I vestiti possono essere pignorati?

I vestiti possono essere pignorati? Un ufficiale giudiziario può prelevare dall'armadio del debitore abiti di pregio o firmati? Vediamo cosa dice la legge, l'elenco dei beni impignorabili, quando è invece possibile “sequestrare” degli indumenti durante una espropriazione forzata.

4' di lettura

I vestiti possono essere pignorati? Un ufficiale giudiziario può arrivare in casa aprire gli armadi e decidere quale dei vostri indumenti deve finire all’asta per rimborsare almeno in parte il creditore?

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

O i vestiti rientrano nell’elenco degli oggetti non pignorabili, come il letto, il tavolo da pranzo o il frigorifero? E c’è una differenza tra abiti di pregio, firmati, e gli altri indumenti di uso più quotidiano?

Ne parliamo in questo articolo. E vedremo che in alcuni rari casi si possono anche pignorare gli indumenti. Ma non sempre. Ciò non toglie che l’ufficiale giudiziario possa comunque verificare bene quello che c’è negli armadi. E a volte anche nelle tasche degli abiti che sono conservati all’interno.

I vestiti possono essere pignorati? L’articolo 514

Partiamo subito con una premessa. Che non solo è essenziale, ma sgombera il campo da parecchi dubbi e di fatto risponde già alla domanda di questo articolo: i vestiti possono essere pignorati?

L’articolo 514 del codice di procedura civile, quello per intenderci che regola le cose che non possono essere pignorate, inserisce in una lista – anche piuttosto lunga – anche i vestiti tra gli oggetti impignorabili.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

I vestiti possono essere pignorati? Di pregio o no…

La legge non fa nessuna differenza tra abiti o scarpe di pregio e quelli di uso quotidiano.

Abiti pregiati o firmati, che avrebbero comunque un valore in un’asta giudiziaria. O meglio: avrebbero la possibilità di essere rivenduti per racimolare parte del denaro preteso dal creditore.

I vestiti possono essere pignorati? Non come i mobili

Ma la normativa non fa nessuna distinzione. E quindi l’ufficiale giudiziario non potrà toccare il completo di Armani “nuovo nuovo” o l’abito da seta in pura seta acquistato per il matrimonio della figlia o della sorella.

Una distinzione che invece il legislatore ha previsto per i mobili.

Infatti per quanto riguarda l’arredamento non sono pignorabili i mobili “essenziali”:

  • tavolo da cucina e sedie
  • frigorifero
  • letto
  • armadi e così via.

Però se l’ufficiale giudiziario trova un cassettone di pregio, un comodino di antiquariato, un quadro di valore, può agire e sottoporre quegli oggetti a pignoramento.

I vestiti possono essere pignorati? Frugare negli armadi

La questione abiti non è mai stata sollevata da qualche ufficiale giudiziario o creditore. Ovvero i magistrati non si sono mai pronunciati sulla opportunità o meno di pignorare dei vestiti.

Ciò non toglie però che l’ufficiale giudiziario possa aprire gli armadi (può farlo) e verificare se all’interno, tra gli abiti o nelle tasche dei vestiti, il debitore abbia nascosto qualche oggetto di pregio (orologi di valore, gioielli, denaro).

L’ufficiale giudiziario, per fare questa operazione di controllo, non avrà bisogno di nessun tipo di autorizzazione. Semplicemente può farlo. È la legge che glielo consente.

Non avrà neppure necessità di essere in compagnia di vigili urbani, polizia o carabinieri.

È anche vero, comunque, che è piuttosto raro vedere un ufficiale giudiziario frugare nei cassetti o negli armadi. È utile sapere, però, che se vuole può farlo.

I vestiti possono essere pignorati? Se sono di un commerciante

Ma i vestiti possono essere pignorati? O meglio, abbiamo visto che no, non è possibile. Ma è sempre così?

Non proprio.

In un caso i vestiti possono essere pignorati. E del resto ci sembra scontato: se il debitore che sta subendo l’esecuzione forzata è in possesso di abiti per scopi commerciali, ebbene quegli indumenti – che si suppone siano anche nuovi – possono essere prelevati e venduti all’asta.

Del resto non rientrano nei beni essenziali del creditore. Non sono cioè assimilabili agli abiti che un qualsiasi cittadino conserva nel suo armadio.

Beni essenziali, come abbiamo visto, al pari dello stesso armadio, del letto, delle sedie, del tavolo da pranzo, della cucina e del frigorifero.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie