versato nel corso degli anni, il cliente possa ricevere anche una somma di denaro aggiuntiva.

Niente di troppo rischioso comunque: si può scegliere il profilo di rischio più adatto alle proprie esigenze. Inoltre, bisogna considerare che le somme versate nei fondi di previdenza complementare sono sottoposte a delle particolari agevolazioni fiscali: più si è vicini al pensionamento più diventano convenienti.

ATTENZIONE: Le informazioni nell’articolo sono fornite a titolo informativo e non devono essere intese come una consulenza d’investimento o un consiglio di acquisto. I contenuti hanno scopo esclusivamente divulgativo. Ogni decisione di investimento deve essere ponderata molto bene, avvalendosi del supporto di consulenti esperti. I risultati precedenti di ogni prodotto finanziario non vanno intesi come garanzia delle stesse performance in futuro. Se deciderai di investire, quindi, fallo sempre in modo responsabile.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp