Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Risparmio e Investimenti / Gestore di luce e gas, come scegliere il più vantaggioso

Gestore di luce e gas, come scegliere il più vantaggioso

Gestore di luce e gas, come scegliere il più vantaggioso ora che si completa il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero, cosa verificare.

di The Wam

Dicembre 2021

Gestore di luce e gas, come scegliere il più vantaggioso. Una questione non da poco, soprattutto in questi periodi, caratterizzati da un consistente aumento dei prezzi dell’energia (che hanno contribuito a far crescere l’inflazione). Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati su diritti degli invalidi e legge 104

L’obiettivo, ovviamente, è quello di risparmiare, preferendo quindi il gestore di luce e gas che offre le tariffe migliori.

Gestore di luce e gas: cambiare è semplice

Oltretutto scegliere e cambiare gestore è semplice. E soprattutto: niente rischi e niente spese aggiuntive.

Si fa tutto in un paio di settimane. E non temete: durante il passaggio sarà comunque garantita l’erogazione di energia.

Sul sito Sostariffe sono stati verificati e studiati tutti i passaggi necessari per completare la procedura.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Gestore di luce e gas: nessuna penale

A cominciare dalla prima inevitabile domanda: chi cambia il fornitore di luce e gas è poi costretto a pagare delle penali?

Ebbene no, nessuna penale. Il passaggio dal mercato tutelato a quello libero non prevede dei costi. Non ci sono vincoli contrattuali. E come detto: nessuna interruzione della fornitura di energia.

Ovviamente la questione cambia in caso di voltura, che prevede il cambio dell’intestatario di un contratto che è già stato attivato in precedenza. In questo caso c’è un costo e anche l’attesa.

Gestore di luce e gas: e il contatore

Ma quando si cambia il fornitore di luce e gas è necessario cambiare anche il contatore? No, per niente. Cambia la società di vendita di energia, mentre quella che si occupa della distribuzione resterà sempre la stessa.

Gestore di luce e gas: burocrazia

La transizione da un gestore all’altro potrebbe non essere gratis se è già stato fatto un passaggio dello stesso tipo negli ultimi 12 mesi.

Se accade verrà inserito un contributo nella bolletta. Di quanto? Beh, difficile dirlo: dipende dal fornitore.

Per le questioni burocratiche non c’è da preoccuparsi. Se ne occuperà il nuovo fornitore. Spetta a lui comunicare al vecchio gestire l’avvenuto recesso del contratto.

Al cliente viene chiesto solo di attendere il termine di questa procedura.

Gestore di luce e gas: i tempi

Non è un tempo indeterminato. La legge ha previsto delle scadenze precise.

Il termine si chiama “termine di preavviso”. E quello rappresenta la soglia limite entro la quale dovrà essere verificato e completato il recesso del precedente contratto.

Nel frattempo a fornire l’energia è sempre il vecchio gestore che invierà il conguaglio in bolletta. L’ultima, evidentemente.

Il cambio di gestore avviene sempre il primo giorno del mese. O meglio, a un mese dal primo giorno che succede quello in cui è stato comunicato al vecchio gestore il recesso del contratto.

Qualche giorno prima che si completi la transizione bisognerà comunicare al nuovo gestore la lettura dei contatori di luce e gas così da consentire alla fatturazione che subentra di essere calcolata correttamente.

Gestore di luce e gas: i dati

Come avete visto la procedura è davvero semplificata. L’iter per il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero è stato imposto dall’Arera (Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità). E l’obiettivo è stato quello di rendere più facile e corretta la concorrenza tra tutti i gestori che stanno cercando spazio sul mercato libero dell’energia.

In questo modo sarà anche più agevole per il cliente trovare e scegliere la soluzione che si rivela più vantaggiosa.

Il nuovo gestore chiederà questi dati:

Gestore di luce e gas: il decalogo

Per scegliere bene Sostariffe ha elaborato un decalogo da seguire per capire davvero qual è l’offerta più conveniente e che meglio si adatta alle nostre esigenze:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp