Il Forum dei Giovani di San Martino Valle Caudina: siamo certi, qualcosa sta cambiando

Continua il nostro viaggio tra i forum giovanili della provincia di Avellino. IL nostro Stefano Carluccio è stato a San Martino Valle Caudina

5' di lettura
I Forum sono delle realtà presenti ormai da diversi anni in Campania e lʼIrpinia è una delle province più rappresentate. Sono un organo attivo in quasi 180 comuni campani, su un totale di 550. Quasi un terzo. E spesso fungono da collante tra i giovani e lʼamministrazione comunale, dando responsabilità e fondi, contribuendo così a creare le future classi dirigenti locali.
Per capire meglio cosa sono i Forum e come operano in una comune delle Aree Interne, oggi parliamo con i ragazzi del Forum dei giovani di San Martino Valle Caudina.


Quando e come nasce il Forum dei giovani a San Martino Valle Caudina?
Grazie a voi per questa chiacchierata insieme. Beh, il Forum dei Giovani nel nostro paese esiste da molti anni ormai, basti pensare che molti giovani dell’attuale Direttivo, che ora sono studenti universitari, erano bambini quando il Forum era già operativo. Crescendo, abbiamo sentito il desiderio di contribuire a questo progetto, entrando attivamente nelle attività del Forum. 

Quale è stata lʼaccoglienza della cittadinanza, e soprattutto dei giovani di San Martino Valle Caudina, quando è stato istituito il Forum?
Il Forum negli anni ha sempre goduto dell’attenzione e del rispetto di tutta la cittadinanza, dai giovani ai più grandi. Tutti i Direttivi del Forum alternatisi negli anni hanno ricevuto elogi e critiche (per lo più costruttive), e crediamo questo denoti un certo attaccamento alla nostra associazione. Per una piccola realtà come la nostra, oggi sarebbe impensabile non avere un riferimento come il Forum: sentiamo di avere una responsabilità verso tutti i giovani e la comunità. Questo ci rende molto orgogliosi.

Quali sono state le iniziative che avete portato avanti negli anni e quali quelle di cui siete più orgogliosi?
L’attuale Direttivo è in carica dal 2018. Il Direttivo viene rinnovato ogni 3 anni, con delle elezioni ufficiali, quindi siamo circa a metà percorso. Per quanto ci riguarda, abbiamo cercato di prendere tutto il meglio fatto da chi ci ha preceduto, cercando comunque di portare idee nuove da trasformare in progetti ambiziosi. A Dicembre dello scorso anno, all’interno della rassegna “Illumina La Notte” che si ripeterà anche quest’anno, abbiamo organizzato un Silent Party in piazza XX Settembre. Ad Agosto invece abbiamo organizzato l’Holi Party presso il Villino del Balzo, ispirandoci alla festa di origine indiana che ormai è celebrata in tutto il modo. Questi eventi hanno riscosso un ottimo successo e ora sentiamo di voler fare sempre meglio. Forse però, il progetto di cui siamo più orgogliosi è il cortometraggio “Perché sei tu Giulietta?” che ci ha dato la possibilità di conoscere e lavorare con altri Forum, su tutti quello di Apice, in provincia di Benevento. E’ stata un esperienza incredibile, abbiamo dato tutti noi stessi, e siamo davvero felici del risultato finale. Il corto, finanziato dalla Regione Campania, affronta il tema della raccomandazione. Abbiamo avuto modo di organizzare una proiezione per alcune classi delle scuole Elementari e Medie del nostro paese, e il dibattito che ne è seguito crediamo sia stato molto formativo per loro, e per noi.

Comʼè il rapporto con lʼamministrazione e con gli altri Forum della provincia e
della Regione?

Il rapporto con l’amministrazione è ottimo, abbiamo instaurato un buon dialogo che ci porta a capire subito se un progetto è realizzabile o meno. Siamo comunque abbastanza autonomi, abbiamo massima libertà sui progetti da scegliere e da portare a termine e questo per noi è molto importante. Per quanto riguarda gli altri Forum, come detto in precedenza abbiamo stretto una bella amicizia con il Forum di Apice, un gruppo esperto che sta facendo molto bene da anni. Parte del nostro cortometraggio è stato girato ad Apice: siamo stati accolti molto bene e lavorare lì, anche se per poco, è stato bello e divertente. Nella nostra area, la Valle Caudina, alcuni Forum sono poco operativi o inesistenti, mentre altri, come il Forum di Paolisi, sono attivi da pochi mesi. Speriamo in futuro di lavorare di più con i Forum limitrofi.

Per accedere ai finanziamenti bisogna partecipare ai bandi regionali e
presentare dei progetti. Come avete acquisito queste competenze e pensate
che potranno esservi utili in futuro?

Inizialmente, molto importante per noi è stato l’aiuto dell’amministrazione. E’ fondamentale controllare spesso la pubblicazione di nuovi bandi, sia per valutare opportunità interessanti, sia per avere tempo a sufficienza per preparare e consegnare un progetto. Certamente, imparare a rispettare tutti i parametri richiesti ci preoccupava all’inizio, ora siamo molto più sicuri di noi stessi e possiamo comunque contare sull’aiuto di chi ha più esperienza. A volte il miglior modo per imparare e confrontarsi direttamente con qualcosa di nuovo.

Quali sono i progetti futuri del Forum e quali le prospettive che avete a medio termine?
Stiamo lavorando ad un progetto molto ambizioso per il 2020 che al momento è ancora allo stato embrionale, speriamo possa andare tutto per il meglio. Per le prossime festività natalizie invece organizzeremo un evento che possa divertire i giovani come già fatto finora, cercando di migliorarci e magari di portare nel nostro paese qualcosa di nuovo. Non è facile organizzare eventi a cadenza settimanale o mensile in una piccola realtà come la nostra, ma ci piacerebbe un giorno arrivare a questo livello. Ci impegniamo anche per costruire delle solide basi per i Forum futuri.

Qual è la situazione in Irpinia dal punto di vista dellʼimpegno giovanile in enti
come il Forum o altre associazioni? Si sta tornando a fare politica o ai più
giovani non interessa?

Non conosciamo tutta la realtà a livello provinciale, ma la sensazione è che qualcosa si sta muovendo. Un Forum dei Giovani, una Pro Loco o un associazione di altro tipo, sono enti che lavorano per la comunità, con la comunità. La partecipazione degli abitanti è imprescindibile, un associazione fine a se stessa non ha senso di esistere. Noi cerchiamo di coinvolgere il più possibile i giovani, anche se a volte abbiamo la sensazione di sbattere contro un muro: un po’ perché gli interessi dei giovani cambiano di generazione in generazione e non sempre si è bravi a individuare progetti interessanti e coinvolgenti da organizzare o sviluppare, un po’ perché alcuni non sono interessati a partecipare alle attività. Speriamo di riuscire ad abbattere questo muro, creando un legame più forte con i giovani del nostro amato paese.
Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!