Green pass per colf e badanti: come e quando controllarlo

Come controllare il green pass per colf e badanti e quali sono gli obblighi del datore di lavoro in merito? Vediamolo insieme in questo approfondimento.

3' di lettura

Negli ultimi tempi, parecchie persone si sono chieste se sussista l’obbligo di green pass per colf e badanti (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Abbiamo quindi deciso di darti tutte le informazioni utili in merito, in questo articolo di approfondimento.

Vedremo insieme quando controllare il certificato verde dei lavoratori domestici.

Obbligo green pass per colf e badanti

Per rispondere alla domanda in apertura: sì, sussiste obbligo di green pass per colf e badanti.

In particolare a partire dal 15 ottobre 2021 colf, badanti, babysitter e tutti gli altri lavoratori domestici sono tenuti a possedere e presentare (quando richiesto) una Certificazione Verde valida per svolgere la propria attività.

A verificare che il green pass sia attivo e sia quello adeguato per il lavoro sarà il datore di lavoro o una persona da lui delegata.

Ti ricordiamo, inoltre, che, dal 10 gennaio 2022, per recarsi nei luoghi di lavoro non basta il semplice green pass base, che si ottiene con un tampone negativo, ma è necessario il Super Green Pass che si riceve in seguito al vaccino o alla guarigione.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Controllo green pass dei lavoratori domestici

Dopo avervi chiarito la presenza dell’obbligo di green pass per colf e badanti, veniamo ora agli aspetti più pratici e cerchiamo di capire insieme come verificare la validità del documento.

Con l’introduzione del Super Green Pass infatti sono anche cambiate le possibilità relative al controllo.

È possibile infatti programmare la verifica direttamente allo scadere della data di validità del Pass.

Colf, badanti, babysitter e tutti gli altri lavoratori domestici potranno consegnare al datore di lavoro una copia cartacea della Certificazione Verde, per evitare di mostrare periodicamente il certificato digitale.

Lo strumento principale di controllo della validità rimane comunque l’applicazione Verifica C-19 da installare su dispositivi mobili e utile per individuare anche la tipologia di green pass dei lavoratori (e accertarsi così che abbiano ricevuto il vaccino o siano esenti per guarigione da covid).

Nel caso in cui il collaboratore domestico non abbia il Super Green Pass dovrà essere considerato assente ingiustificato.

Questo vuol dire, fin dal primo giorno: sospensione della retribuzione, dell’indennità di vitto e alloggio e interruzione del pagamento di contributi Inps e Cassacolf.

green pass per colf e badanti
Green pass per colf e badanti: come e quando chiederlo.

Se invece il lavoratore non ha Super Green Pass ma ha già prenotato il vaccino, valgono i documenti cartacei che attestano la situazione.

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza, ma se hai ancora dubbi sul green pass per colf e badanti non esitare a scriverci su Instagram.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie