Pomodori, capre, tempo lento: I Villani conquistano Avellino

4' di lettura

Bisogna riappropriarsi della naturalezza dei gesti e delle attese. Perché proprio nei tempi della natura risiede il nostro essere umani. Il film Villani”, di Daniele De Michele, alias Don Pasta, è un calcio in culo alla società moderna e ai suoi ritmi forsennati che hanno svuotato le nostre vite del senso che dovrebbe animarle. Perché un mondo che corre dietro a tutto, in realtà è un mondo animato da niente.

Quattro umili villani

Sul grande schermo, messo a disposizione dal Tilt di Avellino, in una sala gremita per l’occasione, sono andate in scena le vite dei quattro personaggi del film. Quattro villani (Totò contadino del paesino siciliano di Alcamo, Modesto e Brenda allevatori e produttori di formaggi nel Sannio in Campania, Luigina contadina dei Monti del Pasubio nel Trentino e Santino e Michele pescatori e allevatori di cozze a Taranto in Puglia). Ci hanno parlato di pesca, allevamento, agricoltura, cucina familiare.

I Villani di De Michele raccontano che “fare agricoltura con lo “zappone” significa rimettere in produzione quello che facevano i nostri nonni. Ma non per vendere i prodotti ai soli ricchi, con la farsa dei cibi bio. Semplicemente per vivere come si faceva una volta”.

Scena del film I Villani - Foto tratta dal sito www.donpasta.com
I Villani – scena del film. Foto tratta da www.donpasta.com

Alla riconquista del tempo

E così, sullo schermo, viene srotolata una trapunta di esistenze, tenute insieme non dalla corsa al guadagno o dalla affermazione popolare, ma dalla riconquista del proprio tempo e dalla fatica. Lavoro che, un tempo, nobilitava l’esistenza contadina. 

Coltivo dunque sono

In un universo simile, animato dai ritmi ancestrali della natura, ha davvero senso quel “coltivo dunque sono”. Un modo di adattarsi ai tempi della terra e del sole, per essere ripagati con prodotti che di quella terra sono il frutto più prezioso. Anche la cucina popolare diventa la metafora di una evasione da vite sempre più ingabbiate in rigidi schemi depersonalizzanti: esisti se guadagni, eppure, quando hai fatto i soldi, poi devi farne ancora e ancora.

Il valore della semplicità

Per i villani, invece, il pomodoro non è il primo mattone di una produzione industriale, ma l’ultimo tassello di un percorso iniziato con la semina e continuato con la cura quotidiana.

Lo spiega bene una contadina che racconta come “i tempi di mio padre erano scanditi da momenti semplici che lui conosceva alla perfezione. Sapeva quando rassodare il terreno o irrorare le viti. Ora i contadini non osservano più”.

La vera rivoluzione

Così come i pescatori non sanno più come aprire una cozza col coltello. E gli allevatori non si fermano ad ascoltare quello che le capre “stanno dicendo”. Mentre proprio in quella naturalezza dei gesti, per citare Marco Messina dei 99 Posse, risiede la vera rivoluzione. La vera chiave per sottrarsi ai rigidi dogmi di una società troppo spesso vuota di senso e di sapore. 

La sceneggiatura dei Villani è stata affidata, oltre che a Daniele De Michele, anche ad Andrea Segre. Mentre della fotografia si è occupato Salvatore Landi, del montaggio Donatella Ruggiero e della musica, oltre a Marco Messina anche Sacha Ricci, mentre del suono Luca Ranieri. Il film è una produzione Malia, i produttori sono: Giorgio Magliulo e Alessandra Acciai e i  co-produttori Antonio Badalamenti e Davide Nardini.

In collaborazione con: Rai Cinema, in associazione con: Evernex ItaliaUnipol BancaBlumax

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie