Cultura

Il mare si racconta: ascolta la sua voce|AUDIO

0
1' di lettura
Il mare si racconta: voce “prestata” da Salvatore Mazza del Clan H


(La partenza)

Mare:

Io sono il mare. Sono l’ignoto. La partenza, l’arrivo. Sono il sogno sonoro. Decido io chi mi puo’ valicare. Mai credere e pensare di essere piu’ forte di me. So essere romantico, canto triste di rantoli e madre fedele. Io sono il mare, feroce e maligno. E’ semplice guardarmi soltanto dalla terra ferma ma quando ti accolgo e sei in me, posso diventare inaccessibile. Lì nel punto in cui tutto è orizzonte mi unisco al cielo.

Io sono il mare. Custodisco il profondo, ignoto e libero, sconfinato ed eterno. Io sono il mare e nessuno mai mi svuoterà. Sono le onde, i marosi e la schiuma.

Io non faccio paura, io sono il mare e faccio il mare. Con il vento taglia l’aria, pesci e uccelli marini. Io sono il mare e non mi fermo, anzi sono tempesta e mi scateno.

(il ritorno)

Mare:

Io sono il mare. Voce di grandezza unica e libera. Sono anche il ritorno. NOSTOI. C’è però chi puo’ governarmi. Chi è più forte di me. Lei…La Donna ammantata di bianco. Lei, la Donna che viene a placarmi, ad ammansirmi. La Vergine. La Donna Immacolata. Ha tutti i doni del cuore e concede il perdono.

Io, su tutte le furie, cerco di inghiottire, di capovolgere, di distruggere ma Lei mi ricorda che per qualcuno non è arrivato ancora il momento. Continuerò a custodire segreti nell’immensa vastità del silenzio. Io sono il mare. Troppe volte prendo, poche volte restituisco.

Ma il mio compito non è finito. Oggi è andata così ma arriverà domani! E allora tornerò ad urlare tempesta…

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Entra nel gruppo di Facebook e ricevi news, video e immagini esclusive. Partecipa a TheWam!

Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.