Forum dei Giovani di Lapio. Tra i ragazzi è tornata la voglia di impegnarsi

Un'altra puntata del viaggio di TheWam tra i Forum dei Giovani in provincia di Avellino. Il nostro Stefano Carluccio è stato a Lapio

5' di lettura

I Forum sono delle realtà presenti ormai da diversi anni in Campania e l’Irpinia è una delle province più rappresentate. Sono un organo attivo in quasi 180 comuni campani, su un totale di 550. Quasi un terzo. E spesso fungono da collante tra i giovani e l’amministrazione comunale, dando responsabilità e fondi, contribuendo così a creare le future classi dirigente locali.

Per capire meglio cosa sono i Forum e come operano in un comune delle Aree Interne, oggi parliamo con il Presidente del Forum dei giovani di Lapio, Giuseppe Ioanna.

Quando e come nasce il Forum dei giovani a Lapio?

In passato nella nostra comunità più volte vi sono state associazioni giovanili come la nostra. L’attuale forum dei giovani rinasce, dopo cinque lunghi anni di assenza, nell’aprile scorso, in seguito alla delibera comunale che ha approvato la rifondazione di un’associazione che potesse permettere ai giovani di mettersi in gioco per il bene della propria comunità.

Quale è stata l’accoglienza della cittadinanza, e soprattutto dei giovani di Lapio, quando è stato istituito il Forum?

Sin dai primo giorni l’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo sia da parte dei giovani, che hanno da subito presentato le iscrizioni, sia da parte degli enti e delle associazioni cittadine, che non hanno perso tempo a sostenerci e ad incoraggiarci per il nostro avvenire. Non potevamo aspettarci un’accoglienza migliore!

Quali sono state le iniziative che avete portato avanti negli anni e quali quelle di cui siete più orgogliosi?

Essendo la nostra un’associazione molto giovane, abbiamo avuto poche opportunità per metterci realmente in gioco, ma grazie a queste abbiamo dimostrato il nostro affetto per questa terra e tutta la nostra determinazione e voglia di fare. Il primo grande evento da noi organizzato è stato il Palio del vino, manifestazione che era ormai caduta nel dimenticatoio della nostra comunità, da tanti, troppi anni. Questo evento ci ha permesso di confrontarci per la prima volta con varie realtà provinciali e con gli altri Forum dei giovani. Abbiamo lavorato molto per la realizzazione di questa manifestazione e, nonostante le discussioni da bar, fatte inizialmente sul nostro conto, abbiamo dato il meglio di noi, rimanendo soddisfatti e mettendo a tacere quanti in un primo momento ci hanno criticato.

Com’è il rapporto con l’amministrazione e con gli altri Forum della provincia e della Regione?

Il nostro rapporto con gli assessori e con il sindaco è a dir poco eccellente. Nel corso di questi pochi mesi di attività abbiamo avuto l’occasione di confrontarci con l’amministrazione al completo, in modo particolare con la dott.ssa Gilda Carbone,assessore alle politiche giovanili, e con il sindaco, la dott.ssa Maria Teresa Lepore, che ci hanno dato il loro sostegno, supportandoci e sopportandoci nei momenti più opportuni.

Con gli altri forum si sta alimentando sempre più un rapporto di aiuto e collaborazione reciproca, che spero ci porti a dare sempre il meglio di noi, per sostenere una terra che ha dato tanto e che ha ancora molto da regalarci.

Per accedere ai finanziamenti bisogna partecipare ai bandi regionali e presentare dei progetti. Come avete acquisito queste competenze e pensate che potranno esservi utili in futuro?

Fino a questo momento non abbiamo avuto la possibilità di partecipare a bandi regionali, a causa del fatto che, dalla nostra fondazione, non è stato presentato alcun bando adatto ad associazioni giovanili come la nostra. Però ci stiamo già attrezzando per acquisire competenze tali che ci permettano di presentare progetti seri, che possano ricevere fondi a carattere regionale e non solo.

Quali sono i progetti futuri del Forum dei giovani di Lapio e quali le prospettive che avete a medio termine?

Abbiamo in mente tante idee, è difficile realizzarle tutte, ma il nostro impegno e la nostra forza di volontà non mancano ami. Uno degli eventi che abbiamo in programma è un convegno, che si terrà il prossimo 23 novembre, in ricordo del celeberrimo terremoto del 1980; interverranno esperti di ogni tipo. Alla manifestazione, che si svolgerà di mattina, sono stati invitati a partecipare anche gli studenti di numerosi licei della provincia; l’invito è comunque aperto a tutti. Per saperne di più in merito vi invito a seguire i nostri profili social, tenuti sempre aggiornati, nei quali descriveremo al meglio l’evento.

Qual è la situazione in Irpinia dal punto di vista dell’impegno giovanile in enti come il Forum o altre associazioni? Si sta tornando a fare politica o ai più giovani non interessa?

La situazione in Irpinia dal punto di vista dell’impegno giovanile è cambiata radicalmente e la nostra associazione è una prova di questo. Fino a qualche tempo fa i giovani avevano un ruolo marginale nella nostra comunità, ma grazie all’impegno di tutti noi, grazie alla nostra forza di volontà e grazie al fatto che molti di noi si sono rimboccati le maniche per cambiare la situazione, oggi non è più così, ed è stato questo il nostro primo piccolo grande traguardo. Dal punto di vista politico la nostra associazione non si è mai esposta più di tanto, perché fare politica non è il nostro compito, non fa per noi, ed escludo totalmente che tra noi ci sia qualcuno che si sia iscritto nell’associazione per iniziare una carriera politica; il nostro compito è invece quello di valorizzare la nostra terra, facendola apprezzare prima ai nostri concittadini, e poi a coloro che vengono ad ammirarla; il nostro obbiettivo è quello di impedire “la fuga dei cervelli” dalla nostra comunità. Per molti questa era utopia fino a qualche tempo fa, ma speriamo che la situazione cambi presto.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!