Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bandi e Concorsi » Lavoro / I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online: non verranno più pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.

di The Wam

Giugno 2022

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online a partire dal prossimo anno, non verranno più pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Lo ha stabilito il governo, una rivoluzione epocale, che cambia l’approccio dei cittadini alla partecipazione ai bandi. Chi vorrà partecipare a un concorso dovrà infatti collegarsi al sito InPa, che è una sorta di linkedin della Pubblica Amministrazione e lì troverà tutte le selezioni e le procedure di domanda.

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online: dalla Gazzetta a InPa

Il portale InPa sarà dunque l’unica via d’accesso alla pubblica amministrazione per i concorsi ordinari e per le procedure di reclutamento straordinario che sono legate all’attuazione del Pnrr.

Scopri la pagina dedicata alle offerte di lavoro e ai diritti dei lavoratori.

In quello spazio web i cittadini potranno dunque controllare:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online: i servizi

Nei prossimi mesi saranno inserite anche altre altre funzionalità, che riguardano:

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online: i vantaggi

I vantaggi per i cittadini sono ovviamente importanti. (vedi come trovare lavoro senza esperienza)

Per questi motivi:

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online / Lotteria degli Scontrini

Quella dei bandi per i concorsi pubblici sono online non è l’unica novità approvata dal governo. È stata infatti anche ufficializzata la lotteria degli scontrini istantanea. Una sorta di Gratta e Vinci contro l’evasione discale.

Il governo aveva l’obbligo di migliorare la precedente versione della lotteria degli scontrini che si era rivelata un vero fallimento. (Rdc, niente multa a chi rifiuta il lavoro, ecco perché)

La scelta di renderla immediata potrebbe spingere a una partecipazione popolare molto più estesa (non per nulla si replica il diffuso sistema del gratta e vinti).

L’emendamento spiega come partecipare all’estrazione (al quale possono partecipare tutti i maggiorenni residenti nel nostro Paese): si deve associare all’acquisto effettuato con pagamento elettronico il proprio codice lotteria.

Semplice, efficace, veloce: se si vince si riceve subito il premio. Una modalità che piace agli italiani ed evita le strade tortuose e per certi versi incomprensibili della precedente versione della lotteria.

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online / Sale gioco

Il governo ha anche prorogato di nuovo le concessioni alle sale giochi. In questo settore si va avanti a colpi di proroghe da almeno sei anni. Le concessioni sono infatti scadute dal 2016, e da allora gli esecutivi non sono riusciti a bandire delle nuove gare.

Il motivo? Con nuove concessioni entrerebbero in vigore anche le nuove regole regionali che dal 2018 impongono distanze che di fatto sancirebbero l’espulsione dai centri cittadini delle sale gioco.

Chi pagherebbe per una concessione che non potrà quindi mai essere sfruttata? E così l’unica soluzione è andare avanti da proroga a proroga.

L’ultima approvata dal Senato avrà validità per i prossimi due anni. Scadrà nel giugno del 2024. E non è certo gratuita: i concessionari delle sale giochi dovranno pagare 7.500 euro per ogni sala e 4.500 euro per ogni punto scommesse all’interno di tabacchi o bar.

La proroga iniziale avrebbe dovuto durare fino al termine dell’anno per poi adeguare le sale giochi alle normative. Poi si è preferita una scadenza più lunga.

I bandi per i concorsi pubblici saranno solo online / Sale gioco e la legge

Ma vediamo cosa prevede invece la legge (mai applicata):

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp