I permessi legge 104 devono essere programmati?

I permessi legge 104 devono essere programmati? Vediamo cosa dice la legge e la differenza tra dipendenti pubblici e privati.

5' di lettura

I permessi legge 104 devono essere programmati? La questione è stata spesso terreno di scontro tra datori di lavoro e fruitori dei permessi retribuiti (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE:

I permessi legge 104 devono essere programmati: dipendenti pubblici

In questo articolo verifichiamo come funziona nella pubblica amministrazione e nei posti di lavoro privati.

Partiamo dai dipendenti pubblici.

Di recente alcuni contratti della pubblica amministrazione hanno introdotto delle novità, una in particolare: il lavoratore che assiste un familiare con disabilità grave deve predisporre una programmazione mensile e solo in caso di urgenza potrà comunicare l’assenza nelle 24 ore precedenti e comunque non oltre l’orario di inizio dell’attività lavorativa.

In particolare le norme riguardano questi comparti:

  • funzioni centrali
  • enti locali;
  • istruzione;
  • ricerca
  • sanità.

Scopri la pagina dedicata ai benefici connessi alla Legge 104.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

I permessi legge 104 devono essere programmati: tre norme

Per i dipendenti di questi settori sono state inserite nei contratti tre norme:

  • i dipendenti hanno diritto, ove ne ricorrano le condizioni, a fruire dei tre giorni di permesso di cui all’articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, numero 104. I permessi sono utili ai fini delle ferie e della tredicesima mensilità e possono essere utilizzati anche ad ore, nel limite massimo di 18 ore mensili;
  • per garantire la funzionalità degli uffici e la migliore organizzazione dell’attività amministrativa, il dipendente, che fruisce dei permessi di cui al comma 1, predispone, di norma, una programmazione mensile dei giorni in cui intende assentarsi, da comunicare all’ufficio di appartenenza all’inizio di ogni mese;
  • in caso di necessità ed urgenza, la comunicazione può essere presentata nelle 24 ore precedenti la fruizione dello stesso e, comunque, non oltre l’inizio dell’orario di lavoro del giorno in cui il dipendente utilizza il permesso.

I permessi legge 104 devono essere programmati: solo caregiver

È opportuno precisare che queste disposizioni riguardano solo i caregiver familiari, e cioè i lavoratori che assistono dei familiari con disabilità, (I permessi legge 104 sono cumulabili?)

Sono esclusi da queste “regole” i dipendenti con disabilità che fruiscono per se stessi dei periodi di permesso retribuito.

Non c’è nessun riferimento preciso. E quindi resta quanto stabilito fino a ora: i dipendenti con disabilità non hanno la necessità di programmare le assenze.

I permessi legge 104 devono essere programmati: settore privato

Se nel settore pubblico si è arrivati a una regolamentazione che mette fine ad annose questioni sulla fruizione dei permessi, nel settore privato la situazione è un po’ più sfumata.

Ma ci sono delle prassi consolidate che dovrebbero garantire sia il lavoratore che ha il compito di assistere un familiare con disabilità, sia il datore di lavoro che deve gestire e far funzionare al meglio la sua azienda. (Permessi legge 104, quante ore di assistenza?)

I permessi legge 104 devono essere programmati: principi generali

Come detto non esiste una disciplina normativa sulla programmazione dei permessi. Per questo motivo vengono richiamati dei principi di carattere generale che consentono la coesistenza delle esigenze del datore di lavoro con quelle del dipendente che deve fruire dei permessi legge 104.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Il ministero del Lavoro rispondendo a due interpelli (il numero 31 del 2010 e il numero 1 del 2012) ha riconosciuto al datore di lavoro la facoltà di chiedere ai dipendenti la programmazione dei permessi. A patto comunque che questa programmazione non comprometta i diritti della persona con disabilità a una adeguata assistenza.

Nelle circolari si riconosceva la possibili al datore di lavoro di chiedere una programmazione dei permessi fruiti dal dipendente. Poteva essere a cadenza mensile o settimanale.

E poteva farlo quando:

  • il lavoratore che assiste la persona con disabilità sia in grado di individuare preventivamente le giornate di assenza;
  • la programmazione non comprometta il diritto del disabile a una effettiva assistenza;
  • si seguano criteri quanto più possibile condivisi con i lavoratori e le loro rappresentanze.
I permessi legge 104 devono essere programmati?

I permessi legge 104 devono essere programmati: accordi mensili o settimanali

Queste ipotesi possono trovare una soluzione con accordi a cadenza mensile o settimanale tra il datore di lavoro e i beneficiari dei permessi. (Tutti i documenti per i permessi legge 104)

Anche i giudici della Cassazione hanno stabilito (sentenza numero 175 del 2005 – Sezione Civile) ha affermato la necessità di intese tra lavoratori e datori di lavoro che non facciano prevalere gli interessi di una parte, ma siano inquadrati in un regime di reciproca comprensione.

Per cui la programmazione settimanale o mensile resta una buona regola di base, ma ciò non esclude che in presenza di improvvise urgenze la tutela dell’assistenza al familiare con disabilità sia prevalente rispetto agli interessi dell’azienda.

Come detto in alcuni contratti collettivi nazionali questa regolamentazione, con tempistiche ben definite, è già stata inserita. Ma dove queste norma non è stata ancora definita può essere utilizzata la prassi che abbiamo appena descritto.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie