Frode internazionale, sequestro milionario: irpino in manette

Frode internazionale, sequestro milionario: irpino in manette
2' di lettura

E’ irpino uno dei capi di una associazione a delinquere, finalizzata alla frode fiscale internazionale, che operava nel settore delle grande distribuzione e in quello dei prodotti domestici. Questo è quanto emerge dall’ordinanza firmata dal gip del tribunale di Nocera Inferiore che ha portato all’esecuzione di dieci misure cautelari.

Frode fiscale internazionale: così funzionava il sistema guidato da un irpino

Fra le violazioni ricostruite dalle fiamme gialle ci sono una serie di operazioni fiscali sospette con l’emissione di fatture e altri documenti inesistenti. I reati sarebbero stati commessi fra più Stati.

Così in carcere è finito un uomo di San Michele di Serino e due persone di Mercato San Severino, considerati gli ideatori dell’associazione. Quattro indagati sono invece i ai domiciliari, mentre per altre tre è stato disposto l’obbligo di dimora.

Il gip ha anche emesso un provvedimento di sequestro preventivo per 1.600.000 euro, disponendo la confisca di beni riconducibili agli indagati e alle società italiane ed estere finite nell’inchiesta.

Le indagini delle fiamme gialle poggiano su una consistente mole di intercettazioni ambientali e telefoniche, oltre a una serie di dichiarazioni rese dalle vittime della presunta frode.

Frode fiscale internazionale: le società nel mirino

Sei le società finite nel mirino degli investigatori che operavano, oltre che in Italia, anche in Inghilterra, Spagna, Lituania Romania e Bulgaria. Mentre in Italia una rete di aziende “cartiera” rendeva difficile risalire alla provenienza dei soldi.

Su di loro è stato concentrato il debito d’imposta (l’IVA a debito sulle cessioni che non viene versata) e che deriverebbe dalla successiva vendita ai clienti coinvolti nella filiera illecita.

Questo – secondo la ricostruzione degli inquirenti – permetteva di offrire prezzi fuori mercato e stroncare la competizione. Una concorrenza sleale che si alimentava proprio dell’indebito credito Iva, generato grazie all’annotazione di fatture inesistenti.

I flussi finanziari verso clienti esteri hanno insospettito gli investigatori che si sono focalizzati, in particolar modo, su due società cartiere che avrebbero raccolto gran parte dei proventi della frode.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie