Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza dopo luglio: come e per chi? Tabella

Reddito di cittadinanza dopo luglio: come e per chi? Tabella

Scopri le ultime notizie sul futuro del Reddito di cittadinanza dopo luglio 2023.

di The Wam

Giugno 2023

Il Reddito di Cittadinanza (Rdc) destinato a a scomparire nel 2024. Già nel 2023 la durata verrà ridotta per alcuni beneficiari. Vediamo di chi si tratta e quali sono le misure che prenderanno il posto del sussidio destinato alle famiglie con basso reddito. (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Toglieranno il Reddito di cittadinanza nel 2023?

La Legge di Bilancio 2023 (Legge n. 197/2022) ha disposto che tutti i nuclei familiari con almeno una persona con disabilità ai fini ISEE, un ultrasessantenne o un minorenne potranno beneficiare del Rdc per tutto l’anno. Di conseguenza, per queste famiglie l’ultima mensilità del Rdc sarà quella di dicembre 2023.

Il Decreto Lavoro (DL n. 48/2023, art. 13, comma 5) ha successivamente esteso il diritto all’Rdc fino a dicembre 2023 a una categoria più ampia.

Oltre ai nuclei con disabili, minori o ultrasessantenni, avranno diritto al Rdc per tutto l’anno 2023 anche coloro che, prima della scadenza dei sette mesi, sono stati presi in carico dai servizi sociali perché non attivabili al lavoro.

La firma del Patto implica la presa in carico da parte dei servizi sociali e deve essere apposta entro l’inizio di luglio.

Scopri cosa succederà al Reddito di Cittadinanza dopo luglio 2023 sul sito di TheWam.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed  entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Reddito di cittadinanza fino a luglio 2023? Chi rischia di perderlo

Per tutti coloro che non si trovano nelle condizioni sopra descritte, il Rdc durerà solo 7 mesi in totale nel 2023. Pertanto, a perdere il Rdc ad agosto saranno tutte quelle persone che lo ricevono da gennaio 2023 e che non hanno in famiglia persone minorenni, disabili o ultrasessantenni e dove il richiedente non ha firmato il Patto di inclusione sociale.

CategoriaDurata Rdc 2023Dettagli
Nuclei familiari con almeno una persona con disabilità ai fini ISEE, un ultrasessantenne o minorenneFino a dicembre 2023L’Rdc è garantito per l’intero anno
Nuclei presi in carico dai servizi sociali perché non attivabili al lavoroFino a dicembre 2023Questi nuclei devono firmare il Patto di inclusione sociale prima di luglio
Altri nuclei familiari che non rientrano nelle due categorie precedentiSolo per 7 mesi nel 2023L’Rdc cesserà ad agosto per i nuclei familiari che ricevono il sussidio da gennaio 2023

Per capire chi rientra nella definizione di “occupabile” per il Reddito di Cittadinanza, visita la pagina Chi sono gli occupabili per il Reddito di Cittadinanza.

futuro-reddito-di-cittadinanza-luglio-2023-novita
Il Reddito di cittadinanza sarà cancellato nel 2024 – Nella foto un orologio e delle monete.

Reddito di cittadinanza 2024: che succederà dopo la scadenza del Rdc

Il Decreto Lavoro ha introdotto le misure che sostituiranno il Rdc dopo la sua scadenza. Ai nuclei con componenti inoccupabili, ossia dove almeno una persona con disabilità ai fini ISEE, un minorenne o ultrasessantenne, spetterà l’Assegno di inclusione (DL n. 48/2023, art. 1).

Questa misura entrerà in vigore solo a gennaio 2024, poiché è destinata a quanti possono ricevere l’Rdc fino a dicembre 2023.

Invece, i nuclei con soli membri occupabili, che perderanno l’Rdc ad agosto, non potranno richiedere l’Assegno di inclusione. Per loro è stata prevista una misura alternativa, chiamata Supporto per la formazione e il lavoro, che dovrebbe entrare in vigore dal 1° settembre 2023.

Per entrambe le misure, tuttavia, manca ancora il decreto attuativo che spiegherà in dettaglio la loro normativa e la modalità di inoltro delle richieste.

Proprio l’assenza di documenti attuativi, impedisce di condividere i dettagli delle modalità operative legate alle nuove misure.

MisuraCategoriaDettagli
Assegno di inclusioneNuclei con almeno un membro inoccupabile (disabile, minorenne, ultrasessantenne)Misura attiva dal gennaio 2024 per chi ha diritto all’Rdc fino a dicembre 2023
Supporto per la formazione e il lavoroNuclei con solo membri occupabili (tra i 18 ed i 59 anni)Misura attiva dal settembre 2023, solo per chi ha un ISEE familiare fino a 6.000 euro

Per conoscere tutte le date relative ai pagamenti dell’Assegno Unico e del Reddito di Cittadinanza nel mese di giugno 2023, consulta la pagina Date Assegno Unico e Reddito di Cittadinanza giugno 2023.

Come funziona l’Assegno di Inclusione?

I requisiti economici per accedere all’Assegno di Inclusione sono simili a quelli del Rdc, con un ISEE massimo di 9.360 euro e altre condizioni legate al patrimonio mobiliare e immobiliare.

Come funziona il Supporto per la formazione e il lavoro?

Il Supporto per la formazione e il lavoro è la misura dedicata a quanti hanno tra i 18 ed i 59 anni e non hanno diritto all’Assegno di Inclusione.

A differenza dell’Assegno di Inclusione, il Supporto per la formazione e il lavoro sarà una misura personale, che quindi può essere richiesta da più persone all’interno dello stesso nucleo familiare. Ogni percettore avrà un importo fisso di 350 euro al mese per 12 mesi versato su conto corrente.

Tuttavia, questa misura è molto più selettiva del Rdc nei requisiti, poiché è richiesto un ISEE familiare di massimo 6.000 euro all’anno.

La misura prevede una serie di iniziative che dovrebbero accompagnare i beneficiari nel mondo del lavoro.

FAQ: Domande frequenti

Cosa succederà al Reddito di Cittadinanza da luglio 2023?

Da luglio 2023, il Reddito di Cittadinanza continuerà a essere corrisposto fino a dicembre 2023 solo per alcune categorie di nuclei familiari: quelli con almeno un membro disabile, ultrasessantenne o minorenne, e quelli in cui il percettore principale ha firmato il Patto di Inclusione Sociale.

Quali sussidi sostituiranno il Reddito di cittadinanza?

Il Reddito di Cittadinanza sarà sostituito da due principali sussidi: l’Assegno di Inclusione, destinato ai nuclei con componenti inoccupabili, e il Supporto per la Formazione e il Lavoro, destinato ai nuclei con persone definite occupabili.

Come funziona l’Assegno di inclusione?

L’Assegno di Inclusione è una misura destinata ai nuclei con almeno una persona con disabilità ai fini ISEE, minorenne o ultrasessantenne. L’importo base può aumentare se nel nucleo ci sono ulteriori minori o altre persone disabili o ultrasessantenni.

Quanto durerà ancora il Reddito di cittadinanza?

Per i nuclei familiari che rientrano nelle categorie specificate dal Decreto Lavoro (DL n. 48/2023, art. 13, comma 5), il Reddito di Cittadinanza durerà fino a dicembre 2023. Per tutti gli altri, durerà solo per i primi 7 mesi del 2023. Vedi i primi paragrafi dell’articolo per trovare una tabella che ti aiuterà a fare chiarezza.

Come funziona il Supporto per la formazione e il lavoro?

Il Supporto per la Formazione e il Lavoro è un sussidio destinato ai nuclei con soli membri occupabili. E’ una misura personale, quindi può essere richiesta da più persone all’interno dello stesso nucleo familiare. Ogni percettore avrà un importo fisso di 350 euro al mese per 12 mesi e avrà accesso a un percorso di accompagnamento al lavoro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Rdc:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp