Green pass a scuola, lunedì si parte: le regole

Green pass a scuola, lunedì si parte: le regole per il nuovo anno e le consuete polemiche che riguardano in particolare i controlli. I dirigenti scolastici sul piede di guerra: se non si applicano le misure previste riceveranno delle sanzioni. Pronta la piattaforma per scovare i docenti e il personale scolastico non vaccinato. Aumenta il numero degli immunizzati tra prof e alunni.

4' di lettura

Green pass a scuola, lunedì si parte: le regole. Ci siamo, domani suona la campanella per milioni di studenti. Si ricomincia, il protocollo è pronto. Anche le polemiche, come sempre.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

C’è anche la piattaforma, consentirà ai presidi di controllare facilmente il green pass di docenti e personale scolastico. Il Dpcm che autorizza l’uso della piattaforma è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Sarà attiva già da lunedì, nel sistema Sidi.

Come funziona? Un tasto consente di segnalare l’assenza di un dipendente per mancanza del green pass.

Green pass a scuola: problema controlli

Green pass a scuola, dunque. Ma le polemiche non mancano. Una riguarda il green pass a scuola anche per i genitori che accompagnano in classe i figli piccoli.

Il problema è sui controlli. Chi e come farli. Chi deve chiedere il green pass a un genitore che entra a scuola per un qualsiasi? E se si rifiuta? Chi deve imporre le eventuali sanzioni?

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Green pass a scuola: sanzioni ai presidi

A proposito di sanzioni per il green pass a scuola. Nel protocollo sono previste multe anche per i presidi se i controlli all’ingresso delle scuole non sono stati organizzati o non vengono effettuati in modo adeguato.

Sanzioni che vanno dai 400 ai 1000 euro.

I dirigenti scolastici sono sul piede di guerra. Qualche sindacato ha già annunciato uno sciopero, proprio il 13 settembre, primo giorno di scuola.

La sintesi è questa: «Il governo non ha imposto l’obbligo vaccinale e ora scarica la responsabilità sulle scuole. Negli istituti scolastici non si possono imporre le stesse misure utilizzate per le pizzerie».

Green pass a scuola: partenza nervosa ma con più ottimismo

Una partenza nervosa, dunque. Forse però con una punta di ottimismo in più rispetto allo scorso anno, quando già alla ripresa era palese a tutti che non sarebbe stato un anno “normale” e che il ricorso alla didattica a distanza sarebbe stato inevitabile.

La differenza è tutta nei vaccini, che quest’anno ci sono.

Green pass a scuola: aumentano i vaccinati tra prof e alunni

E infatti numero dei vaccinati tra gli insegnanti, il personale scolastico e gli studenti è in costante crescita. I professori vaccinati con almeno una dose sono ormai il 93.1 per cento. Restano senza copertura in 103mila, ai quali bisogna sottrarre qualche migliaio di docenti che sono esenti dal vaccino per ragioni di salute o perché guariti dal covid.

Alta anche la percentuale di studenti tra i 16 e i 19 anni: il 75% ha avuto almeno una dose, il 50% è invece completamente immunizzato.

Nella fascia tra i 12 e i 15 anni il 52,5% ha fatto almeno una dose.

Green pass a scuola: i trasporti

Ma la sicurezza a scuola, lo sapete, passa anche dai trasporti. Un altro banco di prova importante. Il nodo cruciale che per due anni non si è riusciti a sciogliere. E anche anche quest’anno deve essere messo alla prova.

Green pass a scuola: ingressi e uscite scaglionate

Sei grandi città su quindici, e in particolare Milano, Roma e Napoli, hanno confermato i doppi turni di ingresso e uscita per spalmare l’afflusso su orari diversi. Si entra alle 7,45 e alle 10, con modalità che cambiano da città a città e che sono state concordate con i singoli prefetti.

Si è pensato, e giustamente, ad aggiungere altri bus in circolazione oltre a quelli già in funzione. Ci saranno 5833 mezzi pubblici in più (con Puglia ed Emilia Romagna che hanno fatto su questo settore gli investimenti più rilevanti).

Le corse sono aumentate, rispetto ai primi mesi del 2021, del 10 per cento.

Sarà invece gettato lo stock di mascherine che era stato acquistato nel 2020, si è scoperto qualche mese fa che non erano a norma. Una delle tante leggerezze commesse lo scorso anno all’inizio dell’anno scolastico.

Green pass a scuola: aumento possibile dei contagi

Gli esperti ritengono che la ripresa delle scuole potrebbe provocare un fisiologico aumento dei contagi. Ma le misure di sicurezza previste e i vaccini dovrebbero consentire di contenere il numero in limiti accettabili, così da evitare emergenze sanitarie (un alto numero di ricoverati).

Si pensa all’obbligo vaccinale

Restano comunque da vaccinare altri 10 milioni di italiani. Operazione difficile però, convincere molti di loro è decisamente complicato. Anche per questo il governo sta discutendo sulla possibile imposizione dell’obbligo vaccinale.

Si potrebbe arrivare per gradi, dopo aver esteso ancora di più il green pass obbligatorio.

I prossimi passi saranno il green pass per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni, subito dopo si passerà ai lavoratori del settore privato.

Per ora si parte con il green pass a scuola. Da lunedì si saprà se il protocollo del governo sarà efficace e gestibile.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie